Magazine Cinema

Resident Evil: Afterlife

Creato il 20 settembre 2010 da Silvia7v

Titolo originale: Resident Evil: Afterlife Resident Evil: Afterlife

Regia:  Paul W.S. Anderson

Cast:  Milla Jovovich, Ali Larter, Kim Coates, Shawn Roberts, Sergio Peris-Mencheta, Spencer Locke, Boris Kodjoe, Wentworth Miller, Sienna Guillory, Kacey Barnfield, Norman Yeung, Fulvio Cecere, Ray Olubowale, Christopher Kano, Tatsuya Goke

Distribuzione: Sony Pictures, USA-Gran Bretagna, Germania, 2010

Guarda il trailer

Alice (Milla Jovovich) continua la sua ricerca dei sopravvissuti al terribile Virus T che ha trasformato la quasi totalità della popolazione in famelici zombie. La prima tappa del suo viaggio è l’Alaska, dove la ragazza crede si trovi la famosa Arcadia, la terra dei sopravvissuti. Purtroppo Arcadia non è lì ma in quei luoghi Alice rinconterà Claire Redfield (Ali Larter), che tuttavia a causa di un farmaco somministratole dalla terribile Umbrella Comporation, ha perso la memoria. Le due si dirigono a Los Angeles dove incontrano alcuni sopravvissuti, tra cui Chris Redfield ( Wentworth Miller), fratello di Claire, tenuto prigioniero dai sopravvissuti, Luther ( Boris Kodjoe),  e Bennett (Kim Koates). i sopravvissuti svelano ad Alice che Arcadia non è un luogo ma un’imbarcazione al largo della costa. Il gruppo dovrà affrontare i terribili zombie e i soldati e le trappole dell’Umbrella Corporation per giungere alla nave.

Resident Evil: Afterlife

Alice torna ad uccidere zombie e ad affrontare il terribile Albert Wesker (Shawn Roberts) e gli uomini della Umbrella Corporation in questo quarto (e inutile!) capitolo della saga di Resident Evil, che a quanto pare non sarà l’ultimo, visto il finale aperto e le voci circa un quinto episodio di cui si sta scrivendo la sceneggiatura. Alla regia torna Paul W.S. Anderson, regista del primo capitolo e produttore di Resident Evil- Apocalypse e Resident Evil- Extinction, nonché marito della protagonista Milla Jovovich. Anderson predilige l’azione pura e si rifà molto (direi troppo!) ai combattimenti in stile Matrix (anche la sequenza iniziale del film nelle immagini e nei colori ricorda Matrix!), e si affida alla stessa tecnologia 3D utilizzata da  James Cameron per Avatar, il che è uno dei pochissimi aspetti positivi della pellicola.

Resident Evil: Afterlife

Per il resto la trama è noiosa, prevedibile e piatta: scontri congli uomini della Umbrella, scontri con gli zombie, amici che vengono mangiati, amici traditori che quindi tanto amici non sono… Niente di nuovo e niente di più, insomma,  rispetto a quello propinatoci nei precedenti episodi. Persino le coreografie e le modalità di combattimento sanno di déjà vu, e l’effetto rallenty richiama non a caso Matrix e i film di  Zhang Yimou.
Unica nota positiva è la performance di Milla Jovovich,  ormai comprovata eroina dei film d’azione, anche se il suo trucco e il suo aspetto sempre impeccabile e senza sbavature anche dopo gli eventi più assurdi e i combattimenti più forsennati sono un tantino inverosimili.

In definiva un film inutile, del quale non si sarebbe sentita la mancanza.

Conclusione: Da evitare.

Voto: 4



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Silvia7v 65 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazines