Magazine Cinema

Review 2011 - Country Song

Creato il 31 marzo 2011 da Ludacri87
Review 2011 - Country Song
Review 2011 - Country Song
Review 2011 - Country Song
Review 2011 - Country Song
Review 2011 - Country Song
5,0 su 10
Peccato, peccato davvero per varie ragioni. Perchè "Country Song" poteva essere uno studio attento sul fenomeno delle country-pop-singer che hanno trovato il loro successo un pò ovunque, partendo dall'America rurale, magari con qualche santo in paradiso. Ci riferiamo soprattutto alla corposa Carrie Underwood, ma anche alla ninfetta per teen Taylor Swift e ad una serie di prodotti commerciali, appetibili per una vasta platea, senza la vera essenza del country, tanto che la diretta vicinanza al genere diventa uno "specchietto per le allodole" formale che nei contenuti ha poco a che vedere con la musica popolare americana. Qualche tratto di questo fenomeno non manca nel film, in cui soprattutto colpisce la critica, per nulla banale, al mondo che circonda le star, con un finale in odor di "drama" nella sua connotazione più viva. Peccato che a questa sottile descrizione, si giunga attraverso una scrittura per nulla plausibile, carica di sentimentalismi, in cui i diversi personaggi interagiscono tra di loro come in una soap vecchio stile, in un gioco di coppie che non ha senso nè credibilità. Proprio la volontà di affiancare alla star in crisi due stelle musicali in cerca di "fama" non è una scelta adeguata, soprattutto per la stupidità relazionale dell'impostazione fin dall'assunto. L'unica spiegazione sta nella volontà di montare un numero cospicuo di scene dal vivo di country-music, in cui i singoli attori potessero rappresentare le diverse anime del genere, da quella commerciale di Leighton Meester a quella autoriale di Garrett Hedlund. Entrambi, abbastanza lanciati nel mondo cinematografico, non fanno faville, si mostrano inadeguati ad interpretare personalità che sulla carta dovrebbero essere più complesse. Non è per nulla positivo l'approdo cinematografico di un grande songwriter reale come Tim McGraw che, non nuovo ai set, in questo caso è addirittura meno in parte del solito, con una sola espressione e l'incapacità di dare forza al film. Ed è chiaro che la protagonista, una sorta di Shania Twain/Faith HIll vecchio stile, Gwyneth Paltrow, che aveva già dato prova delle sue doti vocali in "Duets", sia l'unico vero motivo per cui valga la pena vedere la pellicola. La Paltrow, rilanciata dal franchise "Iron man", è perfetta per la parte, mai eccessiva nè onnipresente, eppure è l'unica luce del film. La regia di Shana Feste è priva di inventiva e incapace di creare un'alchimia corale verosimile. Il finale aiuta per quel che può.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Love Song: Monrak Transistor

    Love Song: Monrak Transistor

    La mini epopea del giovane Phaen che in un paio di anni passa da speranzoso cantante e padre di famiglia a spiantato barbone costretto ai lavori forzati, viene... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Pink Floyd – Crying Song (1969)

    Pink Floyd Crying Song (1969)

    Per chi reclama a gran voce una menzione per un disco che sicuramente non gode di grande promozione all’interno della vasta discografia Pink Floyd. Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • Mutant Song

    Beatrice Antolini, elettro-musicante italiana di Macerata al terzo album, ha saputo sin dall’inizio sprovincializzarsi e comandare sonorità alternative e miscel... Leggere il seguito

    Da  Quellochesento
    CULTURA, MUSICA
  • Blur - Song 2

    Blur Song

    Rimando i diari di viaggio ad un altro giorno, ragazzi: Parigi spacca. Ma io sono troppo sfasato, oggi.Ritroviamoci con un pezzo dei Blur, amici.Ascoltatori di... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • [LBN007] Nick Rivera - "Happy song is a happy song"

    [LBN007] Nick Rivera "Happy song happy song"

    Torna La bèl netlabel dopo due mesi di assenza dalla scena net-audio. Ci aveva lasciati con una release di stampo elettro-hip-hop-sofisticato, l'ottimo "E non... Leggere il seguito

    Da  Netmusiclife
    CULTURA, ELETTRONICA, MUSICA
  • Redemption song

    Redemption song

    Vi ho già fatto ascoltare questo brano, lo so. Ma lo trovo adatto o quantomeno rispettoso nei confronti di tutto quello che stà accadendo poco più ad Est del... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • Bruce Cockburn - Love song

    Bruce Cockburn Love song

    Per chiudere questa giornata, un brano di Bruce Cockburn estratto dall'album "High Winds White Sky", "Love Song". E che c'è di più semplice di una canzone... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA