Magazine Cultura

Perchè leggete gli M/M?

Creato il 02 aprile 2014 da Weirde

Perchè leggete gli M/M?

Ho già accennato in un post precedente al fatto che la discussione tra editori e pubblico a cui ho assistito a La vie en rose, mi ha suscitato parecchie riflessioni. E siccome credo che riflettere non faccia mai male, ma anzi apra la mente, esattamente come il confronto, voglio rendervi partecipi di ciò che penso, e spero vogliate partecipare anche voi con le vostre riflessioni sull’argomento.

Gli editori, invitati dal pubblico a considerare la possibilità di pubblicare libri M/M, cioè libri romantici con incentrati su una coppia composta da due uomini, hanno posto a tutti noi una domanda semplice, ma al tempo stesso importante. Perché leggiamo  libri M/M?

Sul momento, al convegno, una risposta chiara non è stata data, perché non proviamo a darla noi ora?

Io parlerò per quanto mi riguarda e voi fate pure lo stesso con i vostri commenti.

Premetto che io non sono una lettrice settoriale, leggo di tutto e mi piacciono molti generi, anche se ho una predilezione per le storie romantiche e strane, magari paranormal o fantasy o sci-fi.

Io sono una figlia di Buffy, Lestat e Jean Claude, per intenderci e questo credo mi renda una lettrice con poche remore o confini. Amo provare generi di nicchia, anche se non sempre poi mi piacciono e leggere i libri di Lauell K. Hamilton e Anne Rice, mi aveva quindi già preparato ad essere aperta per quanto riguarda le copie presenti nei libri che leggo. Jean Claude è un personaggio bisessuale, così come molti altri della serie di Anita Blake, e anche i vampiri di Anne Rice, seppure meno esplicitamente, non avevano regole ferree di sesso riguardo l’amore. Nello stesso telefilm Buffy c’era una copia omosessuale, perciò diciamo che per me provare a leggere romanzi M/M non è stato per nulla strano. Con Anita Blake, praticamente già lo facevo.

image

Se trovo un libro che mi interessa o ha una trama che mi attira non importano i gusti sessuali dei protagonisti, una bella storia d’amore è bella e basta. E inoltre le trame romance seguono canoni quasi identici sia che la coppia sia M/M, che M/F. Davvero in certi libri uno dei due uomini ha un comportamento psicologicamente talmente da donna, che ti viene da chiederti se l’autore non abbia scritto di due uomini solo per catturare un certo tipo di pubblico e basta.

Per fortuna non tutti gli autori di M/M sono così, anzi. E leggere una storia d’amore dal punto di vista maschile può essere molto interessante, per una donna, poichè di solito molti romance sono da un punto di vista femminile.

Ma torniamo a me. Mi è capitato di leggere M/M paranormal belli e meno belli, romance M/M belli e meno belli, e posso dire che la cosa importante è che il libro sia scritto bene e la trama sia avvincente, tutto il resto, compreso il sesso dei protagonisti, semplicemente non importa.

image

Se un libro è bello, è bello, punto e basta. Perciò alla domanda ‘Perché leggo M/M?’ posso rispondere semplicemente che mi piace scovare bei libri e che, se sono M/M, non mi tiro certo indietro per questo. L’amore è amore.

Ma entrando più nel particolare dobbiamo anche ammettere che a volte leggere M/M un poco più spinti, tipo i romance erotici M/F che vanno tanto ora, dà un brivido speciale a una lettrice donna, poiché raccontano in modo più o meno particolareggiato un tipo di rapporto sessuale che noi non abbiamo sperimentato personalmente, nè potremo sperimentare, poichè siamo donne e questo ci rende curiose.  E credo che questo sia tra l’altro anche il motivo per cui i romanzi F/F invece non riscuotono lo stesso successo.

Per quanto mi riguarda se devo leggere una storia d’amore classica, cioè basata su una trama classica, tipo il pirata che si innamora della rapita, o il duca che sposa la poverella preferisco leggere di una copia M/F poiché questo per me rispecchia la classicità dei temi trattati. Anche nel genere paranormal romance di solito preferisco coppie eterosessuali poichè mi piace vedere eroine che sono forti quanto i loro patner, mi piace l’eguaglianza dei sessi che spesso si trova in questi romance, un tema che si perde se si tratta di paranormal M/M.

L’unico caso di romance che preferisco con protagonisti M/M sono i BDSM romance, quelli che vanno tanto ora. Posto che non adoro il genere, riesco a leggerlo solo con protagonisti M/M poiché non sopporto vedere una donna nel ruolo di sottomessa al suo master uomo, mi dà proprio la nausea, ma riesco a sopportare un sottomesso maschio ad un master maschio. Non chiedetemi perchè, forse perché nella mia mente so che se un giorno sto poverino si stuferà di venir trattato così potrà prendere a pugni l’altro….

Sono strana lo so. Ma a parte queste preferenze generali, davvero, se un libro merita, ed è bello, merita e basta, e lo leggo di qualunque genere sia la coppia che ha come protagonista. Non mi pongo neppure il problema, a dire il vero.

Se un libro è bello, tipo Vulnerable di Amy Lane, sopporto pure i triangoli amorosi, e io li odio in modo totale….

image

Detto tutto questo, agli editori, se mai leggeranno questo post, non chiedo di pubblicare una collana M/M. Io non amo vedere il mercato invaso da generi alla moda come è accaduto con gli Young adult, poi con gli erotici, i bdsm e infine i New Adult. amo la varietà e credo sarebbe bello pubblicassero di tutto un po’ in misure sopportabili, variando. Perciò magari gli chiedo di pubblicare anche qualche libro M/M se vorranno, insieme a tutti gli altri generi, senza concentrarsi solo su un unico genere. Poiché insistere con gli erotici prima e ora i new adult rischia di stancare il lettore, io sono già stanca.

Pubblicate semplicemente rosa, ogni tipo di rosa dal mistery rosa, al rosa suspance, dal romance storico al romance erotico, dal romance M/M al fantasy romance, fino al paranormal romance e magari pure il futuristic romance, in modo da regalarci varietà e stupire continuamente il lettore. Questa è la mia proposta.

Forse il formato ebook potrà aiutarvi a sperimentare pubblicazioni di generi di nicchia una volta al mese, o ogni tanto, più o meno come Fanucci ad intervalli di tempo regolari ripropone fantasy classici o I Romanzi Mondadori nella Collana Oro ripropongono romance ormai introvabili. Perché non proporre una volta al mese un romance M/M, o magari un furistic romance tipo quelli di Jayne Castle, o un vecchio fantasy romance ormai introvabile uscito nella colla Luna secoli fa? Secondo me, la varietà potrebbe aiutare le vendite.

E ora la parola passa a voi lettori del blog. Qual è la vostra opinione a riguardo?


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines