Magazine Cultura

Recensione: Potere esecutivo

Creato il 05 marzo 2016 da Miriam Mastrovito @miriammas
Recensione: Potere esecutivo Titolo: Potere esecutivo Autrice: Jennifer Probst Editore: Corbaccio Pagine: 263 Prezzo: 14,90

Descrizione:

Logan Grant si è reso conto di essere finito nei pasticci non appena ha messo gli occhi su Chandler. Ha accettato l’affare che lei gli proponeva perché voleva ricavarne un buon profitto ma… adesso è lei che vuole. E accetta di partecipare a un gioco in cui amore, desiderio e potere si mescolano pericolosamente. La posta in gioco sono milioni di dollari, ma Logan riuscirà ad averli solo se otterrà il anche il cuore di Chandler. Chandler Santell ha sempre evitato uomini ricchi e potenti che credono più nei soldi che nell’amore. Ma quando il suo prestigioso Centro di yoga si trova sull’orlo del fallimento, l’unico uomo che può aiutarla è Logan Grant, il peggior squalo nel mondo della finanza. E Chandler è disposta a tutto per salvare il suo sogno. Proprio tutto. L'autrice: Jennifer Probst è autrice di numerosi libri di Romance fiction Sexy&Erotic. Il successo mondiale è arrivato con la serie «Contratto indecente», «Contratto fatale», «Contratto di passione» e «Contratto finale», pubblicati in Italia da Corbaccio, che ha pubblicato anche «Vendetta piccante», «Fire», la serie «Cuori solitari»:«Cercando te», «Sognando te» e «Trovando te», un'appendice alla serie dei contratti «Il libro degli incantesimi», disponibile solo in ebook, «Potere esecutivo» e, assieme ad altre autrici bestseller, la raccolta di racconti «Baby its' cold outside». Jennifer Probst vive a New York con il marito e i figli.o, e un'appendice alla serie dei contratti «Il libro degli incantesimi», disponibile solo in ebook. Jennifer Probst vive a New York con il marito e i figli. La mia recensione:
Chandler Santell è un’insegnante di yoga. Figlia di un ricco imprenditore, non ha mai avuto un buon rapporto col padre, troppo preso dal lavoro per occuparsi della famiglia e così votato agli affari da voler combinare per lei un matrimonio di convenienza. Rimasta orfana di madre e dopo aver subito l’ennesimo affronto dal genitore, ha deciso di recidere con lui ogni legame per seguire le sue vere inclinazioni. La “Scuola per le arti e lo yoga”, da lei fondata, è il frutto di questa scelta coraggiosa, rappresenta tutto ciò che è riuscita a costruire, contando unicamente sulle sue forze. Ora che è sull’orlo del fallimento, tuttavia, non ha che un modo per salvarla: convincere il potente uomo d’affari Logan Grant a finanziare un suo progetto, nello specifico un corso per insegnare ai manager come ridurre il livello di stress. Logan, soprannominato “uomo d’acciaio” per la freddezza e la determinazione con cui gestisce i suoi business, incarna proprio il tipo d’uomo da cui Chandler vorrebbe tenersi alla larga. Calcolatore, ligio al lavoro, autoritario, per nulla incline al sentimento, sembra avere molti tratti in comune con suo padre. Interagire con lui le costa molta fatica e trovare un punto d’accordo pare un’impresa quasi impossibile, almeno fino a che fra loro non comincia a correre una certa elettricità. Chandler e Logan sono agli antipodi, appartengono a mondi inconciliabili, hanno modi opposti di pensare, eppure scoprono subito di provare una fortissima attrazione sessuale l’uno per l’altra. Resistere o lasciarsi andare? Questo il dilemma che li accompagnerà. A complicare il tutto si aggiungerà Richard Thorne, l’affascinante avvocato aziendale che mostrerà interesse per Chandler e che, a differenza di Grant, sembra essere l’uomo perfetto per lei. A quel punto la donna dovrà capire se è preferibile avere un compagno che non le fa correre i brividi lungo la schiena ma può offrirle la sicurezza di una relazione stabile, oppure seguire l’istinto e compiere un vero salto nel vuoto, accettando il rischio di un rapporto burrascoso con un uomo che non può farle promesse, ma che è capace di metterla in subbuglio con un solo sguardo. La trama alla base di questo romanzo è un po’ un classico, così come i personaggi incarnano dei cliché ricorrenti nel genere. Lui, uomo razionale e prepotente conquista lei, che non ha mai provato un orgasmo in vita sua, facendole scoprirei piaceri del sesso. Lei, donna tutta ideali e sentimenti, riesce a sbrinare il cuore di ghiaccio del freddo imprenditore, facendogli scoprire le gioie del vero amore. Da questo punto di vista, la Probst gioca sul sicuro, ripercorrendo un sentiero battuto infinite volte, sebbene dotato di un fascino intramontabile. Non posso dire di essere stata colpita dall’originalità della storia né di aver provato curiosità circa il suo epilogo, giacché leggendo le prime pagine ho capito subito come si sarebbe sviluppata e come sarebbe andata a finire – e non ho avuto sorprese in tal senso. Rimane il fatto che l’autrice si conferma abile nell’intrattenerci e nel regalarci passi carichi di tensione erotica, eleganti ed equilibrati. Le scene di sesso abbondano e sono molto esplicite, ma non sfociano mai nella volgarità né sono in stile “lezione di anatomia”. Vedere due mondi tanto distanti, avvicinarsi, collidere e poi trovare un punto di incontro ha il suo fascino ed è un percorso che crea anche situazioni divertenti – vi basti immaginare Logan, compassato e professionale,che frequenta le lezioni di yoga Pur seguendo un’evoluzione scontata, il romanzo nel suo insieme non annoia. Una lettura piacevole, insomma, consigliata per qualche ora di svago senza grandi pretese.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines