Magazine Informazione regionale

PAVIA. Al Broletto il Carnevale in cucina con le opere su carta dell’architetto Tomaso Buzzi

Creato il 07 settembre 2015 da Agipapress
PAVIA. Al Broletto il Carnevale in cucina con le opere su carta dell’architetto Tomaso Buzzi PAVIA. Carnevale in cucina. Opere su carta di Tomaso Buzzi è la mostra che s’inaugura sabato 20 settembre alle ore 18 nello Spazio per le arti contemporanee del Broletto 2, e che resterà aperta fino al 27 settembre prossimo. Si tratta di un’accurata selezione di chine e carboncini di Tomaso Buzzi (Sondrio 1900- Rapallo 1981) artista riservato ed eclettico, uno dei più grandi architetti italiani del ‘900. PAVIA. Al Broletto il Carnevale in cucina con le opere su carta dell’architetto Tomaso BuzziOltre alla carriera ben più nota di architetto, infatti, Buzzi era dotato di una particolare predisposizione al disegno che emerge da schizzi, matite, acquerelli, chine e carboncini  tutte caratterizzate da un tratto nervoso e vibrante.
Le fantasie di cuochi di diverse nazionalità, forme e colori, silhouette appena accennate che volteggiano, anche a testa in giù, tra pentole e piatti; alcuni soli, altri in compagnia di altri cuochi in quella che appare una vera “carnevalata di cuochi”. Organizzata da Giorgio Forni, Direttore della Fondazione Sartirana Arte cui appartengono le “Fantasie di cuochi”, in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Pavia, la mostra presenta personaggi molto amati da Buzzi, inventati e ritratti fin dai primi anni trenta del ‘900 quando con Giò Ponti illustrò il volume La cucina elegante ovvero il Quattrova illustrato pubblicato per le edizioni Domus nel 1931. PAVIA. Al Broletto il Carnevale in cucina con le opere su carta dell’architetto Tomaso Buzzi Gli orari per le visite: da martedì a venerdì ore 17-20, sabato e domenica 10:30-12:30; 17-20. L’ingresso è libero.
Il talento di Buzzi Buzzi, Nervi Ponti, tre grandi figure dell’architettura italiana del novecento, valtellinesi d’origine e protagonisti, eclettici e creativi, non solo di un processo di rinnovamento tecnico e formale della loro disciplina, ma anche di quella articolazione della cultura del progetto che chiamiamo design. Buzzi e Ponti in particolare poi furono straordinari inventori di nuovi filoni delle arti decorative: si pensi soltanto al ruolo di Buzzi alla direzione artistica della Venini nei primi ani 30.
PAVIA. Al Broletto il Carnevale in cucina con le opere su carta dell’architetto Tomaso BuzziRaffinato dandy, Buzzi era rigoroso selezionatore di una committenza privata di altissimo livello: i Volpi di Misurata, i Cini, gli Agnelli, i Necchi, i Visconti di Modrone, i Pirelli, la crema della nobiltà e dell’imprenditoria italiana. Con una scelta snob e coraggiosa di distacco dal regime e persino da Ponti, Buzzi proseguiva la sua strada da solo, armato solo del piacere e della ricerca curiosa dell’ignoto, del viaggio, dell’esplorazione, del sogno. Frenetico e magnifico grafico, era onnivoro divoratore di immagini e creatore di fantasie visionarie e divertite, di interi cicli di opere: dai “cuochetti” agli “angeli veneziani”, ai “progetti utopici” che diedero vita a quel lucido delirio strutturato che divenne il complesso di edifici alla “Scarzuola” di Montegabbione, scrive Giorgio Forni, Direttore della Fondazione Sartirana Arte. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :