Magazine Cultura

Reykjavìk Café

Creato il 25 agosto 2015 da Paolob
di Sòlveig Jònsdòttir - Sonsogno
Il bello (e il rischio) dei libri degli autori nordici - oltre al fascino embedded che hanno proprio perché vengono dal grande nord - è che non capisci subito se l'autore è maschio o femmina. I loro nomi sono incomprensibili se non conosci le lingue.
E quindi, quando ho acquistato questo libro sul Kindle, ero più che altro attratto dall'autore islandese, dalla curiosità di cascare in quel lontano mondo, dalla voglia di 'isolarmi' anch'io, di scappare nel mezzo dell'oceano.
E poi il libro ha aperto le sue pagine, mi ha trascinato in una carrellata di donne (l'ho capito che erano donne perché tutto era l femminile) alle prese con uomini più o meno bastardi, più o meno insensibili, più o meno fedifraghi.
I personaggi protagonisti, in questo libro per nulla gelido, si rincorrono nella loro solitudini, si incontrano inconsapevolmente, si strisciano dolcemente, costruendo uno spaccato di vita islandese formidabile.
Il libro inspiegabilmente brillante, avvincente, e ti consente di prendere fiato.
Ma ha una forza, che molti libri di donne non hanno.
Racconta il rapporto tra donne e uomini senza scadere nella lamentela ormai tanto comune alla società di oggi, al luogo comune di uomini stupidi, vanitosi e insulsi.
Racconta la fine di una società, in cui - dal punto di vista femminile - il rapporto a due è sempre più complesso e ingestibile, fino alla fine.
Ho visto le foto dell'autrice sulla rete. È biondissima.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines