Magazine Giardinaggio

Plumbago auriculata, un po’ di cielo nel nostro giardino

Da Gianni

Plumbago auriculata, un po’ di cielo nel nostro giardino
Salve a tutti, oggi vi parlo di una pianta a me particolarmente cara, il Plumbago auriculata (conosciuta anche con il sinonimo P. capensis), detta anche "gelsomino azzurro", anche se con il gelsomino non ha niente da spartire.
È una pianta perenne, sarmentosa, appartenente alla famiglia delle Plumbaginaceae, originaria del Sudafrica, di coltivazione pittosto facile. Le specie appartenenti al genere Plumbago sono circa una decina; ve ne sono anche con fioritura di colore rosso, P. rosea, piuttosto difficile da trovare in commercio e la P. zeylanica, con fiori bianchi. La P. auriculata è decisamente la specie maggiormente coltivata in Italia e in Europa. I fusti legnosi sono semirampicanti con foglie lisce color verde chiaro, le infiorescenze si formano all'apice dei rami ed hanno forma a ombrella con fiori di colore azzurro.
Pur essendo una pianta piuttosto facile da coltivare, bisogna comunque considerare che detesta le basse temperature e non sopravvive al gelo; per questa ragione può essere coltivata in piena terra solo nelle regioni a clima mite, nelle quali può raggiungere un'altezza di circa tre/quattro metri. In alternativa può essere coltivata a cespuglio in vasi piuttosto capienti e riparata nel periodo invernale in serra o in ambienti non riscaldati ma luminosi, come i vani scala, in modo da garantile una temperatura non inferire ai 5°C. Se coltivata in piena terra deve esserle assicurato un sostegno, come un muro o una rete, assecondando il suo portamento naturale.
La fioritura, abbondante sia in terra che in vaso, dura per tutto il periodo estivo fino all'autunno; ha bisogno di frequenti concimazioni da fornire dalla primavera fino a fine fioritura. L'esposizione deve essere a pieno sole anche se fiorisce piuttosto bene anche se tenuta a mezz'ombra. In estate va anaffiata abbondantemente aspettando però che il terreno si asciughi completamente fra un'innaffiatura e l'altra; mi raccomando, se coltivata in vaso togliere l'acqua in eccesso dal sottovaso.
La P. auriculata si adatta a quasiasi tipo di terreno purchè ben drenato. Altro importantissimo accorgimento è una robusta potatura a fine fioritura (autunno inoltrato), per ottenere una pianta folta e una fioritura abbondante l'estate successiva.
Può essere moltiplicata in autunno per talea, oppure per divisione del ceppo.
Foto di kaiyanwong223

Leggi anche:
Guaiàbo del Brasile, un angolo tropicale nel mio giardino (e sulla mia tavola!)Guaiàbo, Acca sellowiana o Feijoa che dir si voglia è questa la pianta che dà il tocco "sudamericano" al mio giardino e che, con mia sorpresa, produce pure degli ottimi...
Mandevilla, sole e profumoSi contano circa cinquanta specie del genere Mandevilla, rampicanti o arbustive, originarie del Messico, Brasile, Bolivia ed Indie Occidentali. Il clima italiano è piuttosto adatto alla coltivazione di questa pianta...
L'incantevole bellezza della PeoniaPeonia (o Paeonia) è un genere che comprende dalle 25 alle 40 specie (a seconda delle classificazione) arbustive o erbacee perenni ed è l'unico che appartiene alla famiglia delle Paeoniaceae....
Camellia, la Rosa d'OrienteLe Camellie sono arbusti ed alberi della famiglia delle Theaceae, originarie dell'Oriente, Cina, Giappone, e Corea; stranamente fecero il loro ingresso in Europa solo nei primi del 1700, mentre in...
Calicanto, per un giardino fiorito anche d'inverno L'inverno si sa, non è proprio il massimo per le piante del giardino in fiore: salvo rare eccezioni alle nostre latitudini non è che la stagione più fredda brilli per...


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog