Magazine Cultura

Penso dunque chi sono, peter weissman, lantana editore

Creato il 18 maggio 2011 da Atlantidelibri
Chemical Structure of LSD (Lysergic acid dieth...

Image via Wikipedia

Memorie di un anno psichedelico, recita il sottotitolo. Un memoir illuminante per tornare alle atmosfere del 1967, in piena era hippie!

PENSO DUNQUE CHI SONO, PETER WEISSMAN, LANTANA EDITORE

Accolto negli Stati Uniti con entusiasmo dai lettori di più generazioni, Penso, dunque chi sono? è stato apprezzato soprattutto per la capacità di rendere fuori da ogni cliché l’irripetibile vitalità e le contraddizioni di un anno entrato a far parte della Storia: il 1967 dell’era hippie.

Supportata da una straordinaria memoria visiva che ha impresso ogni dettaglio, volto e situazione nella mente dell’autore, la scrittura di Weissman crea un effetto unico, rendendo i fatti narrati allo stesso tempo precisi e lontani, vivi, ma in un passato irraggiungibile. I vagabondaggi per le stra­de di New York, la Summer of Love a San Francisco, e tutta l’odissea di esperienze catalizzate dalle droghe psichedeliche sono stati elaborati da Weissman per quasi trent’anni. E via via che la rievocazione scorre – dalle speranze iniziali al fallimento della comune, alla morte dell’amico Tom e alla ricerca delusa di un amore – lascia il posto ai dubbi evocati dal titolo: Penso, dunque chi sono?

«Scritte nell’arco di tre decenni durante i quali l’autore ha fatto i mestieri più disparati, queste memorie psichedeliche non conoscono l’autocompiacimento. Fanno rivivere con un pizzico d’ironia un’era per ciò che è veramente stata». Tommaso Pincio, RollingStone

«È un libro unico, che si aggiunge al pantheon della letteratura visionaria! Benvenuto! Mr. Weissman sta all’LSD come Burroughs all’eroina e Hunter Thompson allo speed». Amazon.com

perché leggerlo:

· Un’epoca mitica raccontata senza retorica

· Per gli appassionati di Kerouac, Thomson, Wolfe e della controcultura americana

· Una scrittura piena d’intelligenza, originale e ironica



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog