Magazine Cultura

Recensione: GENESI

Creato il 07 novembre 2012 da Sarabooklover
Ecco la mia recensione al libro "Genesi" di Karin Slaughter.
Recensione: GENESITitolo: Genesi
Serie: Will Trent vol. 3 (o anche "Georgia" vol. 1)
Autrice: Karin SlaughterTraduzione: Vanessa ValentinuzziCasa editrice: TimeCRIMEPagine: 560Data di pubblicazione: 20 Settembre 2012Prezzo: 10,00
Sinossi: Qualcuno ha passato del tempo insieme a lei. Qualcuno specializzato nell’arte d’infliggere il dolore... Un incidente di macchina. Una giovane donna è stata investita. E tuttavia ai medici appare subito chiaro come le ferite che offendono quella carne non siano dovute semplicemente all’impatto contro il veicolo. Qualcuno, prima dell’incidente, deve averle inflitto delle sofferenze atroci: una mente malata che forse, in quello stesso istante, sta scegliendo un nuovo terreno di caccia, un nuovo corpo da seviziare. Starà al coroner Sara Linton, al detective del Georgia Bureau of Investigation Will Trent e alla sua partner Faith Mitchell scoprire l’atroce verità, celata in una camera degli orrori incuneata nel buio dei sotterranei della città, una caverna in cui sono nascosti strumenti di tortura ‘così complicati, così orrendi, che la mente di Will non riusciva ad immaginare come l’assassino li facesse funzionare’. In quella caverna, c’è il corpo di una seconda vittima. E mentre le indagini stentano a trovare una direzione, il tempo sembra essersi alleato con il male e scorre, inesorabile, mentre un’altra vittima viene scelta, catturata, ed è ormai pronta per essere straziata...

La mia opinione: E' una mia impressione o i libri della Slaughter sono uno più bello dell'altro? Ho iniziato questa lettura con alte aspettative, già quasi sicura di essere davanti ad un ottimo thriller, visto che i precedenti mi erano piaciuti molto, e le mie aspettative sono state addirittura superate! Anche "Genesi" come i libri precedenti editi da Time Crime ("L'ombra della verità" e "Tre giorni per morire") ha una trama complessa, ben congegnata, che tiene il lettore con il fiato sospeso e non risparmia colpi di scena strepitosi, ma, a differenza di altri ottimi thriller che ho letto ha una marcia in più, in quanto l'autrice non si limita solo ed esclusivamente al genere "thriller", ma aggiunge anche una buona dose di vero "romanzo". I protagonisti del libro si riprendono dai precedenti, hanno una vita che l'autrice ama approfondire in maniera molto precisa, arricchendo la storia di introspezione psicologica; non sono personaggi che iniziano e finiscono con l'inizio e la fine del libro. Il lettore non rimane solo curioso di scoprire come si risolverà il caso, non sarà solo smanioso di arrivare a fine libro per scoprire il colpevole, ma rimane anche affascinato dalla storia in maniera più ampia, dalle vite di questi personaggi che si intrecciano, e la lettura scorre fluidamente, come se si stesse leggendo un normalissimo ed appassionante romanzo di narrativa generale. In "Genesi" ritroviamo quindi la compagnia di Will Trent, detective e uomo straordinario (impossibile non amarlo!) e di Faith Mitchell (già comparsa in "Tre giorni per morire") e in più si aggiungerà Sara Linton, un'assoluta new entry per chi segue la serie partendo dalle pubblicazioni Time Crime, ma un personaggio già conosciuto per chi ha già avuto il piacere di leggere la serie "Grant County", pubblicata (purtroppo non ancora per intero) da Sonzogno e Piemme. "Genesi" risulta infatti come un crocevia tra la serie "Grant County" e la serie di Will Trent.Insomma... "Genesi" è un libro IMPERDIBILE, da brivido per quanto riguarda la variante thriller (che in questo libro sarà particolarmente cruenta, ancora più del solito) e ancora più appassionante per quanto riguarda le vite dei personaggi. Il mio voto è di 4,5 stelline, rasenta la perfezione ma non mi voglio sbilanciare (l'unico motivo per cui non mi sento di dare il massimo dei voti è a causa delle forse troppe coincidenze che portano alla soluzione del caso), credo che la Slaughter sia in grado di fare ancora di meglio!
E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:
Cover: La cover italiana è stata ripresa dalla cover UK e mi piace molto, rispetto alle cover estere credo sia proprio la migliore.
Ecco tre delle cover uscite all'estero: 
Recensione: GENESIRecensione: GENESIRecensione: GENESIDa notare che la prima (la cover USA) ha anche un titolo diverso, non mi piace né la cover né il titolo. La seconda è quella UK, la migliore, mentre la terza è la cover tedesca, troppo gotica (in Italia quell'immagine è stata infatti usata per un libro sui vampiri).
Stile di scrittura: Lo stile di scrittura è scorrevole e descrittivo al punto giusto, introspettivo e armonioso, che non risparmia picchi di tensione. Si legge con facilità e risulta facile immaginare le scene descritte. Lo trovo adatto al contesto narrato e piacevole. 557 pagine sono volate via quasi senza peso.
Idee alla base della storia: Un thriller di ottima originalità riguardo agli orrori che propone e allo svolgersi del caso. Ottimo anche lo sviluppo dell'intreccio narrativo.
Caratterizzazione dei personaggi: I personaggi sono caratterizzati alla perfezione. In alcuni punti (escludendo dove la componente thriller prende il sopravvento sulla storia) sembra quasi di leggere un romanzo psicologico, talmente l'introspezione è precisa e approfondita, ne sono rimasta TOTALMENTE soddisfatta.
Editing e traduzione a cura della casa editrice: Purtroppo ci sono vari erroretti di editing, almeno una decina in tutto il libro. Anche la traduzione ha qualche imprecisione, alcune parole risultano troppo letterali, ma il caso più eclatante è un termine completamente errato che non c'entra nulla con la frase e si nota (a pag. 28: "se vuole può sbagliare un libro o una rivista nell'attesa". Confondere la parola "sbagliare" con "sfogliare" credo sia un po' grave).
voto:
Recensione: GENESI
Acquisto consigliato? Sì, lo consiglio caldamente agli amanti dei thriller classici e dei romanzi psicologici (da non confondere con thriller psicologico, non è questo il genere di appartenenza del libro), ma attenzione all'ordine di pubblicazione della casa editrice Time Crime, che va rispettato rigorosamente per poter apprezzare a pieno i risvolti della storia!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :