Magazine Italiani nel Mondo

Ricercatrice a Bruxelles. Grazie all’Erasmus.

Creato il 24 ottobre 2011 da Fugadeitalenti

Quando un Erasmus “salva la vita”… è proprio il caso di dirlo. Quanti giovani professionisti italiani sono oggi all’estero (e ci restano), dopo aver appreso -nel corso degli anni universitari- quanto sia più semplice vivere, studiare e lavorare nell’Europa integrata del Terzo Millennio?

E’ il caso di Francesca Galli, 30 anni, attualmente ricercatrice nel settore antiterrorismo alla Libera Università di Bruxelles: Francesca è una vera “giramondo” delle accademie europee. Per cominciare l’iscrizione alla Facoltà di Scienze Diplomatiche a Gorizia, città di confine per eccellenza. Nel 2002 la scelta che cambia la vita: parte per un periodo in Erasmus a Parigi, destinazione l’Institut d’Etudes Politiques della capitale francese, dove si confronta con un metodo di insegnamento e di vita universitaria per lei assolutamente innovativo. Nel corso dell’Erasmus ha pure l’occasione di svolgere uno stage a Vienna, presso l’Onu.

Rientrata in Italia, e forte dell’esperienza precedente, Francesca si vede obbligata a scartare -per complicazioni burocratiche- una seconda laurea nel Belpaese: così opta per tornare a Parigi, iscrivendosi a un Master biennale in Affari Giuridici. Oltralpe trova la conferma di un ambiente accademico molto più focalizzato sugli aspetti pratici dell’insegnamento: svolge altri due stage, prima di comprendere che non è ancora il momento di fermarsi. Presenta domanda per un Dottorato in tre università e ottiene un posto nientemeno che a Cambridge (UK). Qui, in uno dei “templi” accademici per definizione, ha modo di verificare il meglio dell’istruzione universitaria: professori che ti seguono passo dopo passo, borse di studio e lavori extra-curriculari retribuiti.

Conclusa anche questa esperienza, Francesca ottiene un post-doc alla Libera Università di Bruxelles, dove attualmente lavora come ricercatrice. Attualmente vive nel cuore dell’Europa, quello stesso Continente che -attraverso una sempre maggiore unificazione- le ha consentito di vivere una carriera davvero eccezionale. A soli 30 anni.

Da Bruxelles Francesca osserva l’Italia: “Non mi sento esiliata. Io non sono fuggita dall’Italia: sono partita per curiosità, per voglia di sfide nuove. Il problema sta nel fatto che tornare in patria è per me ora molto difficile“. Così Francesca mette il dito nella piaga di un sistema universitario tricolore che -chiudendosi all’esterno- si priva di una “fertilizzazione” reale, data dalla contaminazione positiva apportata da una vera “circolazione dei cervelli”. Ci arriveremo mai, dalla “fuga”, alla “circolazione” dei talenti – nel Belpaese?

Ospite della trasmissione è Francesco Candelari, co-autore del libro “Generazione Erasmus – L’Italia dalle nuove idee”, che parla proprio della nuova classe dirigente che si è formata -e si sta formando- attraverso questo fondamentale periodo di studio all’estero.

Nella rubrica “Spazio Emigranti” un ospite d’eccezione: il cantautore Ivano Fossati ci spiega perché, nell’ultimo album “Decadancing”, ha deciso di dedicare ampio spazio al tema degli italiani che cercano una via di fuga all’estero.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Utilizza la piattaforma online “Matching”: CLICCA QUI

La discussione di questa settimana: E’ l’Erasmus il vero salvagente di una generazione che in Italia ha perso quasi ogni prospettiva? Erasmus come chiave di volta, per comprendere che -all’estero- le possibilità di lavoro o imprenditoriali esistono ancora, che basta varcare le Alpi per ottenere quelle chances sempre più spesso negate in patria? L’Erasmus vi ha dato -insomma- un’altra possibilità?

Scrivi la tua a: [email protected]

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: [email protected]

Alla prossima puntata: sabato 29 ottobre, dalle 13.30 alle 13.55 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Italiani a Bruxelles

    Anselmo è a Bruxelles da qualche anno, ci è arrivato per caso e si contano più le volte in cui ha detto lavoro a Bruxelles che vivo a Bruxelles. Lavora presso l... Leggere il seguito

    Da  Andima
    EUROPA, ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Cose che solo a Bruxelles

    Poi ti ritrovi in un locale notturno brussellese, tale Madame Moustache, tra luci rosse e musiche sintetiche, che loro, le luci, anche se non accese sanno... Leggere il seguito

    Da  Andima
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Indignati a Bruxelles

    Indignati Bruxelles

    Son andato e ho scattato un po' di foto. Da notare la presenza di bambini, gli "indignati veneti" (lo trovate?), le ragazze mezze nude e la polizia a far... Leggere il seguito

    Da  Andima
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Bruxelles ma belle

    Ho detto pardon alla signora che aspettava sulla soglia del vagone della metro e mi ha risposto oh sorry, ho lasciato la porta aperta per il tizio che stava... Leggere il seguito

    Da  Andima
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Bruxelles ma rebelle

    Ho ripetuto quasi a memoria l'inizio in olandese del messaggio della metro, come quello in francese, come quello in inglese. Ho lasciato il corpo appoggiato... Leggere il seguito

    Da  Andima
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Ricercatrice in Scozia

    “Non credo che tornerò in Italia. Il mio Paese mi manca davvero tanto, e sarebbe bello tornare e trovare il dinamismo che ho provato qui. Ma i tempi non sono... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ, UNIVERSITÀ
  • Lavorare a Bruxelles

    Da qualche tempo mi capita di essere contattata per qualche consiglio su come muovere i primi passi nel mondo del lavoro a Bruxelles. Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ