Magazine Cultura

Recensione: "Come into my Wonderland"

Creato il 31 maggio 2013 da Ilary
Recensione: Titolo: Come into my Wonderland Autore: Isabel C. Alley Editore: autopubblicato Pagine: 74 Prezzo: gratuito
Trama “Ci sono missioni che una cacciatrice di vampiri non può permettersi di rifiutare. Non davanti alla richiesta del vampiro più potente della zona: Lorenzo Ferranti. Se questo nome non vi dice nulla, significa che non avete mai incontrato il mio cliente. Non ci si può scordare di Lorenzo Ferranti: è forte, ricco, affascinante... Un angelo caduto dal cielo, penserete voi. E se vi confidassi che la sua malia potrebbe rivelarsi altrettanto pericolosa? E se aggiungessi che quel vampiro sarebbe disposto a tutto, pur di ottenere ciò che più gli interessa? Per un'intera notte, il mio compito sarà quello di restare al suo fianco e proteggerlo da un'incombente minaccia. Non posso dire che questa missione sarà mortale, perché mentirei. Lo è molto di più colui che sarà il mio compagno, in questa serata piena di luci e ombre, di dolcetti colorati e aitanti Stregatti. Seguitemi dunque in questa Wonderland fatta di sangue e lussuria. E non dimenticate le vostre maschere! Se non sapete chi sono, leggete il mio Diario. Scoprirete la storia di Isabel Cariani, cacciatrice di vampiri per vendetta.”
Recensione
Chi ha letto la mia precendente recensione del romanzo Il Diario di Isabel, sa quanto fossi rimasta ammaliata (è proprio il caso di dirlo!) dalla figura di Lorenzo Ferranti, vampiro antichissimo e potente, nonchè personaggio incredibilmente carismatico e affascinante. Insomma un vampiro con la V maiuscola! Tra tutti i personaggi maschili che ruotavano attorno alla protagonista Isabel, nel precendente romanzo, Lorenzo è stato sicuramente quello che, nonostante sia apparso per poche pagine, ha colpito di più la mia fantasia, e per quanto mi riguarda, era una spanna sopra gli altri, anche sopra Stephan, il cacciatore di vampiri che, diciamocelo, aveva comunque il suo perchè! Sono stata molto contenta, quindi, di sapere che l'autrice aveva intenzione di pubblicare uno spin-off dedicato al fascinoso vampiro e, a lettura terminata, posso dirmi molto soddisfatta di questo racconto tutto incentrato sulla figura di Lorenzo e sulla relazione di attrazione/odio che ha Isabel con lui. Come into my Wonderland, come il precedente romanzo, è narrato direttamente in prima persona da Isabel, sotto forma di diario nel quale la protagonista scrive tutto quello che succede nella sua caotica e movimentata vita di studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di vampiri di notte. Isabel in questo breve romanzo (o racconto lungo?) si trova ad affrontare una missione che avrebbe volentieri evitato, dato che implica uno stretto contatto con Lorenzo Ferranti, il capo della comunità di vampiri locale, con il quale la giovane ha già avuto a che fare e del quale conosce bene il grande potere (non vi rivelo in che modo i due si sono incontrati, se leggete il Diario di Isabel lo scoprirete). Anche se contrariata, Isabel non può fare altro che accettare l'incarico, ovvero quello di proteggere Lorenzo da un vampiro che ha ordito un piano per eliminarlo e prenderne il posto ai vertici della comunità vampirica. La cacciatrice si ritrova così con Lorenzo ad una festa organizzata proprio nell'abitazione del vampiro che deve eliminare, una festa a tema "Alice nel paese delle Meraviglie", una Wonderland vampiresca dall'atmosfera gotica e oscura, intrisa di sangue e lussuria... Non vi racconto di più della trama, o vi toglierei il piacere di leggerlo! Dal canto mio posso dire che questo racconto mi è piaciuto molto, l'ho trovato ben scritto e avvincente. Anzi, mentre leggevo, ho avuto la netta impressione che l'autrice stia crescendo, stia acquistando uno stile narrativo molto più scorrevole, frizzante e accattivante rispetto al Diario di Isabel. Se ricordate la mia recensione del Diario, mi ero lamentata un po' della scrittura troppo barocca e ricca che rallentava, a parer mio, il ritmo della narrazione; bene, in Come into my Wonderland, invece il ritmo è molto più veloce e la scrittura più fluida e nient'affatto appesantita da infiorettature superflue, una cosa che mi ha davvero fatto apprezzare ancora di più, oltre che per quello che viene raccontato, questo breve romanzo. Una delle cose che più ho gradito di questo libro è il modo in cui l'autrice riesce, con le sue descrizioni molto dettagliate a far immedesimare il lettore in quello che è descritto nel racconto; certamente il fatto di essere scritto in prima persona, con un'attenzione particolare alle emozioni che vive Isabel, aiuta in questa immersione totale nell'atmosfera del romanzo, ma davvero durante la lettura ero completamente coinvolta tanto che mi sembrava di vedere davanti agli occhi quello che succedeva e di provare le stesse sensazioni di Isabel! So che sembra esagerato, ma credetemi, è proprio così! E vogliamo parlare un po' di Lorenzo Ferranti? Eh, direi proprio di sì! È lui il pezzo forte del racconto, il personaggio più intrigante e misterioso dei libri che vedono protagonista la nostra cacciatrice. Ve l'ho detto anche prima, Lorenzo è uno di quei personaggi che fa centro, e le lettrici si ritrovano colpite e affondate! Lorenzo incarna il prototipo del vampiro che mi aspetto di trovare quando leggo un libro di questo genere: affascinante, sicuro di sè e del suo potere, sexy e con una certa aura di mistero e pericolosità che accresce ancora di più il suo fascino oscuro. Così come noi lettrici non possiamo fare a meno di ritrovarci vittime della sua malia, così succede a Isabel che, nonostante tenti di negarlo a sè stessa, è fortemente attratta dal bel vampiro... e come darle torto! La tensione tra i due è palpabile e, devo proprio dirlo, io adoro leggere storie in cui questa tensione tra due personaggi attratti l'uno dall'altro si taglia letteralmente a fette, in cui si dice e non si dice, si arriva fino ad un certo punto e poi ci si ritrae. Mi fanno impazzire! Preferisco di gran lunga questo genere di racconti a quelli in cui in quattro e quattr'otto i protagonisti si saltano addosso e tolgono al lettore tutto il piacere di vedere come si evolverà la loro relazione. Il guaio di questo libro è che, invece che soddisfare la curiosità sulla figura di Lorenzo Ferranti e la società dei vampiri, la alimenta ancora di più! Già, perchè l'autrice introduce altri argomenti, come il Codice di comportamento dei vampiri nominato proprio da Lorenzo, o un fuggevole accenno di Isabel all'intenzione di indagare sul passato del vampiro, che spero saranno approfonditi in un futuro libro. E soprattutto spero che rivedremo ancora l'accoppiata Isabel/Lorenzo, dato che questi due insieme fanno scintille! Credo di non dover aggiungere altro per convincervi a leggere questo breve ma intenso racconto! Considerando poi il fatto che è un vero e proprio regalo dell'autrice dato che è totalmente gratuito, direi che Come into my Wonderland è un ottimo modo per conoscere la scrittrice e i suoi personaggi, e scoprire se Isabel e le sue avventure possono piacervi. 
Recensione:

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines