Magazine Società

Pensioni: riforma o mattanza?

Creato il 19 ottobre 2012 da Lebarricate @gaetano_rizza

 

19 ottobre 2012By

Pensioni: riforma o mattanza?


(Puoi visualizzare il video anche direttamente su YouTube)
Ieri sera sono andato a letto presto. Cosa strana.
Pe presto intendo mezzzanotte, non certo le 22:00.
Stamattina naturalmente alle 5:00 ero a letto con gli occhi spalancati, quindi mi sono alzato per prepararmi la mia leggerissima colazione di sempre: quattro fette biscottate integrali, caffè e latte senza zucchero utilizzando solo una pastiglia di saccarina.
Dopodichè ho acceso il Pc per controllare la posta e nel frattempo ho acceso piano piano la Tv.
Si è accesa su La7 che stava trasmettendo la replica di Omnibus di ieri.
Tra gli ospiti Tremonti, Angeletti, Polito.
Ognuno diceva la sua sulla riforma delle pensioni effettuata dal ministro Fornero, ministro che come diciamo da sempre ha scambiato il suo essere al governo in qualità di tecnico, con l’esserlo come pasionaria contro i diritti dei lavoratori pensando che solo sacrificando una parte dela società, la parte debole, si possano salvare i conti dell’Italia.
Convinta come è che la parte della società da salvare sia la società che conta: “la società che vive alle spalle di lavoratori”. Il resto, dunque, per lei, abbiamo visto sulla nostra pelle come sia sacrificabile.
Tremonti sosteneva il valore della sua riforma delle pensioni basata sull’aumento dell’aspettativa di vita che avrebbe raggiunto i risultati ottimali gradualmente nel tempo. Sosteneva pure che l’età pensionabile non si può aumentare per decreto intervenendo su qualcosa che era già stato pianificato. D’accordissimo!
Angeletti da parte sua ha detto una cosa indubbiamente intelligente: La Fornero avrebbe dovuto fare in modo che tutti gli accordi tra datori di lavoro e dipendenti fatti entro il dicembre 2011 non regolamente depositati alla camera del lavoro (moltissimi) che prevedevano un’uscita del lavoratore anticipata , dovevano essere nulli. In questo modo si sarebbe evitato di lasciare questi lavoratori nella merda a causa dell’improvviso ed imprevisto aumento dell’età pensionabile voluto dalla pasionaria che sta spendendo la sua ultima tranche di vita contro i lavoratori per mantenere sè stessa e quelli come lei, parassiti tutti, nel lusso.
Perfetto! Tremonti dice che la riforma è sbagliata, Angeletti pure, chi ha un minimo di sale in zucca pure.
Al contrario Monti Fornero ABC & C. non si smuovono dal loro sostegno alla mattanza, confortati in questa linea dai loro sostenitori che trovansi anche tra i cittadini.
Per il momento la stanno vincendo questi ultimi la loro battaglia dei diritti e dei privilegi contro e alle spalle della povera gente.
Ma i segnali di rottura di coglioni da parte nostra sono sempre più evidenti e la pentola sembrerebbe non reggere più la pressione a cui è sottoposta.
Sono mesi e anni che diciamo queste cose…
Quanto, la pentola, è ancora in grado di sopportare questa enorme pressione?
Quanto danno farà quando scoppierà?
IL CRONISTA

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine