Magazine Cinema

Posti in piedi in Paradiso

Creato il 01 marzo 2012 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Posti in piedi in Paradiso

 

Anno: 2012

Distribuzione: Filmauro

Durata: 120’

Genere: Commedia

Nazionalità: Italia

Regia: Carlo Verdone

 

Piace questo nuovo Verdone, più maturo e divertente che mai, nell’ultima commedia Posti in piedi in paradiso, di cui firma sia la regia che la sceneggiatura (quest’ultima insieme a Pasquale Plastino e Maruska Albertazzi). Stavolta l’attenzione del cineasta romano si focalizza su una vera e propria emergenza sociale: quella dei padri separati con figli, che spesso – tra mantenimenti e assegni mensili – non riescono ad arrivare neanche alla terza settimana del mese. Carlo Verdone ne fa una caricatura esilarante, ne esalta il dramma ironizzando sulle loro debolezze, tratteggiando personaggi carichi di umanità e credibilissimi, quasi reali, come solo lui sa fare.

Posti in piedi in Paradiso

Si tratta di Fulvio (Pierfrancesco Favino), un ex critico cinematografico caduto in disgrazia dopo una tresca con la moglie del caporedattore, motivo per cui ora si occupa solo di gossip e la moglie (Nicoletta Romanoff) lo ha lasciato; di Ulisse (interpretato dallo stesso Verdone), un nostalgico produttore musicale, finito anche lui in rovina dopo il flop di un disco prodotto per l’ex moglie, e oggi titolare di un negozio di musica rock e cimeli di rock star del passato (anche lui con ex moglie e figlia a carico); e infine di Domenico (Marco Giallini), in una brillantissima interpretazione di un ex immobiliarista con trascorsi poco chiari, che per campare e mantenere i vari figli avuti da diverse donne, si prostituisce con signore tanto attempate quanto facoltose.

I tre si ritroveranno a condividere un appartamento a dir poco fatiscente che rispecchia le loro vite disastrate, ma che tutto sommato li aiuterà a unire le forze per cercare di scamparla ancora una volta. Al trio si aggiunge anche una sexy e svampita cardiologa (immancabile, considerato l’abuso di Viagra da parte di Domenico), interpretata dalla bellissima Micaela Ramazzotti, incapace di trovare un po’ di pace in una tormentata vita sentimentale. Per questo l’incontro con Ulisse farà scattare una particolare complicità…

Posti in piedi in Paradiso

Le gag e le risate si sprecano soprattutto nella prima parte della pellicola. Sembra di ritornare ai tempi di Borotalco, Bianco Rosso e Verdone o Un sacco bello, a quei livelli di comicità così riuscita da fare la fortuna di un regista esordiente. Carlo Verdone è oggi forse un autore più ‘impegnato’ di allora, ma sempre più abile nel dare ritmo ai suoi film e nello scrivere battute memorabili. E poi ritorna l’inimitabile mimica di attore, la visione sorniona e un po’ malinconica della realtà che soggiace sotto il primo strato comico di ogni suo film. Questa volta il lato triste emerge solo alla fine, quando nel chiudere le storie dei protagonisti Verdone lascia intravedere un futuro dove sono i figli a rappresentare il riscatto di padri ormai falliti. Sono le nuove generazioni a salvare le vecchie, così malandate e senza speranza. C’è da dire che nel finale di Posti in piedi in paradiso forse qualche forzatura c’è, insieme a un po’ troppo buonismo. Ma il tratto graffiante del resto del film serve a coprire anche qualche sbavatura.

Ilaria Mariotti


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Il nuovo film di Payne mette subito in mostra quel senso di humor cattivo e graffiante che non risparmia nulla e nessuno, non predica e diverte con intelligenza Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • “Paradiso amaro”: la recensione

    “Paradiso amaro”: recensione

    The Descendants di Alexander Payne, con George Clooney, era senza dubbio attesissimo al 29esimo Torino Film Festival. Stiamo parlando del director di About... Leggere il seguito

    Da  Onesto_e_spietato
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Regia: Alexander PayneOrigine: UsaAnno: 2011Durata: 115'La trama (con parole mie): Matt King è un avvocato hawaiano dalla solida etica lavorativa, nonchè... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Oscar's week: Paradiso amaro

    Oscar's week: Paradiso amaro

    PARADISO AMARO (THE DESCENDANTS) Di Alexander Payne USA, 2011 Con George Clooney, Shailene Woodley, Amara Miller, Nick Krause ora al cinema CANDIDATO A 5 PREMI... Leggere il seguito

    Da  Persogiadisuo
    CINEMA, CULTURA
  • Review 2012 - Paradiso Amaro

    Review 2012 Paradiso Amaro

    Un dramma/comedy ibrido per Alexander Payne e fin qui nulla di nuovo. L'apprezzato regista di lontana origine greca, ha all'attivo pellicole piuttosto atipiche... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • paradiso amaro

    paradiso amaro

    THE DESCENDANTS (Usa 2011) Ci sono gli americani, che solo loro, al mondo e da sempre, sanno mischiare in modo più o meno credibile toni drammatici o persino... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Paradiso amaro

    Paradiso amaro

    Matt King (George Clooney), un avvocato cinquantenne proprietario terriero in quel paradiso delle Hawaii, subisce un improvviso duro colpo: la moglie, a causa d... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA