Magazine Radio

Racconto: Il nodo immaginato

Creato il 28 novembre 2010 da Zetaman
La storia che vi stiamo per raccontare ha per protagonista un uomo la cui vita è curiosamente legata, annodata dovremmo dire, ad una vicenda di nodi. “Il nodo immaginato” è il racconto che Federico Di Leva ha scritto per noi.
Il professor Hermann aveva un curioso rapporto con i nodi. In tutte le accezioni del termine ma, in particolare, con una di esse…
Quella mattina, poi, i nodi avrebbero giocato un ruolo fondamentale nell’esistenza del professore.
La sveglia suonò presto, ma non destò Hermann che, per quasi tutta la notte, non era riuscito a dormire, arrovellandosi attorno al nodo di un’ansia assai difficile da sciogliere.
Si alzò dal letto. Le gambe gli dolevano, affaticate dal peso degli anni che, presto o tardi, lo avrebbero schiacciato. Andò in bagno, a specchiarsi. Sulla sua testa canuta, costellata dalle macchie dell’età, i pochi capelli rimasti erano una nuvola bianca e sottile.
Hermann la pettinò o, almeno, tentò. E tutti i nodi (com’è proverbiale) vennero al pettine. Quei nodi che lui non aveva ancora mai avuto voglia di domare.
Fortuna volle, però, che quel giorno – come era accaduto nel resto della sua vita – giunse sua moglie Sarah ad aiutarlo. I due si scambiarono un sorriso. Poi, lei – con mani ossute e pazienti e lo sguardo benevolo di chi stia accudendo un bambino di ottant’anni – lo aiutò a pettinarsi.
E lo aiutò a vestirsi, e a creare il nodo della cravatta, del quale Hermann non era mai riuscito a carpire il segreto. Un nodo così reale, concreto, e distante dal mondo che gli occhi di Hermann erano abituati ad esplorare.
Sarà intrecciò per lui il nodo delle sue scarpe, e lo abbracciò, come a fargli coraggio, rinsaldando quel nodo che li teneva legati da una vita.
Una vita che Hermann aveva vissuto da imbranato, nell’incapacità di sciogliere le più semplici questioni pratiche.
Poi suonarono alla porta di quella camera d’albergo. Erano venuti a prenderli. Di lì a poche ore, Hermann avrebbe ricevuto il Premio Nobel per la Matematica, per aver rivoluzionato la Teoria Topologica dei Nodi.
Gli unici nodi con i quali Hermann si sentisse a proprio agio quando, con lo sguardo azzurro e la mente assorta, li inseguiva lungo intrichi multidimensionali, come un bambino intento ad osservare – delle rondini nel cielo – il volo sinuoso, armonioso e, a suo modo, annodato.
Il nodo immaginato scritto da Federico Di Leva

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Racconto: Alaska

    C’è emigrante italiano che nel 1888 arriva in Alaska a cercare oro. Vive anni di stenti, senza fortuna, percorrendo i territori del nord. Fino a che, nel... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Fuochi

    Ci sono fiamme che ardono ma non scottano, che scaldano ma non bruciano. Ci sono fuochi che accompagnano le vite di persone come Anna, l’autrice della storia ch... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Il fuoco nel bosco

    Per chi tra voi soffre di nostalgia - la nostalgia dei tempi andati - abbiamo una storia che si ispira ad una vicenda ascoltata dalle parti di Madonna del Sasso... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Quid

    Sapete cos’è un sillogismo? È quella forma di ragionamento secondo cui se A è uguale a B e se B è uguale a C, ne consegue che A e C sono uguali. Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: L’appunto

    L’Appunto di Paola Perry Amadeo Se la memoria a volte vi gioca qualche scherzo, c’è un metodo infallibile per non scordarsi nemmeno pensiero. Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: Il problema erano gli occhi

    In un angolo di mondo c’è un giovane artista. Il suo nome è Saverio. E Saverio ha un’ossessione. Un’ossessione che non può evitare, perché la ritrova ogni giorn... Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO
  • Racconto: L'uomo, il Veleno

    Come lo immaginate voi un tizio il cui soprannome è “Veleno”? Perfido, irrequieto, brillante magari, ma non certo uno stinco di santo. Leggere il seguito

    Da  Zetaman
    RADIO

Magazine