Magazine Africa

Pensieri politicamente "scorretti" /Reading e genesi di "Ricordi di un angelo sporco" di H.Mankell

Creato il 02 gennaio 2013 da Marianna06

Ricordi_angelo_sporco_marsilio

 

“Vivo in un mondo nero in cui i bianchi consumano le proprie energie ingannando sia se stessi che i neri, pensò. Sono convinti che gli abitanti di qui non se la caverebbero senza di loro, e che i neri abbiano meno valore perché credono che nei sassi e negli alberi alberghino gli spiriti. Ma i neri, a loro volta, non capiscono come si possa maltrattare un figlio di Dio al punto da inchiodarlo a una croce. Si meravigliano dei bianchi che vengono qui animati da una tale frenesia che nel giro di poco tempo soccombono al cuore, che non riesce a stare al passo nella loro caccia a potere e ricchezze. I bianchi non amano la vita. Amano il tempo, e ne hanno sempre troppo poco.”

 

Pic1

 

L’input per romanzo di Henning Mankell nasce da una conversazione avvenuta, per caso, con un suo amico e scrittore di “cose” africane e di  storie d’Africa , tale Tor Sallstrom.

E’ proprio l’amico che riferisce a Mankell di un documento rinvenuto nel vecchio archivio coloniale di Maputo,all’epoca Lorenço Marques,  nel quale c’è traccia di una donna svedese, realmente esistita e lì residente ma sopratutto grande contribuente in materie di tasse in quanto ricchissima.

E che sia giunta,ai primi del ‘900, fin lì è possibile,sostiene lo stesso Sallstrom, perché le navi cariche di legname svedese,dirette in Australia, facevano sempre sosta in Mozambico per i normali rifornimenti. E poi proseguivano.

 E,  molto spesso, su quelle navi c’erano anche donne, impiegate come cuoche di bordo.

 

Un messaggio emerge con chiarezza da tutto il racconto di Mankell ed è che avidità e menzogna sono connotazioni prevalenti dell’agire dell’essere umano. Bianco o nero indifferentemente. Vecchio e nuovo “colonialismo”. Ieri e oggi. E’ tutto uguale. Non cambia assolutamente niente.

Hanna o Ana (una volta inculturata nel luogo), la protagonista, donna giovane e ingenua, e anche molto povera all’inizio del racconto, ne fa la scoperta per gradi, attraverso incontri e storie personali, e diviene, gioco forza, suo malgrado,  adulta.

Nella post-fazione Mankell dice molto chiaramente che il suo racconto  è basato sul “poco” che sappiamo e sull’enorme quantità di cose che non sappiamo.

Questo, infatti, è ciò che mette in moto, sempre, uno scrittore “autentico” quando inizia a dare vita ai suoi personaggi e l’inserisce, attraverso vicende più o meno complicate,e con più o meno successo, all’interno di una “storia”.

 

   a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)

Nsw_nr_jacaranda_bg

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pensieri nuvola

    Pensieri nuvola

    Questa nuvola per ora, poi dopo leggerò notizie e reader, guarderò un po' di tg, e mi metterò qui a fare cose, tipo l'amore con una tastiera qwerty, nera, con... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il valore dei ricordi

    valore ricordi

    Non so se anche per gli altri è così, ma per me i ricordi hanno un valore inestimabile, unico, e perdere oggetti che ne sono pieni è un ver... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ
  • Ricordi Natalizi

    Ricordi Natalizi

    Leggendo su un blog amico alcune riflessioni sul Natale, non ho potuto fare a meno di ripensare a come siano per me cambiati i sentimenti legati a tale evento.D... Leggere il seguito

    Da  Candidonews
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Pensieri sparsi

    Pensieri sparsi

    mattina di shopping gioiellesco, oggi, in compagnia del maritopreferito a farmi da assistente, a reggere il cestino dove mettevo le mie scelte, i vari pezzi... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Pensieri sparsi

    Pensieri sparsi

    ho voglia di creare.la scorta di pietre e perline del'ultima volta è finita (le pietre dure, di swarovsky ne ho ancora...) e io ho voglia di creare. solo che... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Ricordi

    Ricordi

    Quanti ricordi, vecchio ,caro ulivo,e il vento che filtrava le tue frondee il tronco che cresceva qui muschiatodall’altra parte secco ed assolato!Eri un fuscell... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • “D’Eramo, ricordi di… Luce”

    “D’Eramo, ricordi Luce”

    La CITTA’ DI ALATRI e l'Assessorato alla Cultura invitano all’evento organizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Malamente“D’Eramo, ricordi di…... Leggere il seguito

    Da  Ciociaria
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ