Magazine Informazione regionale

PAVIA. A Pavia arriva il soccorritore di prossimità: accordo Croce Rossa - Comune.

Creato il 19 novembre 2015 da Agipapress
PAVIA. A Pavia arriva il soccorritore di prossimità: accordo Croce Rossa - Comune. PAVIA.Arriva anche a Pavia il soccorritore di prossimità. I volontari non si sostituiranno al 118 ma garantiranno un maggiore presidio del territorio.
Si tratta di 12 lavoratori, 6 di Pavia e 6 del territorio provinciale che potenzieranno il settore Servizi Sociali e la sicurezza cittadina a costo zero per il Comune. 
Una possibilità che si apre grazie a un accordo tra la Croce Rossa italiana e il Comune di Pavia e che proseguirà per tutto il 2016. 
Alla base dell'accordo, la privatizzazione della Croce Rossa; mentre l'80% dei dipendenti lombardi da marzo hanno un contratto di tipo privatistico e lavorano per Areu, il restante 20 % ha voluto mantenere il contratto pubblico. Si tratta di circa 200 lavoratori, messi a disposizione delle amministrazioni locali per svolgere mansioni affini alla loro  formazione professionale. 
A Pavia la preparazione della convenzione è stata affidata a Roberto Rizzardi, consigliere comunale della lista civica a sostegno di Massimo Depaoli e medico del 118. Rizzardi ha organizzato lo scorso febbraio un incontro al quale hanno partecipato il direttore regionale, Claudio Malavasi, e i vertici provinciali: il presidente Piacentini, il segretario Bassanese e il responsabile della protezione civile Vicini. 
Interlocutori erano il sindaco Depaoli e gli assessori Gregorini, Ruffinazzi, Canale e Moggi. L'intenzione è quella di impiegare i dipendenti, che continueranno a vestire la classica uniforme della Croce rossa, soprattutto nel settore dei Servizi Sociali, per esempio con interventi a supporto delle strutture che attualmente ospitano i minori stranieri non accompagnati. 
I dodici lavoratori potrebbero essere anche impiegati nel presidio delle zone più frequentate della città, come per esempio stazione o piazza Petrarca, nonché nell'assistenza ai vigili urbani in occasione di sfratti o durante i controlli per la movida. 
La figura del soccorritore di prossimità sta sempre più emergendo in Lombardia. A Milano, ad esempio, alcuni operatori sono stati recentemente destinati alla Stazione Centrale per prestare assistenza ai profughi siriani.
di Serena Baronchelli

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :