Magazine Radio

Racconto: Il confine sconfinato

Creato il 08 novembre 2010 da Zetaman
Quella che vi stiamo per raccontare è una di quelle storie che ti invitano riflettere
sulla nostra vita, le nostre regole, le nostre abitudini. Ma soprattutto sulle nostre paure.
“Il confine sconfinato” è il titolo del racconto che Federico Di Leva ha scritto per noi.
Tutto ebbe inizio quando Jamel fu strappato ai suoi genitori e gettato nel Labirinto: un corridoio lastricato di pietre umide e di insetti viscidi, dal soffitto del quale filtravano rare lame di luce.
A lungo pianse Jamel, sbirciando dai fori e delle spaccature, nella speranza di scorgere qualcuno che potesse udirlo. Urlò fino a perdere la voce. E quando non ebbe più il suono delle sue stesse parole a tenergli compagnia, capì che sarebbe sicuramente morto lì, se non si fosse dato da fare.
Così il bimbo cominciò a camminare, in cerca di una via d’uscita. E per anni la cercò.
Camminando nel Labirinto, Jamel divenne ragazzo, ed il suo corpo crebbe, e con esso la sua rabbia. Ma a nulla valsero i pugni ed i calci sferrati ai muri. A nulla valse il tentativo di scavarsi una via d’uscita attraverso il soffitto.
Con il tempo, però, la rabbia di Jamel si affievolì, come gocciolata via attraverso le profonde ferite che la rassegnazione ed i pugni dati al muro gli avevano aperto sulle nocche. E, una mattina, Jamel sentì che l’ira che portava nel petto era svanita. Non provava più odio. Voleva soltanto trovare l’uscita. Anzi, no. Non voleva l’uscita. Voleva la soddisfazione di trovarla.
Svanita la rabbia, ecco che, dietro un angolo, Jamel scoprì una luce che non aveva mai visto prima. Da quel punto in avanti, il labirinto proseguiva senza copertura alcuna: vulnerabile al Sole, alla pioggia, e ai pleniluni.
Jamel credette di essere finalmente libero.
Tuttavia, pensò che evadere non fosse quello il modo giusto di fuggire da un labirinto e, tornato nel centro del corridoio, ricominciò a camminare.
Camminando divenne uomo. E, allora, guardandosi attorno, vide che le pareti si stavano facendo più basse. Il vecchio labirinto stava crollando.
Ed il labirinto crollò, fino a che le pareti non divennero alte quanto uno scalino.
Nonostante questo, Jamel invecchiò e morì continuando a rispettare le regole d’un gioco che, ormai, non esisteva più. Lo fece per timore che aveva di ritrovarsi in un mondo senza strade, e senza sensi.
Il confine sconfinato scritto da Federico DI Leva

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Racconto: Fotososia

    Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se qualcuno prendesse improvvisamente il vostro posto, vivendo per voi la vostra vita? Paola Perry Amadeo, una delle... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Alaska

    C’è emigrante italiano che nel 1888 arriva in Alaska a cercare oro. Vive anni di stenti, senza fortuna, percorrendo i territori del nord. Fino a che, nel... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Baldassarre

    Una storia natalizia. Ma non è la solita storia di Natale. Anche perché a raccontarcela è un personaggio a cui non siamo soliti prestare molta attenzione. Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Eva

    Davanti allo specchio, uno scambio di sguardi, pensieri vorticosi, un attimo prima di entrare in scena. S’intitola semplicemente EVA la storia che Irene Piana h... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Quotidiani

    Ci sono porte che si affacciano sui nostri ricordi, su quello che eravamo. E aprendo una di quelle porte, capita a volte l’occasione per fermarsi ad osservare,... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Quotidiani

    Pensate a quelle volte in cui la scrittura diventa un'irriverente espressione del cuore. Capita, ad esempio, quando chi scrive è un uomo che descrive divertito... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Fuochi

    Ci sono fiamme che ardono ma non scottano, che scaldano ma non bruciano. Ci sono fuochi che accompagnano le vite di persone come Anna, l’autrice della storia ch... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO

Dossier Paperblog

Magazine