Magazine Cultura

Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda

Creato il 23 dicembre 2014 da Penny

Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda La cacciatrice di lieto fine
di Francesca Cani
Prezzo E-Book: € 2,49
Editore: Rizzoli
Pagine: 90
Genere: Romance mood romantico
Chignon spettinato, occhiali spessi e un libro sempre davanti al naso, Alba conosce pochissimo il mondo reale. Bibliotecaria veronese, lettrice da competizione e romantica disillusa, agli uomini in carne e ossa preferisce eroi come Jamie Fraser o Mr. Darcy. Quando una vacanza forzata e la prospettiva raccapricciante di passare le feste fra la madre iperprotettiva e il padre assente la mettono in fuga, Alba non sa dove rifugiarsi. Un volo last minute la fa atterrare in Irlanda. Lì nessuno la disturberà, tranne il destino, che il giorno di Natale la porta sul sentiero che sta percorrendo Bram O’Ryan, medico, surfista e testa calda dalla chioma rosso fuoco. Con lui partirà per un itinerario alla ricerca di esseri leggendari e sfide (im)possibili. Un nuovo amore può guarire dalle ferite del passato? Ci vuole un’abile cacciatrice per catturare il lieto fine perfetto. Un romanzo intenso che vi coinvolgerà, una storia d’amore in cui il lieto fine non è assicurato, ma va inseguito fino all’ultima pagina.


Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La predaFin dalle prime righe di questo romanzo si parla di amore, quello idealizzato ed irreale molto caro alla protagonista, Alba, che però alla fine verrà surclassato da uno più reale e veritiero, perché la vita non è sempre facile e nell'amore bisogna prima di tutto crederci e mettersi alla prova come fa durante il suo viaggio questa ragazza che racconta la sua storia. Il concetto di crescita e di vero e proprio viaggio per evadere è il motore di questo romanzo che riesce a trasmettere tante emozioni non solo legate alla storia dei protagonisti ma anche ai magnifici luoghi d'Irlanda e le suggestive atmosfere che ne fanno da cornice. La ricerca della felicità da parte dei personaggi è descritta attraverso metafore e similitudini e il lieto fine, anche se ci sarà, non è scontato ma inseguito con passione e con qualche colpo di scena. I personaggi sono descritti in modo ottimo, soprattutto Alba che è una ragazza comune in cui il lettore si può identificare, il suo viaggio interiore e i suoi pensieri accompagnano attraverso vicende particolari e ricche di spunti di riflessione in cui romanticismo e realtà si intrecciano con un perfetto equilibrio. L'idea della trama è insolita, non gioca su stereotipi e si concentra molto di più sulla parte emotiva fino a far ricredere il lettore e la protagonista che il lieto fine, quello vero, esiste e che non è così impossibile come sembra meritarsi la felicità. L'unico difetto che si può trovare nella storia è che è troppo breve, è così ben scritta e coinvolgente che se ne vorrebbe sapere di più e avere più pagine a disposizione per godersi le vicende dei protagonisti anche se il libro è sviluppato senza lasciare nulla in sospeso. Questo romanzo è una fiaba moderna ed insieme una storia emozionante, ricca di atmosfera e con sentimenti molto dolci che ne faranno una bellissima lettura per queste festività perché alla fine tutti siamo dei cacciatori di lieto fine!
Durata totale della lettura: Una serata
Bevanda consigliata: Cioccolata calda con panna
Formato consigliato: E-Book
Età di lettura consigliata: dai 16 anni
Sito dell'autrice: Francesca Cani
Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda“Il lieto fine non esiste solo nei romanzi d'amore!”


Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda

Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda
La preda
di Maria Masella
Prezzo E-Book: € 2,49
Editore: Rizzoli
Pagine: 133
Genere: Romance mood Emozionante
È notte e Nicole si ritrova su un peschereccio, bendata e legata. L’ultima cosa che ricorda è di essere uscita da un ristorante di Marsiglia. Poi il nulla. Chi l’ha presa e portata lì? E perché? A un tratto sente quella voce, rivede quell’ uomo che diceva di amarla e poi è sparito dalla sua vita: Nicolas Bastiani. Ufficialmente sembra una faccenda privata, ma ben presto Nicole capisce che in gioco c’è molto di più. Da brava pittrice, sa che per ottenere un buon risultato bisogna delineare le forme, definire i contorni e non tralasciare i dettagli… Chi si nasconde dietro quell’intrigo inquietante in cui lei sembra essere la preda più ambita? Un romantic suspense dai contorni decisi, il ritratto di una storia d’amore in cui l’autrice alterna abilmente pennellate di rosa e di giallo.


Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda
La preda Un romantic suspance piuttosto semplice, anche se si intuisce che l'autrice avrebbe voluto dire molto di più; la parte dell'intrigo è sviluppata in modo troppo prevedibile, senza colpi di scena ed alcuni personaggi poco sviluppati. Tutto il racconto sembra delineato a pennellate di colore ma senza quei particolari che l'avrebbero reso ricco e coinvolgente. Una novella breve è molto difficile da scrivere aggiungerci anche una componente gialla si è rivelata una scelta coraggiosa ma purtroppo a mio avviso non del tutto riuscita probabilmente a causa della lunghezza che ha molto penalizzato la storia. Il lavoro di pittrice della protagonista è descritto con passione ed emozione, è parte integrante del racconto quasi come una metafora della storia raccontata a tinte nette e senza alla fine, nonostante i limiti del racconto breve, lasciare nulla in sospeso. Tra mille sfumature ed emozioni questo romanzo è denso di contenuti, con personaggi incisivi, una trama fruibile e ben sviluppata, con qualche bella chicca come l'abbinamento tra i codici dei colori ad olio e le emozioni dei protagonisti. L'autrice è comunque molto brava, riesce nonostante il poco spazio a rendere fluido il romanzo che si rivela una lettura facile ed è evidente l'esperienza nel tenere comunque il lettore incollato alle pagine nonostante ci siano delle piccole pecche nella trama. Una narrazione efficace ed essenziale sia per quel che riguarda i personaggi sia per emozioni od ambientazioni, che spaziano da Marsiglia alla Corsica dipinge un noir senza pretese e veramente ben scritto.
Durata totale della lettura: Una serata
Bevanda consigliata: Tè nero alla vaniglia
Formato consigliato: E-Book
Età di lettura consigliata: dai 16 anni
Sito dell'autrice: Maria Masella
Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda
“Un piccolo romantic suspance dall'atmosfera intrigante!”


Recensione: La cacciatrice di lieto fine & La preda

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines