Magazine Cultura

Recensione di Road games di Allan Holdsworth

Creato il 29 agosto 2011 da Empedocle70
Recensione di Road games di Allan Holdsworth

Disco dalla storia travagliata e complicata questo “Road Games”. Siamo nel 1983, il jazz rock e la fusion conquistano appassionati e i dischi dei “guitar heroes” vendono e vendono bene. Gli addetti ai lavori e gli appassionati di chitarra hanno da tempo messo gli occhi su un chitarrista prodigio, incensato dalla critica, dai colleghi ma sconosciuto al largo pubblico. Forse è giunto il momento per Allan Holdsworth di fare il grande passo e di ricevere gli onori e le soddisfazioni che le sue capacità giustamente chiedono da diversi anni.

Sembra sia il momento giusto: la Warrer Bros si interessa ad Holdsworth e gli propone un contratto per un album con la produzione di Ted Templeman.Tutto sembra andare bene, Allan comincia ad incidere i brani scritti con Paul Williams, quand'ecco spuntare le prime grane: in realtà Templeman intende fare un album solo di Allan Holdsworth che sia zeppo di ospitie non è interessato a produrre gli I.0.U. e ne tantomeno alla voce di Paul Williams. Lo stesso Van Halen vorrebbe suonare con Allan: da lui ottiene però un rifiuto, il che mettel'«olandesino volante» di pessimo umore. Giustamente Holdsworth, da vero artista, sa che il grosso del pubblico comprerebbe l'album unicamente per la presenza degli ospiti, e non perchè interessato agli I.0.U. Cosi Templeman, fa marcia indietro, diventa irreperibile con il suo pupillo Van Halen, lasciando Allan con metà del materiale inciso, senza p una sala a disposizione. Alla fine, tra mille difficoltà e ritardi, missaggi difficoltosi, e soprattutto con un contratto capestro con la W. Bros (che impone ad Allan di pagare il resto delle spese della sala), esce Road Games, con Chad Wakerman (ex F. Zappa) alla batteria, Jeff Berlin al basso (vecchio amico della B. Bruford band), e parti vocali divise tra Paul Williams e Jack Bruce. Ogni brano è un piccolo capolavoro chitarristico: «Tokyo Dream» presenta a una struttura ritmica insolita e una grande ricerca nei suoni e negli accordi, e vede Allan impegnato nella tecnica dell'hammering finalizzato alla ricerca di soluzioni armoniche inusuali. Tale brano, con cui Holdsworth spesso apre i suoi concerti è godibilissimo per tutti gli amanti del finger tapping, la tecnica a due mani sulla tastiera. In «Water On The Brain” Jeff Berlin si scatena in un assolo definito addirittura storico. Insomma tutto I'album, anche se usci in versione di mini LP, è bellissimo, e vale ad Allan la nomination (!!!) per il «Grammy Award», il premio più ambito per ogni mucista, equivalente ad un oscar in campo cine­matografico . Tutto bene? No. No perché trovare questo mini Ep non è semplice e spesso costicchia, ma vi assicuro che ne vale la pena, è un grande disco e Allan Holdswoth è un grande chitarrista!

http://feeds.feedburner.com/ChitarraEDintorni

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Buon compleanno abbey road

    Buon compleanno abbey road

    . Nel novembre del 1931 il compositore Sir Edward Elgar e laLondon Symphony Orchestra inauguravano i noti studi di registrazione nel nord ovest di Londra, con... Leggere il seguito

    Da  Towerbridge28
    CULTURA, EUROPA, MUSICA
  • Cesare Carugi > Here's To The Road

    Cesare Carugi Here's Road

    Forse quello che sbrigativamente si può definire cantautorato rock americano non ha creato un "genere" tra i consumatori di vinile e cd in Italia, come... Leggere il seguito

    Da  Maurozambellini
    CULTURA, MUSICA
  • “On the Road to YS”

    Road

    Autunno 2011. Visto il grande successo riscosso dalla versione in vinile di “On the Road to YS”, abbiamo pensato di realizzarne una su CD integrandola con... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Dommitiana road

    Dommitiana road

    [Gualberto Alvino, Dommitiana road, "Alfabeta2", dicembre 2010, n. 5, p. 10] we are not dogs no house no nenti here vivi mali cca no so no capisi talian beni... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Robin Hood - Allan Dwan (1922)

    Robin Hood Allan Dwan (1922)

    (Id.)Visto in VHS.Allan Dwan è forse il più misconosciuto dei mostri sacri del cinema. Si può dire che assieme a Griffith (cominciò solo 2 anni dopo di lui) ha... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • The Road

    Road

    Titolo: La stradaTitolo originale: The RoadAutore: Cormac McCarthyAnno: 2006 Il libro… Edizione americana Dal mio punto di vista, gli avvenimenti tragici che... Leggere il seguito

    Da  Charliecitrine
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Revolutionary Road (incipit)

    Revolutionary Road (incipit)

    L’ultima eco della prova generale si spense, e gli attori della Compagnia dell’Alloro si ritrovarono senza altro da fare che starsene lì, silenziosi e... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI