Magazine Cultura

Recensione: Nessuno escluso

Creato il 16 maggio 2015 da Miriam Mastrovito @miriammas
Recensione: Nessuno escluso Titolo: Nessuno escluso Autore: M.J. Arlidge Editore: Corbaccio Pagine: 400 Prezzo: 16,40 Descrizione: Southampton. Quasi un anno dopo i tragici avvenimenti di Questa volta tocca a te. Il cadavere di un uomo viene ritrovato in una casa disabitata. Il cuore è stato strappato e spedito alla moglie e ai figli. Lui è la prima vittima e l’ispettore di polizia Helen Grace sa bene che non sarà l’ultima.  Ma come mai un uomo felicemente sposato viene ritrovato così lontano da casa sua nel cuore della notte? I media parlano di uno Jack lo Squartatore al contrario: un serial killer che dà la caccia a uomini di famiglia con una doppia vita. Helen percepisce la furia che cova dietro gli omicidi, ma ciò che non sa è quanto sia terribile né cosa l’aspetti alla fine di questa catena mortale. Il nuovo romanzo di M.J. Arlidge, Nessuno escluso, arriva nelle librerie italiane dopo aver venduto 280.000 copie nella sola Inghilterra. Il libro è in uscita in 22 Paesi.   L'autore:  Recensione: Nessuno escluso M.J. Arlidge lavora in televisione da quindici anni e si è specializzato nella produzione di serie di alto livello. Ha iniziato alla BBC e ha poi trascorso sette anni alla Ecosse Films. In seguito ha creato una sua società di produzione specializzata in crime serial. Negli ultimi cinque anni ha prodotto numerosi crime – serials per network inglesi e americane, fra cui Torn, The Little House, e Undeniable. Il suo primo romanzo, Questa volta tocca a te, è diventato un caso editoriale internazionale in tutto il mondo. La mia recensione: Ripensate per un attimo ai delitti di Jack lo Squartatore e immaginate una situazione in cui i ruoli sono ribaltati: non più un serial killer che uccide le prostitute, ma una prostituta, trasformatasi in assassino seriale, che giustizia i suoi clienti. Intrigante, sebbene non originalissima, è proprio questa l’idea alla base di Nessuno escluso. Tutto comincia quando, in un quartiere malfamato di Southampton, viene ritrovato il cadavere di un uomo barbaramente mutilato e privato del cuore. Contestualmente, l’organo debitamente impacchettato viene recapitato alla sua famiglia. È solo l’inizio di una serie di delitti che a partire da qui si ripetono con lo stesso modus operandi. Le vittime sono, all’apparenza, tutti uomini irreprensibili, mariti invidiabili e padri modello che nessuno si aspetterebbe mai di incontrare in una zona della città notoriamente frequentata da delinquenti e prostitute. Sin dalle primissime indagini, emergerà tuttavia che si tratta di soggetti dalla doppia vita e che ad accomunarli è proprio la passione per la stessa prostituta. Angel, è questo il nome d’arte che le hanno attribuito i membri del forum Bitchfest in cui si recensiscono le prostitute e i clienti in incognito si scambiano pareri e informazioni utili. Per il resto di lei non si sa nulla, nemmeno quale sia il suo aspetto, giacché scovare e interrogare in tempo utile gli uomini che l’hanno frequentata sembra essere una missione impossibile. Il romanzo si sviluppa sul filo delle indagini svolte dalla squadra di polizia incaricata di svelare l’identità di questo “Squartatore” in minigonna e assicurarlo alla giustizia, ma è la stessa squadra a fornire lo spunto perché altre piccole storie si incastrino nel plot portante. Il caso viene infatti affidato a tre investigatori che recano con loro dei trascorsi particolari. L’ispettore Helen Grace, in un recente passato, ha ucciso la sorella, rivelatasi una serial killer; ancora incapace di metabolizzare l’accaduto, sfoga i suoi sensi di colpa attraverso pratiche di sesso sadomaso. Charlie Brooks, sequestrata dalla sorella di Helen quando le indagini erano ancora in corso, è appena rientrata in servizio dopo una pausa durante la quale ha cercato di superare il trauma e rimettere insieme i pezzi; nonostante si senta pronta per rimettersi in carreggiata, il suo rapporto con la Grace è ancora molto teso e tornare ad affiancarla in servizio non le risulterà affatto facile. Tony Bridges, invece deve fare i conti con la grave malattia che ha colpitola moglie paralizzandola dalla testa in giù; di sicuro è un buon poliziotto, ma i problemi familiari rischiano di invadere la sfera lavorativa procurando impreviste complicazioni. Insomma, un team composto da persone capaci ma dall’equilibrio precario, le cui vicende personali, emergeranno strada facendo e avranno anche delle ripercussioni sulle indagini. A tirar fuori gli scheletri dagli armadi e a mescolare pubblico e privato contribuirà anche la giornalista Emilia Garanita, donna cinica e senza scrupoli pronta a calpestare qualsiasi valore etico pur di assicurarsi uno scoop. La caratterizzazione dei membri della squadra investigativa e l’attenzione dedicata alle loro storie personali, dal mio punto di vista rappresenta proprio il maggior punto di forza di questo romanzo, che pur lasciandosi leggere con piacere, di certo non apporta nessuna ventata di novità, rimanendo piuttosto fortemente ancorato ai cliché del genere. La componente più marcatamente thriller si dispiega in maniera abbastanza prevedibile e senza grandissimi misteri. Sebbene i dettagli si conquistino solo nella parte finale, fin dall’inizio il lettore ha ben chiaro l’identikit dell’assassino nonché il suo movente ‒ un movente forte, decisamente comprensibile, al punto da farci apparire la colpevole quasi come la vera vittima, ma anche piuttosto scontato. Non posso dire che il romanzo mi sia dispiaciuto, nel complesso è un buon thriller, apprezzabile tanto più perché denuncia l’ipocrisia di quegli uomini che, vestendosi di falsi moralismi, finiscono spesso per maltrattare gli esseri più deboli; devo però ammettere che da un caso editoriale come questo mi aspettavo una marcia in più.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog