Magazine Fotografia

Per una volta, #NeVadoFiero

Da Matteo Picchianti @Matteod612

1939874_10203065344065403_402414745_n

Sono sempre stato abbastanza schivo nel pubblicare qua, qualcosa di diverso da quelle che sono state le mie esperienze di viaggio. Far parte di una piccola comunità però, significa a volte anche scendere a compromessi ed allora, visto che questo invito è arrivato da Cristina, mia concittadina e con la stessa mia passione per viaggi e fotografia, proprio non potevo tirarmi indietro.

Così eccomi qua, a dover elencare tre cose di cui #NeVadoFiero (o almeno sono felice facciano parte del mio modo di essere e di vivere).

Ormai quasi 10 anni fa ho deciso di vivere lontano dalla città, in un “paese” dove abitano 32 persone, in estate faccio legna con la quale mi scaldo in inverno, prendo l’acqua da una sorgente a poche centinaia di metri dal paese, ho iniziato a porre attenzione alle fasi lunari per la cura dell’orto, riesco a vedere la luce della luna che i lampioni della città mi nascondevano, riesco a vedere gli animali nel loro ambiente naturale e non chiusi in piccoli appartamenti di città, per tornare a casa devo effettuare un costante slalom tra cinghiali, caprioli e lepri che attraversano la strada, il negozio più vicino è a circa 6km ma è una scelta che ogni giorno rifarei e della quale #NeVadoFiero.

 Il rispetto per le persone e gli ambienti che mi circondano, a casa come in giro per il mondo. Rispetto verso le tradizioni, verso il cibo, le religioni, verso le abitazioni e le condizioni di vita di persone che non hanno a disposizione tutto quel che ho io quando sono a casa mia. Magari sembra ipocrita ma ho la mia valigia con vestiti da buttare che utilizzo nei miei viaggi, le mie scarpe bucate, il mio zaino che ne ha vissute un bel po’. I pasti non possono costare quanto un mese di paga di un abitante del posto, idem gli alberghi e la vita di viaggio in generale: meno benessere c’è nel Paese che visito, meno benessere ci sarà per me lungo il cammino. Puo’ sembrare stupido, ma è un’altra cosa per la quale #NeVadoFiero

 Da quando ho 19 anni ho sempre avuto progetti in testa e cocciutamente (e con un po’ di fortuna) sono sempre riuscito a realizzarli, ancora oggi mi pongo degli obbiettivi da raggiungere (e nonostante viva in Italia non sono riusciti a farmi passare la voglia ). Vivo come se tutto, volendolo, potesse essere realizzabile. Un giorno, quando mi accorgerò che forse non tutto è realizzabile, avrò un bruttissimo risveglio; per adesso continuo a sognare e combattere per quel che sogno di realizzare e questa è l’ultima cosa di cui #NeVadoFiero

Per finire come si deve, dovrei nominare 3 persone che dovrebbero a loro volta scrivere sulla bacheca 3 motivi per cui sono fieri di se stessi. Non voglio essere così cattivo da invitarli a fare tanto; spero quindi non leggano il mio blog tanto quanto io leggo i loro. Non è una candidatura, solo un modo per dirgli pubblicamente quanto bravi siano a portare avanti i loro blog con una gran classe: Carlo GalliDodiciRighe e Gynepraio.

Leggeteli, son bravi. Molto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines