Magazine Radio

Racconto: Eva

Creato il 16 gennaio 2011 da Zetaman
Davanti allo specchio, uno scambio di sguardi, pensieri vorticosi, un attimo prima di entrare in scena. S’intitola semplicemente EVA la storia che Irene Piana ha scritto per noi.
Ci guardiamo per un lungo istante, io e Alba.
La odio, lei lo sa benissimo.
Eppure si avvicina, non ne può fare a meno, e il suo sguardo mi dice “Ciao Eva”.
La mia espressione è severa, come ogni sera. E come ogni sera la guardo svestire i panni della sartina di paese per indossare quei patetici stracci che la dovrebbero portare ad assomigliarmi.
Guardala come si affanna tra pettini e forcine nel raccogliere i capelli biondi che le ricadono sulla nuca. Guardala, patetica, mentre armeggia con i suoi belletti, il cerone a renderle il viso una maschera piatta su cui dipingere la linea del mio naso, dei miei occhi, delle mie sopracciglia sottili.
Mi accendo una sigaretta e lei fa lo stesso, immagino che anche questo faccia ormai parte del nostro rituale. C'è avidità nelle sue labbra che sembrano risucchiare i miei pensieri dal tabacco, lo vedo dall'increspatura sulla fronte che ora combacia con la mia.
La lancetta dei secondi scivola ad una velocità innaturale e le nocche delle nostre mani collidono nello schiacciare il mozzicone nel posacenere. Alba si ritrae di scatto.
Stupida, come puoi vergognarti di entrare in contatto con la persona che scimmiotti sera dopo sera?
Nessuno bada a noi, tutt'attorno ci sono solo altri patetici maestri, fruttivendole, falegnami, tutti troppo intenti a dividere l'ultima metaforica sigaretta per guardare verso di noi.
Un fruscio si alza da dietro le tende di velluto alle spalle di Alba.
Un ultimo tocco di rossetto, si sbilancia talmente in avanti che quasi le nostre bocche si sfiorano e riesco per un attimo a percepire il panico che le si scatena nel petto.
Non capisco proprio come faccia ad essere così infantile.
Poi all'improvviso arriva l'uomo con la giacca nera e urla “Tra cinque minuti si va in scena!”
Eva si alza ed io con lei, ci lasciamo alle spalle uno specchio vuoto.
Eva scritto da Irene Piana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Racconto: Fotososia

    Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se qualcuno prendesse improvvisamente il vostro posto, vivendo per voi la vostra vita? Paola Perry Amadeo, una delle... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Alaska

    C’è emigrante italiano che nel 1888 arriva in Alaska a cercare oro. Vive anni di stenti, senza fortuna, percorrendo i territori del nord. Fino a che, nel... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Baldassarre

    Una storia natalizia. Ma non è la solita storia di Natale. Anche perché a raccontarcela è un personaggio a cui non siamo soliti prestare molta attenzione. Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: In portanza d'ala

    Allacciate le cinture e preparatevi al decollo. La storia che vi stiamo per raccontare ci farà volare in alto. Preparatevi ad una frizzante avventura che Sara... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: L’uomo del vento

    La magia di una meravigliosa isola nel pacifico è lo straordinario scenario che fa da sfondo ai sogni di un uomo: aprire le ali e lasciarsi portare dal vento.... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: L’imperatore allo specchio

    Denaro, sesso, potere: gli ingredienti della vicenda che vi stiamo per raccontare s’incastrano uno nell’altro in maniera tanto precisa da dare forma ad una... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Quotidiani

    Ci sono porte che si affacciano sui nostri ricordi, su quello che eravamo. E aprendo una di quelle porte, capita a volte l’occasione per fermarsi ad osservare,... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO

Dossier Paperblog

Magazine