Magazine Lifestyle

Pitti Uomo 85, presente, futuro e alcune riflessioni

Creato il 16 gennaio 2014 da Cristina


Apriamo il piano editoriale del blog per il 2014 con il racconto e le riflessioni sulla mia visita a Pitti Immagine Uomo 85 e Pitti W 12. Innanzitutto va detto che  questa è stata un’edizione  importante per Pitti Immagine Uomo. Innanzitutto è sensazionale  la notizia che i “magnifici 5” della moda Made in Florence, vale a dire Ferragamo, Gucci, Pucci, Cavalli e Scervino torneranno a sfilare a Firenze per la prossima edizione di Giugno,  per festeggiare i 60 anni di attività del Centro di Firenze per la Moda Italiana. Il progetto, si chiamerà  Firenze Hometown of Fashion. Ognuno di questi brand renderà omaggio ognuna in modo diverso alla città, con iniziative che si svolgeranno  in luoghi simbolo del capoluogo toscano.

Ma non è tutto qui.  Per Firenze il 2014 sarà l’anno della svolta, quello in cui sarà stabilito una volta per tutte  il ruolo di capitale internazionale del fashion del capoluogo toscano. Infatti Per la realizzazione dell’evento il Ministero dello Sviluppo Economico stanzierà 2 milioni di euro, la cifra più alta tra quelle destinate a singole kermesse.

Il presidente il presidente di Pitti Immagine Uomo, Marzotto, ha sottolineato la centralità di una strategia per rafforzare l’immagine del Made in Italy e di Pitti Uomo: «La moda maschile sarà il grande business del prossimo decennio – ha precisato – grazie soprattutto alla crescita dei nuovi mercati. ».


Ma veniamo alla mia visita e alle impressioni che ne ho ricavato. Il tema di questa edizione era Rock Me Pitti. È stato sviluppato attraverso le installazioni esterne e interne, non solo visive ma anche sonore. Oltre a ciò, è stato arricchito di performance live in più angoli della fiera, all’esterno. Devo dire che si sono creati happening davvero coinvolgenti.

Il primo giorno è stato quello della stampa, quindi non tantissimi visitatori un pubblico da agenti e addetti ai lavori.
C’erano anche i soliti imbucati: per esempio anche stavolta mi sono domandata chi fossero le signore che gironzolano rilassate sui  tacchi alti senza guardare niente in particolare, senza prendere cataloghi o cartelle stampa, insomma senza fare apparentemente nulla! Ma anche questo fa parte del Pitti.

Il mood più ricorrente che probabilmente si trasformerà in tendenza di non brevissimo periodo per l’uomo è nelle stampe e nei colori è un mood gitano: le stampe paisley e colori caldi, vibranti, accostati a contrasto. Questo si traduce in: più fantasie, non ci trasformeremo tutti in Oscar Giannino, ma di sicuro più colore, rimane di tendenza il panciotto, più pattern abbinati e colori molto ricchi.

Rimane l’ispirazione shabby soprattutto nei colori, anche nei pezzi più classici: salvia e rosa antico anche nelle fantasie delle camicie.

Vorrei spendere qualche parola su un tema che è stato molto chiacchierato durante questa edizione, e cioè il cosiddetto “circo” dell’eccentricità a tutti i costi dei frequentatori.
ho ricevuto  l’impressione che si voglia criticare per partito preso uno degli aspetti più tipici di questa fiera, vale a dire  i look che si vedono fuori dai padiglioni. Francamente io ho visto quello che si vede sempre: alcuni look eccentrici ed altri invece impeccabili. Lascio a voi il giudizio attraverso le immagini che ho selezionato!

ENG

We open the blog in 2014 with the story and some reflections about  my visit to Pitti Immagine Uomo 85 and Pitti W 12. First of all we must say that this was an important issue for Pitti Immagine Uomo. First of all there is the great new that the “magnificent five” of the Made in Florence fashion, Ferragamo, Gucci, Pucci, Cavalli and Scervino will return to the catwolks in Florence for the next edition of Pitti in June, to celebrate 60 years of activitie of the Centro di Firenze per la Moda Italiana. The project will be called Florence Hometown of Fashion. Each of these brands will give its tribute to the city each in a different way, with initiatives that will take place in the symbolic places of the Tuscany capital.

But this is not all. In Florence 2014 will be the year of change, one in which will be established once and for all the role of international capital of fashion. In fact, for the realization of the event the Ministry of Economic Development will allocate EUR 2 million, the highest figure among those aimed at individual event.

President President of Pitti Immagine Uomo, Marzotto, stressed the centrality of a strategy to strengthen the image of Made in Italy and the Pitti Uomo: “Men’s fashion is going to be the big business in the next decade – he explained – thanks mainly to growth in new markets. “.

But let’s get to my visit and impressions. The theme of this edition was Rock Me Pitti. It was developed through external and internal installations, not only visual but also through sound installations. In addition, it was enriched with live performances in many corners of the fair outside. I must say that they have created some really exciting happenings.

The first day was the day of the press, so we did not see many visitors, just an audience of agents and insiders.

There were also the usual “strange Pitti people” : once again I wondered who were those ladies who wandered and chilled around on their  high heels without looking at anything in particular, without taking catalogs or press kits, in short, seemingly without doing anything! But this is also part of the Pitti atmosphere.

Now, something about the  trends:  a man in the prints and colors, in a gypsy mood: paisley prints and warm vibrant colors, matched with contrast. This translates into more patterns .

We still see the shabby inspiration, especially in colors, even in the most classic pieces: antique pink and sage even in the fantasies of the shirts.

I would like to say a few words on a subject which has been much talked about in this edition, the so-called “circus”: the eccentricity at all costs. I got the impression that some intend to criticize one of the most typical aspects of this fair, that is the looks that you see outside the halls. Frankly, I’ve seen some eccentric looks and some others that were just impeccable. I invite you to give your opinons through the pictures that I selected!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine