Magazine Diario personale

Per continuare un discorso

Da Lucas

Perché lo faccio? Perché continuo con questo esercizio pressoché quotidiano? La verità?Per quanto fallace sia dire “la verità”, credo che, in fondo, quello che t'ho detto a voce dianzi non sia tutto, cioè non sia sufficiente, non completi e non esaurisca la motivazione, lo sprone. In altri termini, ciò che mi spinge tutti i giorni (o quasi) a espormi, con pensieri parole opere e omissioni (per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa) è mera pornografia. Che altro sennò? Oh, certo, non di quella classica che uno va in giro coi genitali di fuori a infilare buchi o viceversa, tutto perbenino depilato e con qualche tatuaggio al posto giusto, ché oggi i peli pubici vanno poco di moda, fanno poca tendenza, è un filone marginale oramai quello del pelo. Il copione è sempre lo stesso: attrazione fulminea, erezioni, disposizioni, leccamenti, movimenti, avvenimenti spesso facciali e poi si sfoca, questo è il vero scopo di questo mio privatissimo myporn. Mi espongo quanto basta per dimostrare al mondo che sono in tiro, che i miei pensieri, espressi sotto forma di parole, non sono altro che la rappresentazione del mio amplesso quotidiano con la realtà. Un corpo a corpo col reale, insomma, dove a volte capita di godere, altre di soffrire, altre ancora di restare indifferenti e sentire che la vita mi scorre addosso senza averne “presa”, ovvero senza “essere stati presi” da essa comme il faut. Ogni giorno che passa è un giorno in meno e io qui, anche adesso per esempio, a occhi semichiusi, per il sonno e una fatica leggera, non rinuncio a questo vizio, a questo virtù dopo la virtù. E mi viene in mente, in maniera nebulosa, un saggio di teoria morale di Alasdire MacIntyre, After Virtue, tradotto prima da Feltrinelli e poi ristampato da Armando. Bene, se la memoria non mi inganna, in tale saggio v'era un certo discorso su una certa unità narrativa che contraddistingue l'individuo dalla nascita sino alla morte, unità che
«L’uomo nelle sue azioni e nella sua prassi tanto quanto nelle sue finzioni, è essenzialmente un animale che racconta storie. Non è essenzialmente, ma diventa attraverso la sua storia, un narratore di storie che aspira alla verità [...]La narrazione di storie [è] una parte fondamentale della nostra educazione alle virtù».
Ora, fatto salvo che io non aspiro alla verità, cerco tuttavia di educarmi alle virtù, nel senso classico del termine (areté e virtus) per cercare di condurre una vita buona, intesa di cose buone fatte, godute e partecipate, vizi compresi.Ma soprattutto m'interessa molto il concetto di unità narrativa, non tanto per narrare il proprio successo o il proprio fallimento, quanto per il fatto stesso che (m'illudo) la vita raccontata sia una vita raddoppiata. E il doppio, di solito, ce l'ha più lungo dell'originale, vero Hide?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Andare per vigne:oltrepo' pavese

    Andare vigne:oltrepo' pavese

    Oggi le temperature si sono avvicinate allo zero, ma la giornata era così luminosa che non sembrava nemmeno fredda. Alcuni alberi sono ancora verdi, altri... Leggere il seguito

    Da  Ritarossa
    DIARIO PERSONALE, FAI DA TE, TALENTI
  • Un giorno, per caso

    Capiterà che io ti incontri per la strada per caso la gente intorno se ne fregherà e anche tutto il mondo ce ne staremofermi lì mani dentro alle mani a... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non per soldi, ma per denaro

    Parlavo con L. di amenità politiche varie. Lei mi tesseva le lodi del nuovo governo. ‘Vedrai, ci risolleveranno!’ Lo dice ad ogni giro di valzer, e non so più... Leggere il seguito

    Da  Iomemestessa
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • un videoregalo per voi...

    videoregalo voi...

    un pomeriggio di tiepido autunno, a piedi per le ultime colline di Venere, in una Toscana sempre più degradata, un piccolo video girato per voi, di una... Leggere il seguito

    Da  Madhouse
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • L’idea per un romanzo

    L’idea romanzo

    Fin da quando aveva memoria, Jerry Luther era stato ossessionato dai robot. Il primo ricordo risaliva a quando aveva circa diciotto mesi: papà si fermò a... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Solo per veri uomini

    Che sia o meno "una perversa repressa",ogni qualvolta in cui incappo in notizie del genere non resisto. Mi documento,controllo l'affidabilità delle fonti e... Leggere il seguito

    Da  Doppiogeffer
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI, UNIVERSITÀ
  • Per esempio la nebbia

    esempio nebbia

    Dove. Potrebbe essere Praga, oppure Dublino. Forse meglio la mitteleuropa, dove molte più storie sono possibili. L’importante è che suggerisca qualcosa di... Leggere il seguito

    Da  Melusina
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI

Dossier Paperblog