Magazine Cultura

Pillola letteraria: ode alla malattia

Creato il 07 giugno 2015 da Marcodallavalle
Pillola letteraria: ode alla malattiaConsiderato quanto sia comune la malattia, di quali proporzioni il mutamento spirituale che essa produce, quanto stupefacenti, allorché le luci della salute si spengono, i territori vergini che allora si dischiudono, quali lande deserte dell'anima esponga un piccolo attacco di influenza, quali precipizi e prati, sparsi di vividi fiori, riveli un minimo aumento della temperatura, quali antiche e resistenti querce siano sradicate in noi dall'atto della nausea, come precipitiamo nel pozzo della morte e sentiamo le acque della dissoluzione chiudersi sopra le nostre teste e ci svegliamo pensando di trovarci alla presenza degli angeli e degli arpisti quando ci tolgono un dente e ritorniamo alla superifice nella poltrona del dentista e confondiamo il suo "Sciaqui la bocca, sciaqui la bocca" con il saluto della Divinità che, chinandosi, ci dà il benvenuto in Paradiso - quando pensiamo a tutto questo, come spesso siamo costretti a fare, appare davvero strano che la malattia non figuri insieme all'amore, alle battaglie e alla gelosia tra i temi principali della letteratura.
Tratto da  
Sulla malattia di Virginia Woolf

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines