Magazine Cinema

Quel pomeriggio di un giorno da cani

Creato il 16 dicembre 2015 da Sbruuls

Una rapina in banca con ostaggi mette a nudo l’anima di New York degli anni 70.
Quel pomeriggio di un giorno da cani
Titolo: Quel pomeriggio di un giorno da cani
Cast: Al Pacino, John Cazale, Charles Durning
Regia: Sidney Lumet
Protagonisti: Criminali
Materia: Rapine
Energia: Psicologia Sociale
Spazio: New York
Tempo: Anni 70

In un pomeriggio in giorno come tanti a New York due impacciati, Sonny e Salvatore, tentano un colpo, anzi tre, ma uno se la da a gambe appena entrati non reggendo la pressione.
Il malloppo è scarso e mentre stanno per uscire arriva la polizia e i due rimangono bloccati dentro la banca tra impiegate che vogliono andare al bagno e guardie con l’asma, la seria rapina diventa paradossale.
Fuori dalla banca l’intervento della polizia ha richiamato una folla di curiosi, iniziano le trattative, ma Sonny intuisce che la polizia è pronta a fare fuoco per risolvere la situazione.
Sonny esce e al grido di “Attica!” catturando il benvolere della folla che parteggia per lui, Sonny prende coraggio, inizia una surreale trattativa con la polizia, in uno dei tanti pomeriggi di Brooklyn.

Il film fotografa New York e la sua gente negli anni 70 catturandone lo spirito della città.
Capolavoro all’uscita proprio per il semplice spaccato di una società multietnica e citato in moltissimi film a venire, il tempo lo ha ingrigito.
Rimane la bellissima interpretazione di Al Pacino.

Voto Finale: Accettabile

Frase del Film: Se qualcuno deve uccidermi spero che lo faccia perché mi odia a morte e non perché è il suo mestiere!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines