Magazine Cultura

Riforma elettorale

Creato il 06 novembre 2012 da Renzomazzetti
Disegno di Ampelio Tettamanti: Nessuna violenza poliziesca avrà ragione della volontà di pace delle donne italiane.

Disegno di Ampelio Tettamanti: Nessuna violenza poliziesca avrà ragione della volontà di pace delle donne italiane.

La piazza è piena prevalentemente di contadini e operai; pochi altri raggruppati al centro, che portano il vestito completo con il nastro nero annodato al colletto della camicia, sono conosciuti insegnanti; tre personaggi, sconosciuti e quasi nascosti in un angolo in fondo, sembrano funzionari del re o spie della polizia. Una bandiera rossa sventola in prima fila sotto il nudo palco formato con un carro agricolo. Un fragorio di battimani accoglie il compagno Felice. Cavallotti prende il microfono e subito esclama: ”Io chiamo piccina quella scienza di Stato che fa consistere l’abilità e l’astuzia nello studiare i congegni affinché le minoranze appaiano nella loro espressione legale artificialmente minori di quello che sono e della forza che hanno realmente nel Paese”. Anche Gronchi, che ascoltai nella sala parrocchiale Pontederese, affermava che se viene abolita la proporzionale il suffragio universale diventa una beffa. E sottolineava che solo riconoscendo attraverso la legalità del voto, attraverso la funzione della rappresentanza parlamentare a ciascun partito l’influenza che gli spetta nella vita politica della nazione, si assicura quella pace sociale che è nell’animo di tutti. Se il suffragio universale è diviso dalla rappresentanza proporzionale si va inevitabilmente verso la deformazione antidemocratica del criterio del numero, della maggioranza inerte e compiaciuta. Se le minoranze sono ridotte a quantità così sparute da non poter più corrispondere alla loro ideale e pratica funzione, e quindi se un tale stato di inferiorità fa perdere ad alcuno dei partiti ogni fiducia nell’istituto parlamentare che non offre più loro il mezzo per far valere civilmente la loro influenza nella vita del paese, questo governo avrebbe mal contribuito al suo fine di assestamento e di pacificazione. (Ricordo da un racconto di Tirella).

[ Cerca: REALI MASCALZONI (4 novembre 2012) ]

M I E I    V E R S I

Miei versi,

mia nobiltà,

voi soli,

di tutto quanto,

somme immense,

alla vita donai,

voi soli restate,

piccoli in piccolo volume,

lucenti,

tutto s’è fatto gemmeo,

le lagrime i sorrisi i notturni aneliti

il vento e le rose,

il pensiero degli umani squallori

e i volti degli amori,

oh miei versi,

mia nobiltà,

voi soli restate,

lucenti…

-Sibilla   Aleramo-

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine