Magazine Ecologia e Ambiente

Pigna: compra la carta e distruggi le foreste secolari. Ma è una beffa!

Creato il 10 maggio 2010 da Salvaleforeste

 

Pigna: compra la carta e distruggi le foreste secolari. Ma è una beffa!
Pigna lancia una strana campagna: "compra la carta e distruggi le foreste secolari". Ma è una beffa.
Terra! presenta il nuovo rapporto sulle attività forestali distruttive del colosso indonesiano Asia Pulp & Paper (APP).

Roma 10 maggio 2010. Questa mattina nel cuore di Roma, a Piazza Venezia, è stato issato un finto striscione pubblicitario delle Cartiere Paolo Pigna. Il gigantesco striscione, di circa 200 metri quadrati, recita: "Per deforestare abbiamo carta bianca: le cartiere Pigna contribuiscono ogni giorno alla distruzione delle foreste secolari".

 

La beffa è ispirata al rapporto Le Tigri di Carta, pubblicato da Terra!, dove si denuncia che anche le Cartiere Paolo Pigna acquistano carta e prodotti lavorati dal colosso cartario asiatico Asia Pulp and Paper (APP).

"Il gruppo APP è un attore di spicco della drammatica conversione delle foreste torbiere in piantagioni - ha spiegato Sergio Baffoni, di Terra! - Chi acquista i suoi prodotti, diventa involontario complice della distruzione in corso nelle foreste indonesiane".

La APP vanta di avere la certificazione PEFC, ma dall'inizio delle sue operazioni, nel 1984, questo gruppo industriale ha trasformato in carta un milione di ettari di foreste pluviali nella sola isola di Sumatra, senza risparmiare aree ricche di carbonio con gravi conseguenze sul clima globale. L'azienda è divenuta il principale gruppo cartario indonesiano, ha esteso la propria area di attività al Borneo, e progetta di abbattere le foreste in Papua.

Come mostrano fonti di Terra!, la APP si appresta a conquistare il mercato italiano ed europeo.

L'Italia infatti è il principale acquirente europeo di carta indonesiana, con importazioni che superano le 77.000 tonnellate tra carta, cartone, cellulosa, per un valore di oltre 40 milioni di euro. Nel 2009 editori, tipografie e rivenditori italiani di carta, ne hanno acquistata oltre 40.000 tonnellate soltanto dalle cartiere indonesiane del gruppo APP. Fonti di Terra! Hanno scoperto che anche le Cartiere Paolo Pigna acquistano prodotti da imprese del gruppo APP per diverse migliaia di euro.

"Che senso ha per le Cartiere Pigna vantare una certificazione prestigiosa come il Forest Stewardship Council quando si acquistano prodotti da un'impresa screditata come la APP? – ha concluso Baffoni. Il FSC ha rifiutato di certificare la APP perché notoriamente associata a pratiche forestali distruttive. In questo modo si favorisce l'espansione sul mercato italiano dei prodotti della APP, che rischiano di mettere fuori gioco la produzione cartaria nazionale proprio in un momento di crisi, e si incoraggia la APP ad espandere ulteriormente le proprie pratiche distruttive in Indonesia, ai danni delle residue foreste pluviali e delle comunità che vi abitano".

Numerose imprese in tutto il mondo hanno già interrotto ogni legame con la APP, a causa delle sue pratiche distruttive, da Gucci, a Versace, a Ferragamo. Terra! chiede alle imprese italiane di evitare ogni legame commerciale con la APP e le sue consociate, fino a quando non cesseranno definitivamente la conversione delle foreste naturali in piantagioni.

La conversione in piantagioni per l'industria cartaria è tra le prime cause della distruzione delle foreste pluviali torbiere dell'Indonesia e una minaccia per il clima globale. Quando vengono abbattute e drenate, la torba si decompone e fino a 300 tonnellate di carbonio per ettaro tornano in atmosfera, tanto che l'Indonesia è diventata il terzo paese per emissioni dopo Stati Uniti e Cina.

Leggi il rapporto Tigri di Carta

Visita la galleria fotografica

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un’estate al mare, ma….

    Un’estate mare, ma….

    …il mare è in pericolo,lo salvi chi può! Questo il motto della campagna estiva del WWF per salvare il Mediterraneo ma anche l’intero pianeta blu. Tanti, infatti... Leggere il seguito

    Da  Amandacastello2010
    ECOLOGIA E AMBIENTE
  • Ma lo shop?

    shop?

    Ahh ecco una bella domanda per allietarmi questa giornata uggiosa di pioggierella che non si decide ad essere pioggia oppure solo nuvole.;-) che fine avrà... Leggere il seguito

    Da  Magnoliawp
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE
  • Ma cos'è il Kirgyzstan?

    cos'è Kirgyzstan?

    Rivoluzione in Kirgyzstan, il solo paese dell'Asia centrale ex sovietica che ha tentato la transizione democratica.E' la terza dall'indipendenza del 1992.Il... Leggere il seguito

    Da  Giusecipriani
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Ma che paese è...

    Ma che paese è quello in cui il capo del governo si informa se è indagato o no? Ma che paese è quello in cui un negoziante mette dei soldatini di stampo... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Storie ma anche favole

    Storie anche favole

    Al lettore il segreto lo spiega "il bibliotecario vecchissimo di una di quelle biblioteche che stanno in cima a città antiche, circondate da mura screpolate e... Leggere il seguito

    Da  Antonio_montanari
    CULTURA, LIBRI
  • Ma niente lingua

    niente lingua

    Scommettiamo che dopo i muggiti e vagiti di questo fine settimana tra Foni e Berluschini tutto tornerà come prima, fino al prossimo volar di piatti, fra questi... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Lontana ma vicina…

    Lontana vicina…

    20 Febbraio 1779 Amica mia carissima, Dovrei rivolgermi a Voi come mia Regina ma siete stata proprio Voi a pregarmi di non farlo. Leggere il seguito

    Da  Samilla
    LIBRI, ROMANZI