Magazine Politica

Riferimenti e confusioni

Creato il 16 marzo 2011 da Veritaedemocrazia
RIFERIMENTI E CONFUSIONI
di Giandiego Marigo

Non amo la retorica della Nazione e della Patria, non voglio aderire, solo perchè si deve, alla ridda di riferiferimenti risorgimentali tanto in voga in ogni salotto buono e da parte di ogni politico o di ogni istituzione che si rispetti.
Non andrò a cercare una coccarda tricolore da esibire.
Non credo che la contraddizione interna al palazzo del Potere sia davvero insanabile, non per i politici, che la sfruttano solo strumentalmente, visto che la fanno risaltare nel medesimo modo in cui la ignorano quando loro convenga.
Però va pur detto che questa nuova moda dei Leghisti di alzarsi all'Inno di Mameli e di uscire dalle stanze istituzionali in cui viene suonato è molto fastidiosa.
E' format, questo della Lega, greve e pesante.
Un poco volgare, come pare piacere così tanto ai suoi dirigenti che non si fanno mancare, appena possono né l'insulto ed ancor meno il disprezzo e l'offesa.
Offende e mette su piano derisorio le convinzioni fondamentali di grande parte del paese. La maggioranza...nettamente.
Non mi piace il riferimento storico confuso e raffazzonato, non aprezzo l'elogio all'ignoranza ed alla grevità che essi sembrano voler caccompagnare all'idea di popolare
Non amo la bestemmia, pur avendo riferimenti religiosi e spirituali molto personali ed originali. Non mi piace l'insulto gratutito...mi ha sempre infastidito oltremodo anche la tendenza ad abusarne on line.
Disprezzo, in buona sostanza, con tutta l'anima la grevità inutile.
Come definire quindi il gesto di assentarsi dall'aula al suono dell'Inno Nazionale, ed il ripetere parossissistico di questo gesto, in prossimità inoltre di una festa rituale...che ne esalta il senso storico?
Come qualificare i consigli igenici di Bossi Senior rispetto all'uso del Tricolore?
Che dire dell'andarsene al Bar di Bossi Junior al Consiglio Regionale Lombardo, proprio mentre si suona appunto l'inno. Gesto di disprezzo ulteriore rispetto all'uscita dall'aula, già grave.
Come qualificare il rifiuto di figure istituzionali di indossare i colori nazionali privilegiando il verde?
Può bastare per dargli dignità un riferimento storico confuso ed abbastanza arbitrario a quel Carlo Cattaneo, che si nomina in continuazione e di cui si abusa profittando forse del fatto che sia pochissimo conosciuto dalla stragrande maggioranza che lo menziona?
L'inno di Mameli ha attinenza con la repubblica Romana di Mazziniana memoria, che Cattaneo condivideva ed apprezzava...lui non avrebbe avuto alcun problema a cantarlo a voce spiegata.
Sono convinto che moltissima storia del nostro Risorgimento, vada rivisitata e raccontata per esempio dal punto di vista del popolo e non di una elite intellettuale e borghese.
Sono convinto che una volta privata della montagna di retorica Patriottarda e di piemontesità (ed anche qui il riferimento leghista al Borbone ed al Sud è privo di ogni attinenza storica), molta della nostra storia ci apparirà forse diversa da quel che pensiamo e gli interessi in gioco, che hanno dilaniato e caratterizzato il nostro risorgimento, ci saranno più chiari.
Fra questo ed il disprezzo inutile di un valore che era comune e nasceva dal bisogno generalizzato dei patrioti di unificare il paese c'è un abisso colmo unicamente dell'ignoranza di chi gioca con questi riferimenti perchè non li conosce...o peggio, perchè suppone che non li conosca chi lo ascolta.
Inventando separazioni geografiche e muri, supponendo fili spinati e divisioni etniche inesistenti o geografie tradizionali di pura fantasia.
Fra una rivisitazione storica ed un ordinamento federale, quello che Carlo Cattaneo auspicava e che resta molto più realizzabile su scala europea che su scala Nazionale ed italica in particolare ed il Federalismo accattone e separazionista, l'indipendentissmo dell'ignoranza...bhè c'è davvero grandissima differenza e passa soprattuto per il rispetto delle convenzioni democratiche e dell'altro cha abbiamo davanti, delle sue opinioni e delle sue convinzioni.
Cattaneo era liberale, fra l'altro, profondamente laico, sebbene di scuola religiosa (in gioventù)...mai anti Romano, anti Italiano...tendenzialmete repubblicano e sicuramente anti-Savoia.
Nulla a che vedere con le posizioni confuse e filo detrorse della Lega di oggi. Certo molto si deve rivedere, ma altro è disprezzare

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Forze speciali s’infiltrano in libia per dare riferimenti per bombardamenti...

    Forze speciali s’infiltrano libia dare riferimenti bombardamenti sicuri

    L'America spera che in Libia finisca presto. Il modello costruito nel paese mediterraneo è uguale a quello messo su in Afghanistan per rovesciare i Talibani 10... Leggere il seguito

    Da  Madyur
    SOCIETÀ
  • E Chissenefregaaaa!!!

    Chissenefregaaaa!!!

    Grecia sempre peggio: titolo di stato biennale ad un Rendimento Record del 22%Greek 2 Year Bonds Now Yielding Record 22%, Price On 10 Year Bonds 59 Of ParJust... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Benarrivato “E”

    Benarrivato

    La pace ha bisogno di un aiuto, la pace ha bisogno di poter trovare dei luoghi di discussione che non siano contaminati dalle presunte verità. Da Peacereporter... Leggere il seguito

    Da  Mdeconca
    SOCIETÀ
  • Camminare e....

    Camminare e...infilarsi in una crepa.E poi incontrare i topi dei rimorsi,i denti che schiacciano l'aria.Camminare e...sperare nella salvezza,dentro un murodove... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • E invece

    A Milano, per la lista Bonino-Pannella Marco Cappato (primo) raccoglie 1.866 preferenze, Emma Bonino (seconda) 835, M. Giacinto Pannella (dodicesimo) 58. Si... Leggere il seguito

    Da  Julesdufresne
    SOCIETÀ
  • E intanto…

    La notizia del giorno (in attesa di conoscere gli esiti dei ballottaggi) è la rinuncia della Germania al nucleare (che in verità anticipa quanto era già in... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    SOCIETÀ
  • E adesso?

    adesso?

    Una volta passata la sbornia della vittoria, l’eccitazione alla vista dei volti di Calderoli e La Russa o del sudore di Fitto, torniamo alla nostra realtà... Leggere il seguito

    Da  Leragazze
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ