Magazine Famiglia

Peter Pan all'ospedale

Da Cristiano @sosmammo
Nella piazzetta ormai divenuta familiare per le battaglie con i coriandoli, dopo una lunga attesa per il vestito di carnevale introvabile, sabato Dodokko aveva finalmente potuto indossare la sua maschera di Peter Pan. Aveva combattuto con una spada rosa con tutti i bambini che aveva incontrato e che avevano armi come la sua: un palloncino tubolare gonfiato da un clown di strada e acquistato per un euro.Dodokko si sentiva forte come un leone nel suo abito verde e io ero quasi più felice di lui nel vederlo tanto allegro e combattivo, mentre dava vita al suo sogno sull'Isola che non c'è.Siamo rimasti a giocare in piazzetta fino a sera e poi, dopo una giornata di gloria, siamo tornati a casa. Dodokko ha cenato con un grande appetito e, poco dopo, siamo andati a dormire. Verso le due i primi colpi di tosse, un rumore gutturale mai udito prima, e la febbre a 38 e mezzo. Sciroppo antipiretico e il giorno dopo contattiamo la pediatra, la quale ci dice di passare in ospedale, dove è di turno e dove lo visiterà.L'appuntamento è alle 14 e, prima di uscire, Dodokko vuole vestire di nuovo gli abiti di Peter Pan. Passiamo per il Pronto Soccorso e, dopo un'attesa di due ore, la dottoressa lo visita. Gli ausculta il torace e lo manda a fare una radiografia per sospetta polmonite. Peter Pan si fa fare 'la foto', mentre i medici e gli infermieri che incontra scherzano in continuazione e gli fanno i complimenti per il suo vestito. L'esito della lastra, però, non è divertente e la diagnosi è che mio figlio ha la scissurite, un'infiammazione della pleura negli spazi fra i lobi polmonari. La pediatra ci consiglia il ricovero di Peter Pan. Il quale, sia nei libri che nei cartoni animati, a dire il vero non mette mai piede in ospedale. Perché se ciò fosse avvenuto, il folletto avrebbe necessariamente dovuto crescere, rinunciando per sempre al suo sogno di vivere in un'eterna e spensierata fanciullezza.La malattia infatti è sempre un prova dura contro cui i bambini si scontrano, anche se ogni ansia la vivono soprattutto i genitori, i quali cercano di celare in tutti i modi le loro apprensioni. La malattia dovrebbe essere un faccenda da adulti soltanto e in gran parte lo è, anche quando sono i figli a essere ammalati, perché è sui primi che ne ricade il peso ogni istante che cercano di alleggerire i figli con mille rassicurazioni.E devo dire che Dodokko, che non ha ancora compiuto 4 anni, mi ha sorpreso ancora una volta per come ha saputo affrontare la sua degenza di nove giorni in ospedale, per quanto è stato bravo a prendere tutte le medicine e anche a farsi fare le punture ogni sera e i prelievi per le analisi. Io non l'ho mai lodato così, pubblicamente, ma devo ammettere che è un bambino meraviglioso, e non lo dico perché è mio figlio ma perché si è comportato in maniera davvero eccezionale in ospedale, senza mai lamentarsi troppo e senza fare mai troppi capricci. Direi che ho scoperto un Dodokko nuovo nei giorni passati, maturo quanto un adulto e forse anche di più di molte persone grandi, che quando stanno male passano il tempo a lamentarsi dei loro acciacchi, come se la sorte si fosse accanita e se la prendesse soltanto con loro. Altro che Peter Pan! Dodokko in ospedale è stato saggio in modo impressionante e ha dimostrato di non essere affatto quel bambino "viziato" che qualcuno in passato non ha esitato sbrigativamente a bollare come tale, magari soltanto dopo aver assistito a un normalissimo capriccio. No, mio figlio mi ha dimostrato di aver capito che a volte può anche disobbedire di fronte a una richiesta poco importante, ma che non si discute quando la faccenda è seria e quando è in gioco la salute. E mi ha anche dato la conferma che il nostro rapporto, basato da sempre sul dialogo, si è dimostrato essere una scelta coraggiosa, perché presa fra mille obiezioni, e di certo vincente.  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Peter Pan al Teatro Verde

    Peter Teatro Verde

    Teatro Verde, 13 e 14 marzo 2011 C’è una stanza: quella di Wendy e degli altri bambini dove a volte c’è anche una mamma che racconta storie. Lì tutto è caldo,... Leggere il seguito

    Da  Ieffe
    BAMBINI, CONSIGLI UTILI, FAMIGLIA
  • Aspettando peter pan ......

    Aspettando peter ......

    Nell'annuale ricorrenza di tutti i santi , nella consueta visita al cimitero sono capitato nella zona dove riposano le generazioni dei caduti, civili e militari... Leggere il seguito

    Da  Goceani
    SOCIETÀ
  • L’incredibile storia di Peter Munk

    L’incredibile storia Peter Munk

    Peter Munk è oggi un uomo fortunato perché i paesi arabi sono in subbuglio, inflazione e debiti pubblici fanno paura, il dollaro è debole e i tassi d’interesse... Leggere il seguito

    Da  Mondozio
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Peter Ruta: Mediterraneo e natura...

    Peter Ruta: Mediterraneo natura...

    Peter Ruta nell' estate 2007 tra gli scogli di Fornillo ... è il titolo della nuova mostra del pittore statunitense, Peter Ruta, ma positanese di cuore, che si... Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Peter Ruta al Mediterraneo

    Peter Ruta Mediterraneo

    Mercoledi 1 giugnio alle ore 18,00 sarà inaugurata presso la Galleria Mediterraneo di Positano la mostraPeter Ruta, Mediterraneo e Natura, venti gouaches su... Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • vernissage: Peter Ruta

    vernissage: Peter Ruta

    Presentata ieri sera alla galleria - ristorante Mediterraneo di Enzo Esposito a Positano la Mostra di Peter Ruta " Mediterraneo e Natura". Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Being Peter Sellers

    Being Peter Sellers

    Ci sono casi in cui il film biografico diventa occasione per un cinema d'eccezione. Penso, in particolare, a Chaplin di Richard Attenborough, che finora ne è... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines