Magazine Cultura

Recensione: Sei come sei di Melania Mazzucco

Creato il 19 agosto 2014 da Chaneltp @CryCalva
Buongiorno carissimi lettori! Come procedono le vacanze e le folli notti d'estate?
Finalmente dopo tanto tempo torno a scrivere una recensione per il blog ^^
SEI COME SEI Recensione: Sei come sei di Melania Mazzucco
AUTORE: Melania G. Mazzucco EDITORE: Einaudi PAGINE: 235 PREZZO CARTACEO:17,50 Sul treno per Roma c'è una ragazzina. Sola e in fuga, dopo un violento litigio con i compagni di classe. Fiera e orgogliosa, Eva legge tanti libri e ha il dono di saper raccontare storie: ha appena undici anni, ma già conosce il dolore e l'abbandono. Giose è stato una meteora della musica punk-rock degli anni Ottanta, poi si è innamorato di Christian, giovane professore di latino: Eva è la loro figlia. Padre esuberante e affettuoso, ha rinunciato a cantare per starle accanto, ma la morte improvvisa di Christian ha mandato in frantumi la loro famiglia. Giose non è stato ritenuto un tutore adeguato, e si è rintanato in un casale sugli Appennini. Eva è stata affidata allo zio e si è trasferita a Milano. Non si vedono da tempo. Non hanno mai smesso di cercarsi. Con Giose, Eva risalirà l'Italia in un viaggio nel quale scoprirà molto su se stessa, sui suoi due padri, sui sentimenti che uniscono le persone al di là dei ruoli e delle leggi, e sulla storia meravigliosa cui deve la vita. Drammatico e divertente, veloce come un romanzo d'avventura, "Sei come sei" narra con grazia, commozione e tenerezza l'amore tra un padre e una figlia, diversi da tutti e a tutti uguali, in cui ciascuno di noi potrà riconoscersi.
Recensione: Sei come sei di Melania Mazzucco
Un romanzo che parla di abbandono, desiderio e speranza, di un amore tra un padre e una figlia che si perdono, si cercano, si ritrovano infine con un'audacia sprezzante che sfida gli archetipi di una società ancora assopita nel sonno dell'irragionevolezza. Toccando tematiche tanto attuali quanto problematiche, la storia ruota intorno a Eva, piccola ragazzina appena undicenne ma con la maturità e la forza di una donna ormai segnata dalla saggezza dell'esperienza, che si pone lungo le pagine quasi come l'emblema di un'innocenza consapevole dalla quale scaturisce l'ordinamento per un mondo nuovo, forse più giusto, forse più temuto. Melania Mazzucco crea così una compagine di personaggi immersi in uno scenario che non è altro che la società dei giorni nostri, facendo alternare le voci narranti e i punti di vista della scena, mostrandoci tante voci, tante storie, tante battute di uno stesso copione che assume tonalità diverse in base all'animo, all'emotività, al carattere e alla fisionomia dei teatranti. “Sei come sei” è un romanzo che commuove, ma non è una tristezza malinconica quella che sorge bensì una tristezza piena di rabbia e aggressività che si eleva contro i “soprusi” narrati all'interno di questo libro, all'interno di un'Italia, se è possibile definirla tale, in “regresso”, dove non tutti hanno le stesse opportunità, gli stessi diritti, l'uguaglianza tanto proclamata a gran voce. Perché vi starete chiedendo? Perché tutto è spesso basato sul pregiudizio, su convinzioni comuni fossilizzate... ma si sa bene che i fossili appartengono al passato, mai al presente o al futuro.
Rainbow Fetish or what by rekamerPercorrendo le tappe di un viaggio nei meandri della nostra nazione, Eva ci racconta la sua storia, ci mostra la sua indole libera e coraggiosa, ci confida i suoi segreti e le sue aspettative: a tal proposito ho trovato piacevole l'inizio del libro in cui Eva ci confida di voler diventare una scrittrice, pretesto forse per la Mazzucco per una piccola parentesi letteraria che ho trovato alquanto piacevole.. Ero come un personaggio letterario? Magari! Sono dei privilegiati, quelli che esistono solo nei libri. Il loro tempo ha inizio ma non ha fine, è fermo ma scorre. Nascono, ma non muoiono, raggiungono un'età ma non la superano. Se hanno vent'anni quando il libro finisce, possono vivere per sempre giovani, come i vampiri e gli dei. A volte vivono nel presente, accanto a noi. Abitano i nostri stessi giorni. La loro date segnano anche la nostra vita. Ciononostante il tempo scorre a velocità diverse per noi, che siamo qui e ora, e loro.. che esistono solo nel mondo di carta della letteratura” Ancora una volta, è l'amore il protagonista indiscusso di questo romanzo, amore che assume diverse sfaccettature, che crea legami indissolubili tra estranei che diventano famiglia seppur non legati da un vincolo di sangue o una certificazione legale. Spicca primo tra tutti l'amore tra Giosè e Christian, un amore combattuto, impervio, costretto a lottare contro gli sguardi maledicenti, la paura, la tensione, il sospetto che forse sia meglio nascondersi.. ma sono proprio tutte queste ombre effimere a rendere maggiormente consapevoli e liberi questi due uomini, più capaci di combattere per qualcosa di diverso eppure uguale, per qualcosa per cui vale la pena vivere, è il buio a dare maggiore luminosità. Sono loro i due padri di Eva, una figlia tanto voluta, tanto sofferta, tanto agognata, una figlia che ha coronato il sogno di due amanti che hanno reinventato se stessi e le loro prospettive di vita, che hanno ridistribuito il tempo tanto illusorio quanto sfuggente, che hanno costeggiato la burocrazia italiana, non per egoismo o egocentrica soddisfazione ottenuta in un attacco alle istituzioni e in un rifiuto quasi titanico delle convenzioni, ma soltanto per amore. Christian e Giosè infatti non hanno potuto coronare il loro sogno, scaturito improvvisamente come naturale e istintivo di fronte a un quadro celebrante la paternità, in Italia ma all'estero, in Armenia, lontano da un luogo tanto amato eppure inospitale adesso. Tali vicissitudini vengono soltanto narrate in un tempo postumo, dopo la morte di Christian, durante un viaggio che padre e figlia si ritrovano a fare insieme dopo tanto tempo, dopo quasi tre anni di assenza, di mancanza, di nostalgia, di un vuoto incolmabile che mai nessuno avrebbe potuto colmare. Giosè e Eva sono un padre e una figlia separate dalla burocrazia italiana che non considerava Giosè un padre degno e responsabile, capace di poter accudire e far crescere sanamente la propria figlia.. Per poter dimostrare che un uomo come lui non aveva diritto alla grazia di una figlia. Invece Eva era stata la cosa più naturale della sua vita, e l'unica che gli era riuscita veramente. Era stato un cantante notevole , ma per poco tempo, poi l'ispirazione, o il talento, o il soffio della poesia lo avevano abbandonato. Era stato un amante appassionato, ma volubile, un compagno fedele, ma incapace di aiutare Christian a realizzare davvero se stesso. Era stato invece un buon padre. Di questo aveva certezza.” gay art homosexual paintings men hugs nude naked by shharcNon appena persi entrambi gli amori della sua vita, dopo una lotta estenuante tra avvocati, giudici e tribunali, Giosè capisce che nulla cambierà, che i tempi non sono ancora maturi, che nessuno combatterà insieme a lui per Eva, e si rifugia tra le montagne, come un eremita, ormai senza scintillio negli occhi, barlumi di vita che lo hanno abbandonato gradualmente man mano che la scomparsa di Christian e Eva si faceva sempre più dirompente. Dall'altra parte invece, Eva non perde mai la forza per lottare, per mostrarsi fiera di fronte a tutto e tutti, dimostrando quanto due padri siano all'altezza del loro compito di genitori quanto un padre e una madre.. è lei il vero motore di questo romanzo, la vera spinta emotiva per tutti gli altri personaggi. Il finale rimane aperto, l'autrice ci abbandona in medias res, lascia spazio all'immaginazione del lettore, incerto su quale esito possa dare a questa storia, combattuto tra il desiderio di un lieto fine e la consapevolezza che la realtà spesso è ben diversa.
VOTO: Recensione: Sei come sei di Melania Mazzucco


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines