Magazine Radio

Racconto: Cappio, cacchio!

Creato il 29 novembre 2010 da Zetaman
Sara Zancanaro, una delle nostre autrici, ha immaginato un nodo; un nodo che appartiene ad un pensiero inconfessabile. Un nodo stretto attorno ad un’idea folle. Leggete questa storia. E tenetevi forte.
Altra giornata d’ufficio. Altra giornata, dolore.
Forse arriverò alla pensione, sempre se perdo quell’idea persistente di stringere il nodo.
Stufo, dondolo stravaccato sulla poltrona grigio topo e socchiudo gli occhi per afferrare un respiro di calma.
Eccola qui; mi appare sempre sinuosa, in bianco smagliante su fondo nero. Già, la corda ammicca alla mia immaginazione e volteggia i miei punti cardinali sulle note della follia.
Il segmento cordaceo è verticale davanti alle mie pupille. Il limite in alto, il nord - il limite in basso, il sud. E il centro svirgola un po’ a est-ovest, poi, ovest-est, in una danza del ventre sensuale e morbida. Una biscia liscia e spasmodica. Sempre più frenetica, la fune scivola caramellosa sulle sue stesse fibre. L’estremità sud penzola straziata alla gravità del pavimento. L’estremità nord si incurva verso il centro e partorisce una prima asola, chiusa in un bacio tra diverse direzioni. Ma non è abbastanza. Avida, l’estremità nord ha ingordigia del suo simile a sud. Si lancia, e il tuffo è così violento da farla impennare verso l’alto per rimbalzare là, ancora al centro e generare una seconda asola, gemella della prima. Ma non è mai abbastanza. Smaniosa, famelica, go-lo-sa, l’estremità nord si avvolge in un abbraccio soffocante attorno al centro, due, quattro, sei volte almeno, per poi ricadere a sud ingoiata nella seconda asola.
Indispettita la prima asola tira e tira e grida: “Cappio, cacchio!”. Ecco qua, un occhiello scorrevole che si serra a un qualsiasi solido attorno al quale è avvolto. È perfetto. Tanto più è il peso che sostiene, tanto più è la stretta che impicca. Bang!
La finestra sbatte; mi sveglio di soprassalto: il mio nodo scorsoio rimane appeso all’immaginazione vacillante invasa dalle luci al neon. Dilato pupille, stomaco e fegato; il collega ha spento l’aria condizionata. La pila di documenti svolazza sul parquet e io, io, io!!!  Giuro, prima o poi lo strozzo! Al patibolo, quel incompatibile, fraudolento collega da strapazzo; ladro d’aria!!
Cappio, cacchio! scritto da Sara Zancanaro

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Racconto: Misure giuste

    C’è una donna, si chiama Emma, e c’è un tubino nero che le strizza l’occhio dalla vetrina di un negozio di piazza San Marco, a Venezia. Sembra fatto apposta... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Le mie misure

    Quanti di voi hanno letto “I viaggi di Gulliver” di Jonathan Swift? E quanti tra voi non hanno immaginato qualche volta di vestire i panni del protagonista.... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: La terra ferita

    È una storia che parla di amicizia quella che vi stiamo per raccontare. Siamo alla fine degli anni ‘40 e l'Ucraina esce dal secondo conflitto mondiale liberata... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Il nodo immaginato

    La storia che vi stiamo per raccontare ha per protagonista un uomo la cui vita è curiosamente legata, annodata dovremmo dire, ad una vicenda di nodi. “Il nodo... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Follia

    Cosa c’è di più bello, coraggioso e folle dell’amore? E cosa c’è di più folle quando quell’amore è un sentimento che solo tu puoi capire? Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Altro me

    Avete mai sentito quella soriella secondo cui ognuno di noi avrebbe sette sosia nel mondo? E se uno dei vostri sosia un giorno bussasse alla vostra porta,... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Fotososia

    Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se qualcuno prendesse improvvisamente il vostro posto, vivendo per voi la vostra vita? Paola Perry Amadeo, una delle... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO

Magazine