Magazine Cultura

Pentesilea – Stuprata Speranza

Creato il 05 ottobre 2011 da Abattoir

di Delia Dattilo

Pentesilea – Stuprata Speranza

Foto di René Purpura

L’Odissea teatrale di Francesca Vaccaro e delle “ulissidi” della sua compagnia sta tracciando, nel tempo, un itinerario fittissimo e intricato che, partendo dal nucleo indefinito e primigenio delle propensioni percettive e ricettive umane, passa attraverso il reticolato delle specificità attitudinali per ritornare all’informalità consapevole del sentire la vita nelle sue innumerevoli stratificazioni.

Cosciente della storia culturale occidentale e dei suoi deficit, la giovane regista ha decretato la personale demolizione degli imbarazzi che questa è stata capace di provocare nel corso del tempo dell’uomo e sui quali ha stabilito una dittatura della forma, svuotata di un senso che vuole fortemente recuperare e che è ricongiunto inconsapevolmente al mito: il senso della civiltà.

Un percorso, quindi, circolare, che proprio nella circolarità ritrova la ragione di una perfezione che non necessita della drammaturgia istituzionale per recuperare la forza della sua sussistenza metastorica, infrastorica, lucidissima.

Lo spettacolo di “denuncia” “Pentesilea – Stuprata Speranza” contesta l’assenza, nel teatro come nella vita, di un’adesione diretta dell’individuo con la realtà del dolore e delle lesioni in cui il tempo della sofferenza si erge a rappresentante di un piano ideale e simbolico della manifestazione e della cognizione non compromessa, ma compiuta nella suggestione.

La contestazione della Vaccaro non comporta, tuttavia, ermetismi linguistici e contenutistici, al contrario, produce una sorta di epifania nel e del travaglio che, a partire dalla condizione di solitudine, trova naturalmente una ricostituzione sociale nell’apertura alla qualità del disagio e alle ferite che, soltanto se riconosciute nella loro vera sostanza, possono, così, connettersi nella sede teatrale dove il ruolo della maschera viene esplorato secondo prospettive esistenziali e non teatrali.

Il titolo dello spettacolo, dedicato alla figura mitologica dell’amazzone, concentra in sé l’allegoria della sofferenza fisica e gli oltraggi del corpo, autoinflitti e subiti a causa delle costanti esposizioni al mondo esterno, dove tenta di esprimersi la nobile precarietà del femminile.

La mater dolorosa di cui abbiamo testimonianze storiche ed epiche, reali o ideali; la mater la cui etimologia l’associa alla materia, quindi al contenuto che, in quanto tale, è suscettibile in ogni istante di violazione e metamorfosi spesso violente e, per quello che è, presuppone un contenitore, anch’esso passibile di mutamenti critici, etici.

Alter ego – dualità – relativismo: Francesca Vaccaro intende porre un accento sull’importanza della presa di coscienza della costante duale, su cui si edifica la vita: maschio-femmina, fuori-dentro. L’esposizione dell’alter ego femmineo di un simbolo universale del vigore, quale Achille, sul quale, stando alle fonti mitologiche, l’amazzone Pentesilea prevale vittoriosa; un trionfo che la donna paga amaramente attraverso la divina punizione, nel vilipendio del corpo.

Una storia di perdita della propria integrità, sacrificata per mettere a tacere il relativismo e privilegiare l’idea dell’assoluto, che è maschile ma, da millenni, è avallato dalla remissività del genere femminile.

Ecco allora che alla denuncia viene riconsegnato il suo valore originario, per il quale torna a essere il propulsore sociale dell’indagine delle proprie macerie riconvertibili – attraverso un atto di coraggiosa meta-archeologia – nella mater animata, nella vera narrazione collettiva che scolpisce nel tempo il grande Episodio Umano.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Anche la speranza è andata via...

    Anche speranza andata via...

    Purtroppo anche l'ultima speranza di una prognosi sbagliata è andata via.La diagnosi è stata confermata anche nell'eco di 2°livello :anencefalia e acrania... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Una Bella Poesia sulla Speranza

    Bella Poesia sulla Speranza

    Qualche tempo fa mi capitò di leggere questa bella poesia di Henry Wadsworth Longfellow (uno scrittore statunitense) che voglio condividere con voi sperando... Leggere il seguito

    Da  Ida Vitalibera
    CULTURA, POESIE, SALUTE E BENESSERE
  • Un filo di speranza.....Occupy Wall Street!!!!

    filo speranza.....Occupy Wall Street!!!!

    La Grande Mela mi fa riscoprire il sapore della frutta, il retrogusto che ne ricavo e quello della sorpresa perché questo è un frutto speciale. Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • SPruNTZeL 150 - BAGLIORE DI SPERANZA

    SPruNTZeL BAGLIORE SPERANZA

    Una possibile soluzione? Vi ricordo che questo fine settimana sarò a Lucca comics a fare propaganda a Spruntzolo!Chi sarà lì riceverà una striscia inedita... Leggere il seguito

    Da  Pietrobzemelo
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI, TALENTI
  • Siamo senza speranza

    Siamo senza speranza

    Un anno fa moriva il regista Mario Monicelli. Molte volte ha rilasciato interviste,dove parla di politica e società; vi lascio uno stralcio di una... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Recensione: L'ASSAGGIO di Federica Speranza

    Recensione: L'ASSAGGIO Federica Speranza

    Buona sera a tutti! Stasera sono qui a battere i tasti del mio pc per scrivere la recensione del libro L'Assaggio di Federica Speranza edito dalla 0111 Edizioni. Leggere il seguito

    Da  Tricheco
    CULTURA, LIBRI
  • Sole e la speranza

    Sole speranza

    Carmela LeuzziArka edizioni, 2010, IllustratoEtà di lettura: Scuole primarieIl racconto è tratto da una storia vera quella di Ester Ada, a cui è stata dedicata... Leggere il seguito

    Da  Milena Z
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI

Dossier Paperblog