Magazine Cultura

Recensione: Pretty Dead

Creato il 03 febbraio 2012 da Annalisaemme @annalisaemme
Recensione: Pretty Dead
Pretty Dead
Francesca Lia Block

Prezzo di copertina:
€ 12,00
Formato: Brossura
Pagine: 125
Lingua: Italiano
Editore: Elliot Edizioni
Anno di pubblicazione: 2010
Generi: Paranormal Romance
In chi, o in che cosa, vuoi essere trasformato?
I fuochi devastano Los Angeles assieme al cuore nero di Charlotte Emerson. Tutto brucia, si consuma e ritorna: l’eterna solitudine, il ricordo del fratello ucciso da una febbre assassina e traditrice, la ricomparsa del suo primo compagno dalle mire oscure, l’attrazione per l’ingenuo, forse troppo ingenuo Jared, la possibilità di nuove amicizie sempre destinate a durare poche albe, pochi tramonti… Sangue nelle vene, acido. Unghie che lacerano, macchiate di nero. Drappi rossi in un’antica villa. Un secolo di distruzione vissuto con i propri occhi. La vita è bella, ma la morte ti rapisce. Perché Charlotte è più che morta. Charlotte Emerson è una vampira. E il suo cuore di eterna peccatrice appartiene a Los Angeles. “Tutti mi invidiano per la mia libertà e i miei soldi, ma non sanno veramente chi sono.”

Recensione: Pretty Dead
Che cosa si può desiderare se si è immortali, bellissimi ed intelligenti? All'apparenza niente, ma Charlotte, detta Char, desidererebbe solo la compagnia di qualcuno con cui poter condividere la verità sulla sua natura. Charlotte ha diciassette anni ormai da secoli, è bella e vive a Los Angeles in una casa con tutti i comfort e molti cimeli che vengono dalle epoche passate. Nonostante tutto però Char è sola: non può condividere nulla con nessuno. Troppo bella e troppo ricca attorno a sè ha sempre avuto amiche che alla fine la odiavano per la sua fortuna, ignare di cosa c'è dietro tutta questa opulenza. La protagonista è una vampira tormentata e in piena lotta con la sua natura che si troverà a fare i conti con la vita e la morte. Un libro particolare, molto corto, molto sintetico anche nei capitoli che risultano essere essenziali: composti da frasi anch'esse corte, danno poco spazio all'incertezza e allo snodo dei pensieri. Una scelta particolare quella dell'autrice che risulta essere piacevole. L'unica pecca, a parer mio, risiede proprio nella sua essenzialità: ci ritroviamo a leggere un "resoconto" delle vicende della protagonista, non c'è spazio per i preamboli o per delle descrizioni superflue, ma questo rende il tutto troppo sterile. Non scatta la passione e la comprensione verso la protagonista, sebbene il libro catturi da subito l'attenzione grazie alla scelta stilistica dell'autrice: una scelta che a mio avviso risulta essere un'arma a doppio taglio. Ho letto il libro in una giornata, incapace di staccarmi dalle sue pagine, l'ho letteralmente divorato perchè la storia e la scelta stilistica della narrazione mi hanno impressionata. Lo consiglio perchè è un libro molto bello ed intrigante, che vi saprà catturare.
Durata della lettura: due giorni
Bevanda consigliata: succo di arancia rossa
Età di lettura consigliata: dai 17 anni
Recensione: Pretty Dead
Che cosa succede a una vampira che desidera la mortalità?
Francesca Lia Block è l’autrice della saga di Weetzie Bat e di altri libri di straordinario successo, tradotti in sette paesi del mondo. Più che un’autrice di culto, con i suoi romanzi (che alla prima pubblicazione negli USA vennero osteggiati, e addirittura dati alle fiamme, per la franchezza con cui parlavano del mondo adolescenziale), la scrittrice ha ispirato un nuovo gergo, un nuovo linguaggio, decine di siti internet, di tesi universitarie, di fanzine e di club. Ultimamente si sta dedicando alla versione televisiva per MTV delle sue opere letterarie e ha collaborato ai testi di pezzi di Tori Amos. Figlia di un poeta e di una pittrice, Francesca Lia vive e lavora a Los Angeles. Il suo sito internet è www.francescaliablock.com, quello del suo fan club ufficiale www.glowinthedarkstars.com.
Recensione: Pretty Dead

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine