Magazine Cultura

Recensione: Il miglio verde di Stephen King

Creato il 08 gennaio 2013 da Chaneltp @CryCalva
Ho finito questo libro verso Novembre, ma non sapevo decidere se fare o meno la recensione. Quando i libri sono troppo belli, non riesco a descriverli e a fare una buona recensione. Ma mi sono convinta, di parlarvene e spero di essere riuscita a fare un buon lavoro.
IL MIGLIO VERDERecensione: Il miglio verde di Stephen King
TRAMA:Nel penitenziario di Cold Mountain, lungo lo stretto corridoio di celle noto come <<Il Miglio Verde>>, i detenuti come lo psicopatico <<Billy the Kid>> Wharton o il demoniaco Eduard Delacroix aspettano di morire sulla sedia elettrica, sorvegliati a vista dalle guardie. Ma nessuno riesce a decifrare l'enigmatico sguardo di John Coffey, un nero gigantesco condannato a morte per aver violentato e ucciso due bambine. Coffey è un mostro dalle sembianze umane o un essere in qualche modo diverso da tutti gli altri?Recensione: Il miglio verde di Stephen King
E' davvero difficile fare una discreta recensione di questo libro, non perché è orribile, anzi... perché è troppo straordinario, troppo bello, troppo emozionante. Chiunque ha già visto il film (che a mio parere, è ben fatto e si avvicina davvero molto al libro), sa che questa è una storia davvero commovente, che riesce a prenderti dentro, nel profondo. Ogni volta che guardo il film piango, anche se lo conosco a memoria. Con il libro, ho riprovato tutte le medesime sensazioni.Recensione: Il miglio verde di Stephen KingLa storia del miglio verde, nasce come serie di racconti, pubblicati settimanalmente. Stephen King sceglie questo metodo di pubblicazione, per invogliare i lettori, per aumentare la loro curiosità. Inizialmente non crede che il suo racconto possa avere successo, infatti spesso la sua idea viene accantonata per scrivere altri libri. Ci sta un bel po' di anni a concludere la storia, ma penso che il risultato sia più che ottimo.La storia, ambientata negli anni '20, vede come protagonista un poliziotto, Paul Edgecombe a capo del penitenziario Cold Mountain. Ogni giorno ha a che fare con uomini rinchiusi per omicidio e che si stanno preparando per affrontare il loro ultimo “viaggio”, per arrivare alla sedia elettrica, Old Sparky (così la chiamano). Ma un giorno, arriva John Coffey al penitenziario, l'uomo più grosso, più nero e più strano che abbiate mai visto. Perché fa uno strano effetto agli occhi del protagonista?Conosceremo numerosi personaggi, con tante storie diverse alle spalle. All'interno del penitenziario non mancheranno le amicizie. La superbia di alcuni protagonisti porterà ad un triste finale. La storia è raccontata in prima persona, è una specie di flashback. Infatti, Paul (interpretato da Tom Hanks nel film), ormai anziano e rinchiuso in una casa di riposo, racconta la sua storia, degli anni passati al Miglio Verde.Recensione: Il miglio verde di Stephen KingNon voglio accennarvi nient altro, anche perché chi conosce il film sa già tutto. Penso sia più importante parlarvi del libro, piuttosto della storia. Non chiedetemi come scrive Stephen King, perché non saprei commentare, dire che riesce a catturare l'attenzione del lettore è poco. Riesce a dettagliare qualsiasi cosa, rendendola nitida alla mente. Non rende assolutamente la lettura noiosa, tutt'altro. Usa una scrittura chiara e lineare. Il miglio verde è davvero un librone, ma leggendolo passano velocissime le pagine, senza che te ne rendi conto. Sono circa 550 pagine, ma riuscirete a leggerlo davvero in poco tempo. Ti ritrovi alla fine, svuotata. Questa storia, riesce a farti provare tutti i tipi di emozioni: felicità, divertimento, suspance, terrore, odio e purtroppo, sofferenza. Lo consiglierei 40000 volte. Ovviamente a dei lettori più maturi e soprattutto agli amanti dei thriller. Non potete perdervi una lettura come questa!Era il primo libro di King che leggevo e penso proprio di voler leggere qualche altro suo libro.
VOTO: 5/5
Qualcuno di voi lo ha letto? Opinioni?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines