Magazine Fantasy

Recensione in anteprima "Onyx" di Jennifer L.Armentrout

Da Glinda
Ho avuto il piacere di leggere in anteprima il secondo volume della saga"Lux" di Jennifer Armentrout, "Onyx" che verrà pubblicato il 29 Gennaio da Giunti. Se non lo avete fatto, vi consiglio di leggere "Shadows", la novella prequel della serie (che è composta da cinque romanzi primari e quattro novelle) per prepararvi meglio agli eventi che vi aspettano in "Onyx".
Data di pubblicazione: 29 gennaio 2014
Autore: Jennifer L. ArmentroutTitolo: Onyx (Lux #2)Editore: Giunti YPrezzo: € 12,00Pagine: 368
Il mio voto

Daemon Black ultimamente è cambiato: dolce, passionale, protettivo e addirittura geloso, sembra davvero prendere sul serio la relazione con Katy, che adesso è qualcosa di più di una bizzarra connessione aliena. E Katy? Ancora combattuta, non può più negare di esserne perdutamente innamorata. Però non è facile godersi una storia d’amore quando il pericolo è in agguato: una minacciosa presenza che viene da un altro mondo e nasconde segreti impensabili.

Katy è sconvolta per aver appreso cose che non poteva lontanamente immaginare e l’improvvisa apparizione di qualcuno creduto morto non rende certo la situazione più semplice. Determinati a scoprire la verità sulla scomparsa di Dawson e della sua ragazza, Katy e Daemon si trovano ad affrontare una lotta di dimensioni cosmiche. Nessuno è ciò che sembra e i segreti nascosti per così tanto tempo reclameranno le loro vittime. A volte esistono nemici più forti dell’amore...Nel secondo, avvincente episodio della serie “Lux”, suspense, intrighi e passione sono... alle stelle!



La mia recensione
Come ho già detto nella recensione di Obsidian, il primo romanzo della serie, Jennifer Armentrout è una maestra nel dar vita a storie che sanno catturare l'attenzione del suo pubblico di riferimento
Più vado avanti nella lettura della "Lux-saga", più mi è chiaro il fatto che la Armentrout si è davvero focalizzata nell'offrire intrattenimento allo stato puro ai propri lettori, giocando con i colpi di scena, i momenti d'azione e la tensione sessuale in modo molto studiato. Il risultato è ammirevole: ogni libro coinvolge al punto giusto e sembra fatto apposta per tenere i lettori sulla corda fino all'ultimissima pagina.Proprio per le ottime capacità di dare al lettore ciò che vuole questa serie, più di tante altre, è marcatamente Young Adult e vuole esserlo. Non si tratta infatti di una di quelle storie in cui i protagonisti sono sedicenni che ragionano e si comportano come adulti fatti e finiti, no. L'autrice riesce a dar voce in modo efficace ai pensieri di una blooksblogger diciassettenne in balia di ormoni ed eventi paranormali, che sono ovviamente fuori dal suo controllo.Perciò, se cercate una particolare profondità morale nei personaggi (tratti tipici di autori come Lauren Oliver o John Green), vi consiglio di girare a largo da questa saga e gettarvi invece su "Ti Aspettavo", sempre di Jennifer Armentrout, che è adatto a un pubblico più maturo. Se invece avete voglia di una storia frizzante in cui non manca l'azione, con una serie di protagonisti simpatici e imprevedibili e una buona dose di romance, allora dategli una possibilità e potrebbe conquistarvi! Come al solito non ci sono spoiler, perciò anche se non avete letto Obsidian potete leggere questa recensione!
«Scommetto che entro la fine dell'anno confesserai di essere follemente, totalmente, irrimediabilmente...».«Ti piacciono gli avverbi?» Avevo le guance in fiamme.«Irrevocabilmente?»«Almeno sai cos'è un avverbio, non immaginavo» borbottai sbuffando.«Smettila di distrarmi, Kitty. Entro la fine dell'anno, confesserai di essere follemente, totalmente, irrimediabilmente, irrevocabilmente innamorata di me».Soffocai una risata, sconvolta.«E che mi sogni, anche.» Mi lasciò il braccio e si mise a braccia conserte. «Scommetto che confesserai anche questo. Forse mi mostrerai persino il quaderno in cui hai scritto il mio nome circondato da cuoricini...».«Oh, ma per favore...»Daemon mi fece l'occhiolino. «Ti sfido». Da "Onyx"
Immaginate di essere una ragazza che ha qualche difficoltà a parlare con il prossimo senza avere uno schermo e una tastiera davanti, che ama più i libri che gli esseri umani, che ha qualche chiletto in più imputabile alle ore trascorse a scrivere sul proprio blog. Scommetto che questa descrizione calza a parecchie di voi, non è così? Be', è proprio quello che intendo quando dico che Jennifer Armentrout conosce bene il suo pubblico, perché Katy è proprio una ragazza comuneDopo essersi trasferita in quella che doveva essere una tranquillissima cittadina di provincia assieme alla madre, Katy credeva che la sua vita non sarebbe cambiata poi tanto. Non immaginava certo che come vicini di casa avrebbe avuto due alieni ostinati e invadenti, che le avrebbero definitivamente stravolto l'esistenza. Eppure è proprio questo che è successo: i gemelli Dee e Daemon Black sono piombati sul suo cammino, seguiti da una serie di incidenti, misteri e problematiche fuori dal comune.Già in Obsidian Katy ci ha fatto capire che non è facile essere la migliore amica di una Luxen, capace di trasformarsi in un essere fatto di pura luce; ed è ancora più difficile essere irrimediabilmente cotta di un alieno con la sindrome del maschio alfa, bello in modo indecente, ma altrettanto irrequieto e insopportabile. In particolare quando sulla Terra è in corso una lotta tra i Luxen e una razza aliena nemica, gli Arum, che vorrebbe sterminarli.Ma, per quanto impossibile possa sembrare, in Onyx la vita di Katy diventa ancora più complicata. Mentre Daemon concentra tutta la propria ostinazione (e voi sapete che ne possiede davvero molta) nel tentativo di conquistare la sua "Kitty" e Blake, il nuovo arrivato in città, fa di tutto per farsi notare da lei, Katy deve affrontare un problema ben più grave. Perché, da quando i Luxen sono precipitati nella sua vita e nel suo cuore, qualcosa di molto importante in lei è cambiato. Dentro di lei potrebbero celarsi le risposte alle molte domande che affliggono Daemon e Dee, ma a volte le risposte creano ancora più problemi di un quesito irrisolto.
Non feci in tempo a rispondere o a riflettere un secondo sul fatto di averlo spaventato, che le nostre labbra si toccarono. Spensi il cervello e affondai le unghie nella sua maglia... i suoi baci erano così profondi e le sue mani così forti mentre mi tirava a sé. Baciava come se io fossi l'acqua e lui un assetato, con avidità.  Da "Onyx"

Lasciate che ve lo dica: non vorrei essere nei panni di Katy. Non posso entrare nello specifico perché rischierei di rovinarvi più di una sorpresa, ma sappiate che la ragazza ha davvero molte gatte da pelare e dopo il finale di Onyx posso dire che le cose non possono che complicarsi ulteriormente. In Onyx scopriamo, infatti, che il mondo che creato dalla Armentrout è molto più articolato di quanto Obsidian lasciasse a intendere e che presenta insidie davvero pericoloseInutile dire che la povera Katy, che fortunatamente riesce sempre ad affrontare con un pizzico di ironia tutto ciò che le accade, si trova praticamente sempre nell'occhio del ciclone. 
Non solo perché è il pomo della discordia che costringe Daemon e Dee a giustificarsi con i propri simili per il loro affetto e interesse nei confronti di una "semplice umana", ma anche perché - pur non desiderandolo affatto - sembra essere destinata a giocare un ruolo fondamentale nelle vicende che coinvolgono le varie razze aliene che abitano la Terra. A discapito dei propri desideri, Katy infatti è tutto fuorché una ragazza comune e gli avvenimenti di Onyx hanno cambiato le carte in tavola in modo irreversibile.Jennifer Armentrout, pur mantenendo fede al suo stile fresco e irriverente e distribuendo qua e la dei momenti di romance da batticuore, ha infatti rivelato un volto della storia che finora era rimasto celato. L'universo in cui i protagonisti si muovono è più stratificato di quanto mi aspettassi e presenta anche dei bei guizzi di originalità che in Obsidian mi erano un po' mancati. 
Per certi versi Onyx riesce a colmare alcuni vuoti e a fugare molti dubbi riguardo alla trama centrale attorno a cui ruotano gli eventi e dimostra che, pur essendo "Lux" una serie per adolescenti, non manca di cura per il dettaglio e spunti originali. Dopo il finale strappalacrime del libro non vedo l'ora di leggere Opal, che uscirà nel 2014!
In quelle ore avevo capito tante cose. Mi ero resa conto di quanto ero cambiata dal giorno in cui avevo conosciuto i Luxen, di quanto ero diventata coraggiosa per poterli difendere. Avevo mentito, ma l'avevo fatto per proteggerli. E ora sapevo anche che non avrei esitato a uccidere per Daemon e tutti quelli che amavo. La vecchia Katy non c'era più. Al suo posto c'era una persona diversa. Da "Onyx"
Una nota molto negativa va alla traduzione: dopo aver letto il libro in italiano ho cercato degli spezzoni in inglese per rileggerli e ho scoperto che, forse per blandire i toni sensuali dell'autrice, spesso le frasi sono state censurate e modificate, rese più "soft" e più adatte a un pubblico giovane. Così mi sono incuriosita e ho preso il libro in lingua originale, per leggerlo e comprendere quanto radicato fosse il problema della traduzione: il risultato mi ha sconfortata.Sia chiaro, il mio non è un attacco nei confronti della traduttrice, ma solo una constatazione che mi sento obbligata a fare. Il romanzo in lingua originale è decisamente più bello, completo, divertente e sfacciato di quello italiano. E' quasi come se la versione italiana fosse edulcorata e diluita, insomma. Le battute sono meno brillanti, le scene più hot sono tiepidine. Ma non basta. La tensione emozionale di alcuni momenti che sono stati per me topici e assolutamente memorabili, è stata in qualche modo uccisa. So che chi traduce di fa ben più che trascrivere il testo dall'inglese all'italiano, è un lavoro che richiede interpretazione, impegno, fantasia. Ma mi pare che in questo caso il risultato non sia stato dei migliori. Anzi. Mi viene da dire che il libro ha perso di valore con la traduzione e mi spiace, mi spiace davvero tantissimo.In generale, dopo aver confrontato la versione inglese con quella italiana ho notato una carenza di mordente davvero disarmante e togliere, a un libro del genere la sua vena irriverente, vuol dire privarlo del suo appeal. Per quanto mi riguarda una cosa del genere è davvero molto, molto grave perciò consiglio a tutti coloro che sanno leggere in inglese, di proseguire la serie in lingua. Mi auguro che la Giunti prenda in considerazione il mio umile e sincero pensiero e ponga più cura nella traduzione di Opal

Ecco un esempio di com'era in inglese, com'è tradotta da me in modo abbastanza fedele e com'è in italiano questa brevissima (e bellissima) scena. Voi traete le vostre conclusioni.In inglese:“Kitten,” he growled roughly.

I kissed him softly, sliding my hands into his silky locks, letting the pieces slide through my fingers. I tasted in him my own rising desire, my own need and heartache. Thrilling. Frightening. I pulled back.
“Kitten,” he said again, voice strained. “You don’t get to do that and then stop. That’s not how it works.”
I stared at him, my breath stalling in my lungs.
“Not when you’re mine.” Daemon backed us up and slid down the wall, pulling me on his lap so I was straddling him. “And you’re mine.” 

La mia traduzione:“Kitten,”ruggì duramente.Io lo baciai piano, facendo scorrere le mani tra le sue ciocche setose, lasciandole scivolare tra le mie dita. Assaporai in lui il mio stesso crescente desiderio, il mio stesso bisogno e il mio stesso dolore. Emozionante. Terrificante. Mi tirai indietro. “Kitten,” disse di nuovo, la sua voce era tesa. “Non puoi fare questo e poi fermarti. Non è così che funziona”Io lo fissai, il respiro bloccato nei polmoni. “Non se sei mia.” Daemon arretrò e scivolò lungo il muro, spingendomi sulle sue ginocchia così che io fossi a cavalcioni su di lui. “E tu sei mia.” 

La versione del libro:“Kitty...” mormorò lui.
Lo baciai dolcemente passando le dita nei suoi capelli bagnati. In lui sentii crescere il mio stesso desiderio. Era un bisogno doloroso e quasi mi spaventai.“Kitty,” disse lui di nuovo, la voce strozzata.  “non puoi fermarti ora.”Lo guardai senza fiato.
“Tu sei mia” disse, e indietreggiando si lasciò scivolare contro la parete, tenendomi tra le braccia. “Mia.” 


Verdetto: bello, intenso e pieno d'azione Livello di sensualità: baci e carezze (qualche leggero riferimento al sesso)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :