Magazine Cultura

Piccoli terremoti

Da Silviapare
Piccoli terremotiIl primo è stato un paio d'anni fa. Ero da Whole Foods, e stavo passando per la corsia degli integratori alimentari quando d'un tratto i flaconi pieni di vitamine, echinacea e artiglio del diavolo cominciarono a vibrare con un sinistro rumore di maracas. Era il mio primo terremoto, ma quando mi girai terrorizzata per farmi confortare da Jonathon mi trovai di fronte a un'espressione indifferente e a un'alzata di spalle. Ancora più frustrante fu accorgermi che i commessi ridacchiavano e scommettevano sulla magnitudo del terremoto. Resto convinta che si tratti di una posa che la gente assume per farsi coraggio e poter continuare a vivere in una città ad alto rischio sismico, ma devo confessare che avrei preferito ricevere qualche manifestazione di simpatia in più nel giorno del mio primo terremoto.Ieri la terra ha tremato in Virginia, e il sisma si è avvertito distintamente a New York e lungo la costa est, fino al Canada. Strano, ho pensato, finché non ho scoperto che la Virginia è in realtà una zona sismica. I terremoti che la colpiscono, però, di solito non sono forti come questo, che è stato il secondo più forte mai verificatosi in quella zona. Il giorno prima, lunedì, c'era stato un altro terremoto in una zona insolita, il sud del Colorado.Piccoli terremotiIeri sera eravamo a cena a casa di amici a Berkeley, e verso le undici e mezza abbiamo sentito due tonfi. Tump. Tump. Non proprio un tremito, quanto piuttosto la netta sensazione che King Kong stesse camminando per le strade del quartiere. Gli amici hanno reagito in modo un po' meno cool dei commessi di Whole Foods, e mentre ci riaccompagnavano a casa in macchina hanno notevolmente aumentato la velocità sul Bay Bridge: un ponte non è proprio il posto migliore dove trovarsi in caso di terremoto. Le due scosse erano di magnitudo 3.6 e 2.3 (la seconda tecnicamente detta microscossa, perché non ha raggiunto i 3 gradi).Questa mattina verso le 10 un'altra, sempre di magnitudo 3.6, mentre facevo la doccia. Altro posto non proprio ideale dove trovarsi durante un terremoto. Ma d'altronde ci sono un sacco di posti non ideali dove trovarsi durante un terremoto. A cominciare, naturalmente, da quello dove si sta verificando il terremoto.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :