Magazine Animazione

Pom Poko (dvd)

Creato il 05 aprile 2011 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

una-scena-del-film-pom-poko-126498

A diciassette anni dalla sua effettiva uscita in Giappone e sulla scia della distribuzione di altri cult nipponici, Pom Poko (1994), con una proiezione-evento, giunge ufficialmente in Italia. E, come per ogni altro film dello Studio Ghibli, l’anno di produzione conta poco: forma e contenuti ci pongono di fronte ad un’opera sempre attuale.

I tanuki sono una specie particolare di cane procione: alcuni di loro, infatti, hanno la capacità di trasformarsi. Con il dono della metamorfosi possono produrre forme semplici ma anche estremamente complesse, vestendo ora i panni di un animale, ora di un oggetto, di un paesaggio o di un essere umano. I tanuki vivono in gruppo sulle colline di Tama e sono esseri burloni, simpatici, ingenui e dediti al divertimento. Tuttavia, nel trentunesimo anno dell’era Pom Poko, sono costretti a impegnarsi nell’ardua via del trasformismo per opporsi a qualcosa di terribile: gli umani stanno espandendo le loro città e per questo disboscano, distruggono montagne, umiliano la natura. I tanuki rischiano di trovarsi privati del loro habitat e di vivere allo sbando, tra automobili impazzite e umani assassini. Il trasformismo è l’unica arma che permette loro di difendersi e attaccare, a volte in modo violento, a volte in modo scherzoso, ma in ogni caso con scarsi risultati. Di fronte alle distruzioni dell’uomo si può ben poco.

Pom Poko, così, espone un tema assai caro allo Studio Ghibli e a molti autori nipponici (basti citare Hayao Miyazaki): il rispetto per la natura. Tale tema è affrontato con una profondità inusuale e, soprattutto, con la riconsiderazione del rapporto uomo-natura. Si parte dal presupposto universale che l’uomo non è opposto alla Natura. L’uomo fa parte della Natura e da essa proviene. Meglio: l’Uomo è la Natura. Perché allora distruggerla? Nell’immaginario giapponese la Natura è quasi divinizzata, sempre rappresentata con sacro rispetto attraverso varie forme culturali. La Natura è narrata dalla Cultura che ha il compito di mostrarne la bellezza e l’importanza. I tanuki esaltano questo concetto, che trova compimento nella miglior sequenza del film, quando, con una sfilata di simboli e icone giapponesi, si esprimono nella più elevata opera di trasformismo. Spiriti, demoni, oggetti votivi, statuine, alberi di ciliegio, animali sacri prendono forma di fronte agli occhi degli uomini, in un crescendo di elementi fantasiosi che si fanno reali. Alla fine di questa sequenza visionaria e incantatrice, un demone si trasforma in una gigantesca onda che trascina via gli abitanti di Tokyo. L’immaginario diviene realtà tangibile, il monito contro gli umani si tramuta in punizione e la riflessione del film dimostra di possedere una lungimiranza amara e scioccante.

Takahata si dilunga un po’, esplicitando sin troppo gli intenti, azione forse giustificata dallo scopo educativo del film. Tuttavia la sua operazione formale risulta piuttosto intelligente: infatti, il tributo alla cultura giapponese, alla natura e al trasformismo dei tanuki diventa un modo per riflettere sul disegno. Il regista si cimenta con ogni sorta di stile e di tratto, proponendo un viaggio affascinante lungo l’intera iconografia nipponica. L’immagine dei tanuki viene continuamente deformata dall’uso di molteplici tecniche: il semplice tratto super deformed, quello sontuoso dell’ukiyo-e, il manga, la grafica del videogioco d’inizio anni Novanta, il e il Kabuki, l’immaginario religioso e le figure chiave della Storia giapponese, dai samurai ai kamikaze, sono il presupposto per una continua sperimentazione della forma. La carrellata su questa tradizione millenaria produce un amalgama di stili diversi che omaggiano l’immensa arte visiva del Giappone. Arte che non prescinde affatto dalla Natura. Ma la Natura, oggi, si rivela un’illusione, un dolce ricordo che vive solo nell’Immagine.

Veronica Mondelli

.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pom pom

    Nel mio girovagare nel web ho trovato questi fantasici pom pom da fare con vecchie magliette , semplici , belli si possono fare di tante dimensioni...questi son... Leggere il seguito

    Da  Elibetta
    CREAZIONI, HOBBY, RICETTE
  • Fabric pom pom and stencil...

    Fabric stencil...

    Buongiorno a tutti....eccomi qui a mostrarvi qualche dettaglio della mia camera da letto....: chiavi vecchie, stencil egli adorabili fabric pom pom. Leggere il seguito

    Da  Thinkshabby
    LIFESTYLE
  • Pom wonderful presesent: the greatest movie ever sold

    wonderful presesent: greatest movie ever sold

    Morgan Spurlock, è l'autore di uno dei documentari più pazzi della storia: SUPER SIZE ME. In quel caso si era ingozzato al Mc Donald's per documentare gli... Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    CUCINA
  • Pom Poms Revolution

    Poms Revolution

    ♥ ♥ ♥Volete sapere quanto mi piacciono queste decorazioni?Tanto, tanto, tanto...perchè considerato che tutto ciò che occorre è un po' di cartavelina arruffata... Leggere il seguito

    Da  Ciao Bella
    LIFESTYLE
  • Pom-pom

    Pom-pom

    Today I don't have that much to do, I'll be pretty much seating all day so I decided to wear my beloved pom-pom Etro Sandals, that you already saw here. Surpris... Leggere il seguito

    Da  Italylovesfashion
    LIFESTYLE
  • Decorare con i Pom Poms

    Decorare Poms

    LI ADOROOOOO...questi POM POM sono stupendi...mi tufferei in una vasca di pom pom, li lancerei in aria, li stringerei a me...Così soffici, morbidi e... Leggere il seguito

    Da  Youlovepink
    DECORAZIONE, HOBBY, LIFESTYLE
  • Madonna: Una ragazza pom pom in preda a tempeste ormonali.

    Madonna: ragazza preda tempeste ormonali.

    “Give me all your love today”, il nuovo singolo di Madonna. La ragazza pom pom di cinquant’anni in preda a tempeste ormonali! Una donna di 50 anni suonati,... Leggere il seguito

    Da  Angelo Napolillo-Modaholic
    LIFESTYLE, MODA E TREND