Magazine Cultura

Quelli del... giovedi

Creato il 04 ottobre 2012 da Kelvin
QUELLI DEL... GIOVEDILa Rivoluzione è cominciata: dunque, da oggi 4 ottobre 2012 il Giovedì sarà il nuovo Giorno del Cinefilo. Sarà in questo giorno, infatti, che d'ora in poi ogni settimana usciranno i film in prima visione, abbandonando la tradizione ormai storica che faceva coincidere la nuova programmazione con l'inizio del weekend, ovvero il venerdi sera.
La decisione è stata presa (non senza qualche scetticismo) dagli esercenti cinematografici, nella speranza di rivitalizzare il giorno più asfittico della settimana (commercialmente parlando) e fare così da 'traino' agli incassi del weekend. Si spera, infatti, che anticipando l'uscita di un giorno gli incassi possano beneficiare del passaparola della gente e della 'voglia' di vedere un titolo atteso.
Sinceramente, la cosa non ci convince molto. Non crediamo che la costante emorragia di spettatori si risolva con questo giochino di facciata, altrimenti sarebbe stato stupido non pensarci prima! Ci vorrebbero ben altre iniziative per riportare il grande pubblico nelle sale, prima fra tutte quella di sensibilizzarlo ed istruirlo, fin dalla tenera età, alla visione in sala e la fruizione dei film nel luogo a loro deputato. Non è affatto vero, infatti, che le nuove generazioni non amino il cinema... semplicemente, se lo godono in altre forme: in tv, nei videonoleggi, in streaming e, purtroppo, con i supporti pirata. Si è persa, insomma, la 'cultura del grande schermo', complici le miopi strategie messe in atto dagli ultimi governi in ambito culturale, contribuendo scientificamente ad aumentare il tasso d'ignoranza del popolo. Ma fermiamoci qui.http

Andare al cinema infatti costa. E anche se il cinema è rimasta ormai l'unica forma di spettacolo di livello veramente nazional-popolare e accessibile a tutti, la crisi economica in atto si è fatta sentire anche in questo campo, ed è ovvio che è inutile anticipare di un giorno l'uscita in sala se la gente, comunque, ha gli stessi soldi di prima...
Non solo: il recente proliferare di 'mostri' cinematografici come multiplex e multisale, vale a dire grandi complessi con 15-20 schermi ciascuno, hanno giocoforza fatto sparire le vecchie sale di città, dedite più che altro al cinema d'essai. I multiplex infatti, malgrado molti di essi siano impersonali, anonimi, comunque abbastanza tristi, hanno il vantaggio di essere (quasi) tutti fuori città e offrire allo spettatore ogni tipo di comfort (sala d'attesa, possibilità di portare viveri in sala, parcheggio gratis, prenotazioni on-line). E questa situazione nuoce soprattutto a quella fetta di pubblico principalmente di mezza età, abbastanza snob, 'formatasi' culturalmente nei cineforum e che ora non si riconosce più nel mega.caos del multiplex. E non ci va, mentre le piccole sale chiudono e il cinema d'essai fa sempre più fatica a imporsi.
Ecco perchè non credo che anticipare l'uscita delle 'prime' sia un'operazione effettivamente utile. Però è anche vero che si tratta di un'operazione a 'costo zero' e che non ha controindicazioni.
Staremo a vedere. La classifica dei film è dietro l'angolo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine