Magazine Attualità

Ritorno a Malthus?

Creato il 05 settembre 2013 da Sviluppofelice @sviluppofelice

(da due articoli, di  Sophie Wenzlau e Merijn Knibbe, in Real World Economics Review Blog, August 17, 27 and 28, 2013; tradotto e rielaborato da  Sviluppo Felice)

Thomas Robert Malthus

Thomas Robert Malthus

Sophie Wenzlau, del World Watch Institute, afferma in un recente articolo (“Global Food Prices Continue to Rise”) che il cambiamento del clima e la crescita della popolazione fanno prevedere nei prossimi decenni l’aumento e l’instabilità dei prezzi dei beni alimentari.

Dopo un declino annuo medio di 0,6% dal 1960 al 1999, dal 2000 al 2012 questi prezzi sono aumentati del 104,5%, a una media di +6,5% l’anno (dati della Banca Mondiale). L’aumento del prodotto agricolo è stato maggiore di quella della domanda. Dal 1961 al 2010 la popolazione mondiale è cresciuta di 3,8 miliardi (+123% ca.), mentre il prodotto netto alimentare è aumentato solo del 49%, grazie ai miglioramenti tecnologici e all’estensione della superficie coltivata (+434 milioni di ettari).

L’instabilità dei prezzi è aumentata drammaticamente dal 2006. Secondo la FAO, dal 1990 al 1999 è stata mediamente del 7,7% annuo, mentre nel 2000-2012 è passata al 22,4% (ma, secondo la Banca Mondiale, nel 1960-99 è stata di quasi 12 punti più alta). Una certa instabilità c’è sempre nei prezzi dei beni agricoli, a causa del tempo atmosferico. Ma oggi si aggiungono altri fattori, come il cambiamento climatico, l’aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti, i raccolti scarsi, le restrizioni nazionali all’esportazione, l’aumento della domanda, le scarse riserve e soprattutto la promozione dei biocarburanti. Dal 2000 al 2011 la produzione di questi ultimi è aumentata più del 500% (soprattutto mais, semi oleosi e canna da zucchero) incoraggiata dall’aumento del prezzo del petrolio e dal sostegno di USA e UE.

Nei prossimi decenni probabilmente i prezzi degli alimenti e la loro instabilità aumenteranno, a causa dell’aumento del cambiamento climatico, della crescita demografica, dei rapporti più stretti col mercato dell’energia. Secondo la FAO, l’aumento dei prezzi da una parte aggrava la povertà e la malnutrizione, dall’altra può incoraggiare gli investimenti agricoli.

La stessa tesi, secondo Merijn Knibbe, si trova in un rapporto dell’Unicef (“Escalating food prices: the threat to poor houseolds”).  Questo rapporto aggiunge, alle cause dell’aumento dei prezzi, la fluttuazione dei cambi e la speculazione finanziaria; e nota che nella maggior parte dei paesi poveri, tra il 2007 e il 2010 i prezzi sono aumentati del 55%. Dal 2008 le famiglie povere hanno esaurito le loro strategie di sopravvivenza, quali mangiare meno, diminuire le spese per la salute, aumentare i debiti e lavorare più a lungo in nero.

Sembra, scrive Knibbe, che il declino dei prezzi alimentari iniziato nel 1875 e arrivato fino al 2005 sia finito. E forse dobbiamo tornare a parlare di Malthus. Per delle politiche di contrasto a questa tendenza dobbiamo guardare innanzitutto ai bambini. Per di più, molti paesi in via di sviluppo devono consolidare i conti pubblici, e per questo stanno tagliando l’assistenza sociale e i sussidi alimentari. Invece i paesi minacciati dall’aumento dei prezzi alimentari dovrebbero passare dalle politiche di austerità a politiche di garanzia alimentare. Inoltre è necessaria un’azione mondiale contro la fame e la malnutrizione dei bambini e della famiglie povere.

Il modo migliore per frenare l’aumento demografico è di accrescere il potere delle donne (educazione, accesso al controllo delle nascite, reddito). Per gli esperti ONU, a metà 2013 la popolazione mondiale era di 7,2 miliardi. Nel 2050 saremo tra i 9 e i 9,6 miliardi, e alla fine di questo secolo gli scenari più probabili prevedono una popolazione fra i 6,8 e i 16,6 miliardi. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il ritorno della torre

    ritorno della torre

    La Freedom Tower di New York è diventata la torre più alta d’Ooccidente e la terza del mondoDopo 11 anni e 8 mesi New York City è tornata ad avere la skyline pi... Leggere il seguito

    Da  Simone D'Angelo
    SOCIETÀ
  • Il ritorno del feudalesimo

    ovvero delle FONDAZIONI nel Bel Paese Il centralismo regio che verso la fine del Medioevo andava affermandosi in alcuni stati europei urtava certamente contro... Leggere il seguito

    Da  Oirpina
    ATTUALITÀ
  • Ritorno all'isola di Arturo

    I social network rendono tutto più vicino e più distante. Abbiamo "amici" che possiamo contattare in un batter di ciglia, e che mai abbiamo incontrato di... Leggere il seguito

    Da  Luciusday
    SOCIETÀ
  • cinema: andata e ritorno!

    cinema: andata ritorno!

    "Con l'avvento del cinema sonoro, i produttori di Hollywood chiamarono negli Stati Uniti attori spagnoli per impiegarli nella realizzazione di pellicole da... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il ritorno della bicicletta

    ritorno della bicicletta

    Gli italiani sono tornati a pedalare, nel vero senso della parola: nel 2012, infatti, il numero di biciclette vendute – pari a 1.748.000 unità – ha superato... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Ritorno al passato

    Ritorno passato

    Non deve sorprenderci questo ritorno al passato fatto proprio dai politici che più degli altri parlano di riforme e riformismo e di cambiamento. Berlusconi che... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Ritorno a don Sturzo

    Ritorno Sturzo

    “De Gasperi non c’è più da oltre mezzo secolo. Nè, attorno, si vede taluno che possa assomigliargli. Persiste però la piattaforma valoriale su cui egli ha basat... Leggere il seguito

    Da  Libera E Forte
    CULTURA, SOCIETÀ, DA CLASSIFICARE