Magazine Cultura

Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)

Creato il 22 settembre 2013 da Daniblue

Ieri sera sono andata al cinema attratta dal nuovo film di Gianni Amelio, L'intrepido, con Antonio Albanese, film molto bene accolto dalla critica del Leone d'oro di quest'anno.
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)
Premetto che considero Amelio uno dei registi più sensibili nel panorama attuale ed ero stata toccata da quel piccolo capolavoro di Le chiavi di casa, in cui Kim Rossi Stuart non era mai stato tanto bravo e convincente, e inoltre sono una fan di Albanese, un attore di enorme intelligenza, la cui maschera buffa e bonaria è capace di travolgenti trasformazioni (penso a Qualunquemente di Giulio Manfredonia).
Ciononostante non sono riuscita a reggere L'intrepido. Le premesse erano ottime: una trama  originale sullo sfondo della crisi economica attuale, ambientata nella malinconia di una Milano invernale, in cui un uomo senza lavoro fisso si adatta, anzi si appassiona, a fare il "rimpiazzo", cioè a sostituire chiunque non possa svolgere le proprie mansioni per periodi da due ore a pochi giorni, in impieghi che vanno dal manovale, al tramviere, dall'aiuto cuoco al consegnatore di pizze a domicilio, dal pagliaccio che intrattiene i bambini in un centro commerciale all'uomo che incolla i manifesti.
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)Tutti questi aneddoti sono mostrati con ironia e simpatica leggerezza, accennando anche ad aspetti meno fortunati, che però Antonio affronta sempre con il sorriso.
Poi, improvvisamente, la trama si fa cupa: apprendiamo che Antonio studia di notte e in tutti i momenti liberi per presentarsi a un concorso pubblico, che è al servizio di un boss malavitoso che non lo paga, che vive da solo, ma ha un figlio (Gabriele Riendina)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)che gli regala calzini bucati per compassione.
Subentra anche l'aspetto romantico: al concorso pubblico passa le risposte ai quiz alla sua vicina che aveva lasciato il foglio in bianco.
Questa ragazza (Livia Rossi)
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)la incontra di nuovo allo stadio, mentre fa le pulizie con una squadra di spazzini. La riconosce e di lì iniziano a frequentarsi. Lei è una depressa cronica, da sempre disoccupata, incapace di vedere qualsiasi aspetto positivo della vita. Il figlio, sassofonista, soffre di paura del palcoscenico, la moglie la vede "qualche volta, da lontano" e uno dei suoi "rimpiazzi" consiste nell'accompagnare un bambino da un maniaco, che gli si fa credere sia il padre. A questo punto Antonio getta la spugna e, non più sorridente, se ne va condonando tutti i debiti al suo sfruttatore, che lo sbeffeggia.
Ed ecco approntato lo sfondo plumbeo su cui Amelio tesse la tragedia.
Non posso dire altro, perché a questo punto ho abbandonato la sala per difendermi da un imminente attacco di depressione. Grazie, Amelio.
Perché deprimersi? (Recensione cinematografica)  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Perché io valgo.

    Perché valgo.

    Nono, non sperate neanche vagamente che dietro questo titolo ci sia una qualche seria rivendicazione o un significato profondo pregno di dignità. No, me la sto... Leggere il seguito

    Da  Laleggivendola
    CULTURA, LIBRI
  • Perché andiamo a teatro?

    Perché andiamo teatro?

    Ho fatto un esperimento: cercare su Google la locuzione “andare a teatro”: i primi sei, o sette, risultati, proponevano questioni di ordine grammaticale,... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Perché n°1: Perché scrivo poesie

    Perché n°1: scrivo poesie

    Buongiorno e bentornati. Questo è il primo articolo della breve serie che voglio lanciare oggi. La serie, come leggerete dal titolo, è la Serie dei Perché. Leggere il seguito

    Da  Nerifondi
    ARTE, CULTURA
  • Perché uno scrittore deve promuoversi

    Iniziamo col dire che prima, quando l’ebook non esisteva e c’erano le barriere in entrata, chi scribacchiava e aveva talento, poteva delegare ad altri questa... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Perché iscriverti alla mia newsletter?

    Perché iscriverti alla newsletter?

    Vuoi iscriverti alla newsletter del mio blog? Non chiederti perché farlo. Chiediti perché non farlo. Se non riesci a darti una risposta, vuol dire che non ci... Leggere il seguito

    Da  Nicola Nicodemo
    CULTURA, LIBRI
  • Perché n°2: Perché scrivo romanzi

    Perché n°2: scrivo romanzi

    Buongiorno e bentornati. Image by Niklas Bildhauer Sono un po’ in ritardo con l’orario, ma sapete, quando si tratta di scrivere non si può stare sempre... Leggere il seguito

    Da  Nerifondi
    ARTE, CULTURA
  • Perché ho deciso di moderarci?

    Perché deciso moderarci?

    Avrete certamente notato che da un paio di giorni buoni buoni ho scelto di inserire l'opzione di moderazione ai commenti. Ciò è avvenuto non perché voglia... Leggere il seguito

    Da  Tricheco
    CULTURA, LIBRI