Magazine Cultura

Racconto: U seciaru (parte II)

Creato il 03 febbraio 2011 da Spaziokultura
Nel mio paese non c'era un artigiano vero e proprio che riusciva a ricostruire le sedie. Magari qualcuno era pure in grado di ripararle, ma "u seciaru è n'atra cosa", si soleva dire  riferendosi all'abilità riconosciuta e mai sottostimata di quest'artista. L'arte infatti di ricostruire la sedia era propria di un signore dai capelli canuti e all'indietro che veniva forse dalla vicina Catanzaro. Ricordo che camminando tra le viuzze qualche vecchietta ti apostrofava di chiamarle "u seciaru" qualora lo si vedesse in giro. Ormai per noi ragazzi era una presenza tanto ricercata in paese quanto scontata, tanto che solo quando non lo vedemmo più ci accorgemmo che forse era più l'abitudine di vederlo che la certezza che ci sarebbe stato per sempre. Lavorava soprattutto le sedie più piccole, quelle che si utilizzavano per stare vicini vicini al focolare e che, nelle calde serate d'estate, si cacciavano fuori per recitare il Rosario. Non essendo del paese, lo si aspettava, e quando arrivava passava di via in via a recuperare il tempo perduto. Allora non si buttava niente e nemmeno le sedie si sottraevano al rito della ricostruzione che poi è diventata restaurazione. La sua presenza era segnalata dalle sue grida - " u seciaru"- e tutti si affacciavano, chi per fargli le consegne, chi semplicemente per salutarlo. Si piazzava allora seduto sui gradini delle "rughe" e iniziava il suo armonico intrecciare. Era facile trovarlo "alla Vallotta" vicino "Parmina" dove lo spazio gli permetteva di muoversi più tranquillamente. Lavorava fino a tarda sera spesso, per poi rientrare nella sua casa e  dalla sua famiglia. In fondo però in tutti paesi si sentiva di casa. Chiamava per nome tutti e tutti lo conoscevano; chiedeva degli zii, dei nonni mentre svolgeva appassionatamente il suo lavoro. Poi quando finiva riprendeva tutto ciò che gli apparteneva e trascinava gli attrezzi del mestiere in un'altra via e qui ancora ad offrire la sua arte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nomade Pastoralis (racconto)

    Il vento soffiava graffiante sul volto del giovane viandante. Il suo mezzo arrancava tra le dune del deserto turco. Sabbia arida lo colpiva rabbiosamente su ogn... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Nomade Pastoralis (racconto)

    Primo... Passarono due tramonti e due albe. Periodo breve ma pieno di tensione. Costretto a rimanere fermo nella piccola oasi della chiesa circolare, all'ombra... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Nomade Pastoralis (racconto)

    Primo; Secondo; Terzo... «Sei tu il Nomade Pastoralis?» la domanda giunse dall'oscurità più completa. Il giovane viandante non riusciva a comprendere dove si... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA, RACCONTI
  • Come scrivere un racconto

    Come scrivere racconto

    è un pratico manuale scritto da Jack M. Bickham e pubblicato in Italia dalla Dino Audino editore. La Dino Audino è una piccola ma ottima casa editrice e la... Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA, LIBRI
  • Nomade Pastoralis (racconto)

    Primo; Secondo; Terzo; Quarto... Salì a bordo del mezzo, che subito di imbizzarrì a causa di un terreno infido e animato dal malessere del demone. La via per... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Luminaria (racconto di Natale)

    Raul era arrivato affannato all'appuntamento. Varie traversie si erano frapposte tra lui e il luogo dove lei lo stava aspettando. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Nomade Pastoralis (Racconto)

    Primo; Secondo; Terzo; Quarto; Quinto; Sesto... Un caleidoscopio di colori colpì la vista affascinata del giovane viandante. La tenda lo proiettò... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA

Magazine