Magazine Cultura

Recensione: Bruto

Creato il 20 aprile 2015 da Miriam Mastrovito @miriammas
Recensione: Bruto Titolo: Bruto Titolo originale: Brute
Autore: Kim Fielding Genere: fantasy Editore: Dreamspinner Formato: Ebook Pagine: 327 Prezzo: 6,99 Disponibile qui Descrizione: Bruto conduce una vita solitaria in un mondo dove la magia è all’ordine del giorno. È un gigante di due metri e trenta di bruttezza e dai natali ignobili. Nessuno, incluso Bruto, si aspetta che lui sia più di un operaio. Ma gli eroi si presentano in tutte le forme e dimensioni e, dopo aver subito una mutilazione per salvare il principe, la vita di Bruto cambia bruscamente: è chiamato a servire al palazzo di Tellomer come guardia per un singolo detenuto. Sembra facile, ma si rivela essere la sfida della sua vita.
Le voci di palazzo dicono che il prigioniero, Gray Leynham, sia uno stregone e un traditore. Quel che è certo è che ha trascorso anni nello squallore: cieco, incatenato, reso quasi muto da una balbuzie estrema. Sogna la morte della gente, e quei sogni si avverano.
Mentre Bruto si abitua alla vita di palazzo e comincia a conoscere Gray, scopre anche il proprio valore, in primo luogo come amico e uomo, poi come amante. Ma Bruto impara anche che gli eroi, a volte, devono affrontare scelte difficili e che fare ciò che è giusto può portare nuovi pericoli.
La mia recensione: Un incipit che sembra rievocare le fiabe di Perrault ci trasporta nel mondo di Bruto, un mondo fantastico, dalle atmosfere medievaleggianti, ma che somiglia terribilmente al nostro quando si rapporta al diverso, quando si erge a giudice per mettere ai margini chi non può essere incasellato entro i limiti dettati dalla norma. Due metri e trenta di bruttezza sono più che sufficienti affinché un uomo venga etichettato come mostro, eppure bruttezza e cattiveria non sono necessariamente facce di una stessa medaglia. In effetti, quella raccontata da Kim Fielding è la favola di un gigante buono che alle angherie risponde con un sorriso mesto e con semplicità si prodiga per chiunque abbia bisogno di aiuto. È con questa spontaneità che un giorno Bruto salva il principe Aldfrid, precipitato in un dirupo e, senza volerlo, da freak si ritrova a calzare i panni dell’eroe. Nel caso specifico non si tratta di un vero e proprio salto di qualità, giacché il gigante perde una mano nell’impresa negandosi la possibilità di tornare a svolgere l’unico lavoro di cui sia capace: trasportare pietre. Più che un premio, l’atto eroico pare dunque procurargli una grave punizione, almeno fino a che il principe non decide di intervenire offrendogli un’alternativa. È così che Bruto viene chiamato a Tellomer per prestare servizio come guardia nella Torre Marrone. Giunto sul posto, tuttavia, scoprirà di dover svolgere un compito assai insolito. A occupare l’unica cella della prigione è, infatti, un solo prigioniero, Gray Leynham, e quel che viene richiesto alla sua guardia non è tanto di impedirne la fuga, giacché è saldamente incatenato, quanto vegliarlo mentre dorme per prendere nota di ciò che dice in sogno e riferirlo agli stretti collaboratori del re. Cosa sogna Gray? Perché i suoi sogni interessano tanto alla corte? Perché è ritenuto tanto pericoloso e, soprattutto, perché tutte le guardie che hanno preceduto Bruto sono sempre fuggite abbandonando il posto di lavoro? Sono tutti misteri che attendono di essere svelati e che attraversano il romanzo tenendoci saldamente incollati alla pagina, mentre i due protagonisti si lasciano conoscere, sussurrandoci anche una seconda fiaba nella fiaba: quella di due solitudini che si incontrano, di due outsider che si ritrovano a condividere un bizzarro destino. La storia di un compito ingrato o un’apparente beffa che si trasforma, gradualmente, nella più grande occasione concessa dagli dèi a Bruto e Gray, perché tra le sbarre di una prigione, entrambi avranno modo di scoprire l’amore e di conquistare la felicità che il destino sembrava aver loro negato. Indignazione, dolore, tenerezza, simpatia, gioia… tantissime sono le emozioni che si rincorrono capitolo dopo capitolo scandendo la lettura di questo fantasy pregno di avventura e dolcezza. Personalmente ho trovato irresistibile la coppia formata da Bruto e Gray, sono rimasta totalmente folgorata dalla loro fragilità che si tramuta in forza crescente nel momento in cui si trovano e si affidano l’uno all’altro. Disarmante è Bruto la cui sensibilità è direttamente proporzionale alla sua grandezza fisica; irresistibile Gray che ci si offre come un cucciolo assetato d’amore, un uomo offeso, umiliato, privato di tutto, ma che ha conservato intatta nel cuore, la voglia di amare e di essere amato. Fiaba che riecheggia suggestioni d’altri tempi per ambientazioni  e plot ma che si afferma per l’attualità dei temi affrontati, con tanta delicatezza, Bruto è un meraviglioso inno alla diversità, intesa come dono e non limite, e all’amore, capace di superare ogni ostacolo. Leggendolo vi accorgerete di entrare con i protagonisti in una gabbia, avvertirete il suono delle catene e vi sembrerà di respirarne l’aria asfittica, eppure andando avanti avrete l’impressione di vedere quello stesso spazio dilatarsi e i ceppi dissolversi fino a fornirvi la sensazione di volare, perché Bruto ci ricorda che la magia dell’amore è tale da poter mettere le ali, anche a chi se le è viste tarpare da una società che si rifiuta di guardare oltre le apparenze.
 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione Film: Exodus

    Recensione Film: Exodus

    Cari Lettori e passanti,giusto ieri sono andata al cinema col mio Virgilio (non lo conoscete? be', è la mia guida fidata) e abbiamo visto... Leggere il seguito

    Da  Taylor
    CULTURA, LIBRI
  • Novità: ‘Bruto’ di Kim Fielding

    Novità: ‘Bruto’ Fielding

    In arrivo il 14 Aprile per la casa editrice DreamSpinnerPress: Kim FieldingBRUTO Titolo: Bruto Autore: Kim Fielding Traduttore: Stella Mattioli Titolo Originale... Leggere il seguito

    Da  Nasreen
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: Scritto nel sangue

    Recensione: Scritto sangue

    Ciao miei cari lettori ^^ oggi pubblico di pomeriggio, perché di mattina ero uscita per fare compere e non sono riuscita a programmare prima questo post. Oggi v... Leggere il seguito

    Da  Chaneltp
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: Il palazzo d'inverno

    Recensione: palazzo d'inverno

    Il palazzo d'invernodi Eva StachniakEditore: Beat EdizioniPrezzo: € 13,90Pagine: 416Titolo originale: The Winter PalaceVarvara Nikolaevna ha sedici anni e le... Leggere il seguito

    Da  Annalisaemme
    CULTURA
  • Recensione: "Amer"

    Recensione: "Amer"

    Forse non serve farmi tanti scrupoli o perdermi in troppi preamboli, forse meglio dirlo subito e direttamente: Amer è il giallo (a cavallo tra l'horror e il... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • RECENSIONE A CALDO – Annabelle

    RECENSIONE CALDO Annabelle

    Questo film doveva essere affidato a James Wan ma lui ha detto ai produttori di andarsi a fare un brodo (sì, sì, ha detto proprio così, ne sono... Leggere il seguito

    Da  Fabioeandrea
    CULTURA
  • Recensione: Interstellar

    Recensione: Interstellar

    Genere: FantascienzaRegia: Christopher NolanCast: Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow, Matt DamonDurata: 169 min. Leggere il seguito

    Da  Mattiabertaina
    CINEMA, CULTURA