Magazine Africa

Re Mandume /Consueta "storia" di ambigui rapporti tra sovrani locali e colonizzatori in arrivo

Creato il 12 febbraio 2013 da Marianna06

Cunene-Memorial do Rei Mandume _

 

Il ministro della Cultura angolano ha espresso ufficialmente, qualche giorno fa, l’intenzione di realizzare prossimamente a Ondjiva, nella provincia di Cunene, per re Mandume, eroe della resistenza alla colonizzazione portoghese del suo tempo, un autentico museo.

In esso potranno così essere raccolti e conservati ,com’è giusto che sia, documenti, libri e manufatti,che rimandano all’esistenza terrena di Mandume Ya Ndemufayo, il giovane sovrano, che costituisce una vera e propria leggenda per angolani e namibiani anche per la sua prematura morte.

Infatti, il giovane e forte re Mandume, che oppose fino all’ultimo una strenua resistenza ai portoghesi, morì a soli 23 anni di età

E qui, a questo punto del racconto, come accade un po’ dappertutto in Africa, c’è che verità e leggenda si confondono, per cui attualmente si è ancora lontani dall’obiettiva realtà dei fatti accaduti all’epoca del colonialismo portoghese dei primi anni del ‘900.

E gli studiosi di storia (Mandume morì il 6 febbraio 1917) brancolano ovviamente nella più totale incertezza.

E ciò si spiega perché  le poche immagini rimaste della sua persona, lo ritraggono sano e forte,cioè in perfetta buona salute.

Allora non sono pochi gli interrogativi irrisolti circa la sua morte.

C’è chi parla di suicidio ma è molto improbabile dal momento che l’uomo era animato da un grandissimo orgoglio e una notevole fierezza, riconosciuta anche dall’avversario.

 Magari potrebbe, semmai, essere stato costretto a suicidarsi e, in questo caso, bisogna parlare di omicidio indotto in quanto soggetto troppo scomodo.

Oppure altre fonti sostengono che sia stato falcidiato casualmente (?) in combattimento dal fuoco di una mitragliatrice.

Sta di fatto che questi sovrani autoctoni di piccoli o grandi e pacifici regni africani, con tutta una propria importante “storia”, come è accaduto anche per il Rwanda e non solo, devono assolutamente sparire, in un modo o nell’altro, all’arrivo del “bianco” colonizzatore, che non è certo giunto fin laggiù  per spirito di conoscenza o di avventura.

Ecco, allora, che oggi, in Africa, un’Africa che ha ancora parecchie ferite da fare rimarginare, queste figure carismatiche di re e regine ,di un tempo mitico ma passato, sono esaltate e ricordate dalle popolazioni.

In breve è la normale voglia di ritrovare con consapevolezza o meno le proprie radici, quelle recise da una “brutta storia”, che si è chiamata “colonialismo” e il cui fantasma continua ad aleggiare, purtroppo,in forme differenti e quindi sotto mentite spoglie, anche ai nostri giorni.

 

   a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Re costituzionale

    costituzionale

    Anna Lombroso per il SimplicissimusUna grande chiesa appropriata per il compianto di un imperatore, un composto parterre dinastico, salvo una, reietta o... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il re acciuga

    acciuga

    Stasera al banco del pesce della coop ho comprato cinque acciughe spagnole sotto sale, colla testa mozzata, l'argento delle squame roso dalla salamoia. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il discorso del re

    Sarebbe da attendersi, dopo la fusione e il nuovo organigramma di EAV che chi la guida desse prova di voler dare una svolta al clima di appartenenza delle... Leggere il seguito

    Da  Ciro_pastore
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Beppe Grillo re di Roma ?

    Se esistesse il buon senso nella politica, oggi l’Italia non verserebbe nelle condizioni in cui si trova. Capisco, è irragionevole parlare di buon senso e... Leggere il seguito

    Da  Mauronick
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Re Giorgio il presidente

    Giorgio presidente

    Molti dei quali oggi lo vorrebbero ancora al Colle, magari a termine, sono gli stessi che nel 2006 non lo votarono sebbene “persona stimabile”. Perché un... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    SOCIETÀ
  • Re Giorgio e il drago

    Giorgio drago

    Giorgio Napolitano, primo presidente della storia repubblicana ad essere stato rieletto (navecorsara.it) Tu chiamale, se vuoi, rielezioni. Leggere il seguito

    Da  Federico85
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, POLITICA, SOCIETÀ
  • Re Giorgio il Giusto

    Giorgio Giusto

    Il quesito centrale, l’interrogativo più importante su cui dovrebbe riflettere l’opinione pubblica, è stato espresso con soave semplicità da Oliviero Beha, in u... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Lombardo
    POLITICA, SOCIETÀ