Magazine Cinema

Preview: Il IV festival di Cinema dal Basso

Creato il 06 maggio 2013 da Cinemadalbasso @cinemadalbasso

Immagine“Non lasciateci morire” è il titolo della campagna promozionale ideata dal collettivo di cineaste casertane Cinema dal Basso per promuovere il IV Festival di Cinema Indipendente (31 Maggio – 2 Giugno), l’ormai consueto appuntamento annuale con il meglio del cinema indipendente di tutto il mondo. Un invito provocatorio e originale quello lanciato dagli scatti della fotografa Alessandra Di Bianco, che ritraggono i più celebri personaggi del cinema di tutti i tempi sull’orlo della morte artistica, minacciati dalla depressione, dalla noia e dai pericoli di un mondo esterno al cinema. Un cinema in crisi, che rischia il collasso sotto il peso di un malessere economico e culturale, che se minaccia i “grandi” distrugge letteralmente i piccoli, gli indipendenti: quelli che, da sempre, rappresentano la linfa vitale, la fonte di idee originali, lo sforzo creativo massimo del cinema che più amiamo e a cui spesso i classici circuiti cinematografici e distributivi sbattono le porte in faccia. In un’era dominata dalla ricezione passiva assicurata dai multisala e dal vuoto assicurato dalle istituzioni, Cinema dal Basso continua a puntare su un’offerta di qualità e sull’invito a un più attivo confronto con la settima arte che non deluderà quanti vorranno sostenere l’iniziativa, non lasciarla morire.

Uno scatto a settimana fino al prossimo 31 Maggio, quando si accenderanno le luci sulla IV edizione del Festival: un’intensa maratona di tre giorni che ospiterà cortometraggi, lungometraggi, documentari e film d’animazione accuratamente scelti tra le circa 300 opere giunte alla giuria di selezione del festival, realizzata grazie alla collaborazione artistica di Francesco Massarelli e il contributo grafico di Novella Morrone e ospitata nell’amichevole e suggestiva cornice del Teatro Civico 14, da sempre in prima linea nel promuovere le più interessanti iniziative artistiche del territorio. Reduci dai successi della scorsa edizione e da mesi di selezione e studio delle migliori opere filmiche dei più prestigiosi festival italiani ed europei, le organizzatrici della manifestazione, Giusi Ricciato e Valentina Sanseverino, si preparano ad animare di nuovo la scena culturale casertana con una tre giorni ricca di novità, che trasformerà la nostra città nella vetrina privilegiata di un cinema di qualità, appassionato, originale, lontano dai canali mainstream, che difficilmente vedrete altrove e tra le cui firme si nascondono i grandi nomi del cinema di domani.

In attesa della IV edizione di un Festival che da anni continua a far emozionare, commuovere, ridere e riflettere un pubblico sempre più numeroso e partecipe, Cinema dal Basso è lieta di invitare i suoi fedeli e appassionati sostenitori e quanti ancora non conoscono le sue iniziative, alla preview del Festival, che si svolgerà il prossimo 17 Maggio presso il Teatro Civico 14 dalle ore 18. Un appuntamento che trascinerà tutti i presenti in un caleidoscopio di emozioni all’insegna di un nuovo cinema: quello contemporaneo in bianco e nero. Direttamente dalla Francia arriva “Emile Muller” di Yvon Marciano, geniale cortometraggio dal finale sorprendente sull’opportunismo creativo e la creazione di universi a partire dal contenuto di una borsetta. E’argentino invece “La Antena” di Esteban Sapir, dipinto post-apocalittico di un mondo in cui al popolo è stata tolta la voce e la televisione controlla le masse tramite quella della madre di un bimbo senza occhi. Lo spagnolo “Blancanieves” di Pablo Berger, stupefacente e originalissimo omaggio al cinema muto e insieme poetica rivisitazione della fiaba popolare, vi stupirà con un racconto in chiave gotico-drammatica ambientato nell’Andalusia degli anni ’20. A chiudere la manifestazione l’opera prima del regista georgianoéla Babluani: un bianco e nero straniante per un opera dalla suspense allucinante che vi catapulterà nella ferocia di un mondo dominato dalla roulette russa e dal caso.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il magico cinema di Natale

    magico cinema Natale

    Mi chiedevo quale fosse il modo migliore per augurare a tutti un buon Natale ma non ne ho trovato uno che mi soddisfacesse, perché il Natale non è solo una fest... Leggere il seguito

    Da  Frank_romantico
    CINEMA, CULTURA, MUSICA
  • “Amour”: il colpo basso di Michael Haneke

    “Amour”: colpo basso Michael Haneke

    Amour è un film che ti sfonda sin dalla sequenza iniziale, con quella esile porta fracassata da un ariete della polizia che ci conduce senza preavviso in un... Leggere il seguito

    Da  Onesto_e_spietato
    CINEMA, CULTURA
  • Video: il cinema come emozione

    Questo è un post particolare.Per la prima volta non sarà una recensione.E' un video.Mio fratello (John Locke nei commenti, ormai inesistenti sul blog, è... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Al Cinema: recensione "Il Sospetto"

    Cinema: recensione Sospetto"

    presenti spoiler, rece lunghissima perchè il film è un capolavoro, astenersi dal leggere persone dotate di cervello.Il Sospetto è il mio. Quello che... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Il Natale povero del cinema

    Natale povero cinema

    Alla fine ci siamo salvati ma non si può certo dire che il Natale cinematografico nel nostro paese sia stato ricco. Il 25 e 26 dicembre si sono venduti... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    CINEMA, CULTURA
  • I Fari e il Cinema

    Fari Cinema

    Finis Terrae – Jean Epstein (1929)Esattamente un anno e mezzo fa pubblicavo il mio primo post su questo spazio dedicato al cinema muto. Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Il cinema di (ca)salem

    cinema (ca)salem

    Condividi Mr. Ford prima di diventare un fan dei OneDirection. Questa settimana c’è una buona notizia. Giorgio Napolitano rieletto Presidente della Repubblica? Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA, OPINIONI