Magazine Diario personale

"Ritratto di Signora" (39)

Creato il 04 maggio 2015 da Franci
  
Buongiorno :)Oggi la parola va a Daniela.Potete leggere questo articolo anche sui blog: Miki in the PinklandStasera cucino io, Books Land e Un libro per amicoNon è mai facile scegliere di chi parlare in un ritratto. Questa volta però sono stata esageratamente fortunata.Avevo in mente un argomento e una donna in particolare ma, mi spiace per lei, per il momento dovrà aspettare la prossima occasione.Eh già perché il mese scorso, buttandomi su una lettura, ho fatto la conoscenza di due donne straordinarie che hanno rivoluzionato il loro modo di essere ed anche il mondo che le circondava.
Parlo di Sarah (1792-1873)e Angelina (1805-1895)Grimké, due donne che hanno saputo cambiare la storia.Concedetemi... non erano degli splendori, ma fortunatamente il ritratto non si basa su questa loro caratteristica - anche se pare che Angelina, a sinistra, fosse particolarmente corteggiata ai suoi tempi - bensì sul loro lato attivista nei confronti degli schiavi e delle donne.Ho conosciuto queste due donne meravigliose grazie al libro L'invenzione delle ali di Sue Monk Kiddedito da Mondadori di cui trovate la recensione qui- se non lo avete ancora letto vi consiglio di correre a farlo - e non ho potuto non pensare subito a loro per questo ritratto.Immaginatevi questo scenario: Charleston, South Carolina, anni che vanno dal 1792 (anno della nascita di Sarah) al 1895 (anno della morte di Angelina), famiglia benestante proprietaria di piantagioni e dedita allo schiavismo, un padre - il Giudice John Grimké - con un lavoro importante ed una vita necessariamente fatta di apparenza.Sarah e Angelina, due donne bianche, sono state capaci di rigettare le loro ricchezze e la loro posizione sociale per lottare contro la schiavitù.Da sempre Sarah si rivelò molto attenta nei confronti della questione; sin da bambina sognava di diventare avvocato nonostante il suo essere nata donna non le desse la minima opportunità al riguardo. Pur essendo di un'intelligenza eccezionale le venne preclusa, in quanto donna, l'istruzione universitaria che invece fu concessa ai suoi fratelli maschi. Sin da bambina fece azioni considerate inaccettabili dalla società del momento, come ad esempio cercare di insegnare a leggere agli schiavi e diventare amica di Hetty, la schiava a lei destinata.Questo suo modo di essere e di pensare condizionò molto anche la sorella Angelina che si rivelò ancora più ribelle della sorella.Nel 1818 Sarah fu allontanata da Charleston con lo scopo di assistere il padre malato in un viaggio, alla ricerca della guarigione e fu proprio a Philadelphia che venne a contatto con il movimento cristiano dei Quaccheri."In passato i quaccheri si distinguevano per alcune pratiche religiose che li differenziavano profondamente dalle altre sette cristiane, come il rifiuto di gerarchie ecclesiastiche e sacramenti, e civili come l'utilizzo del "tu" come un pronome ordinario, il rifiuto di partecipare a guerre o formulare giuramenti, vestire abiti identici, abolire la schiavitù e proibire il consumo di alcolici." Fonte WikipediaLa donna ormai ventiseienne rimase immediatamente affascinata dalle idee liberali che i Quaccheri avevano verso la schiavitù.Il padre non riuscì purtroppo a sopravvivere al viaggio e nel 1818 Sarah fece ritorno a Charleston senza però riuscire mai più a reinserirsi in una società così chiusa. Nel 1821 Sarah si trasferì definitivamente a Philadelphia e divenne una Quacchera. Anche Angelina la seguì qualche anno dopo, esattamente nel 1829.Tagliarono i ponti con la loro famiglia, la loro religione, la loro patria e le loro tradizioni. Immaginatevi quanto potesse essere rivoluzionaria già solo questa cosa in un periodo in cui una donna senza marito non era solita compiere un viaggio da sola.Sarah e Angelina sapevano bene come funzionasse il mondo degli schiavi. Ognuna di loro ne aveva ricevuta in regalo una, per il proprio undicesimo compleanno.A Charleston uno schiavo non aveva diritti, ed era trattato alla stessa stregua di un mobilio o di un possedimento terriero. Ogni schiavo era catalogato e prezzato come un qualsiasi altro bene posseduto da una famiglia. Le punizioni per chi trasgrediva agli ordini dei padroni erano esageratamente crudeli e tutto era regolamentato ed accettato anche dalla legge.A Philadelphia le due sorelle divennero attiviste abolizioniste arrivando addirittura a passeggiare a braccetto con uomini di colore. Combattendo lo schiavismo si resero però conto che anche loro, in quanto donne, erano vittime di terribili ingiustizie e divennero quindi le portavoci del femminismo. Sarah fu la prima donna negli Stati Uniti a scrivere un manifesto femminista esaustivo, mentre Angelina fu la prima donna a parlare davanti a un organo legislativo.Non tutti gli abolizionisti videro di buon grado questa nuova lotta e fu proprio a loro che Sarah disse:"Non possiamo portare avanti l'Abolizionismo se non affrontiamo il grande ostacolo che abbiamo di fronte. Se rinunciamo al diritto di parlare in pubblico, l'anno dopo perderemo il diritto di presentare petizioni, e l'anno dopo il diritto di scrivere e così via. Allora cosa può fare la donna per lo schiavo, quando essa stessa si trova sotto la suola dell'uomo e vergognosamente condannata a tacere?"Nel 1836, dopo aver cominciato a tenere comizi abolizionisti - arrivando fino a New York - cominciarono anche a scrivere e diedero alla luce lo scritto Appello alle donne del Sudchiedendo appunto a queste ultime di disobbedire ai mariti e di liberare gli schiavi.Nel 1838 Angelina divenne la prima donna che parlò davanti ad una commissione legislativa e nello stesso anno Sarah scrisse Lettere sulla parità dei sessi e la condizione della donna che divenne la base per le altre teoriche femministe nei decenni che seguirono.                                                                                        Nel 1838 Angelina sposò il Reverendo Theodore Weld, abolizionista, e insieme a lui nel 1839 le due sorelle pubblicarono in forma anonima un volume, American Slavery As It Is: Testimony of a Thousand Witnesses, in cui raccolsero storie dai giornali con i dettagli degli orrori della schiavitù. Questo scritto fu di ispirazione per Harriet Beecher Stowe nella scrittura del suo famosissimo libro: La capanna dello zio Tom.Sul finire degli anni Trenta dell'Ottocento erano probabilmente le donne più famose e famigerate d'America. Nel 1870, qualche anno prima che Sarah morisse a Hyde Park, nel Massachusetts, lei e Angelina guidarono ai seggi un corteo di quarantadue donne durante un'elezione cittadina. Marciarono sotto una bufera di neve per poi inserire le loro schede elettorali illegali in un'urna simbolica come atto di provocazione, l'ultimo che riuscirono a compiere. Entrambe morirono molto anziane, Sarah a ottant'anni mentre Angelina a novanta.Nella lotta contro la schiavitù, le sorelle Grimké scoprirono i pregiudizi che le donne dovevano affrontare; mostrarono più coraggio di ogni qualsiasi persona bianca del Sud di quel periodo, sacrificando la loro vita per la libertà degli Africani-Americani. Un secolo dopo, la storia delle sorelle Grimké fu ampiamente dimenticata. Le bibliografie, per esempio, segnalano le pubblicazioni di Weld senza menzionare che Sarah Grimké fosse coautrice. La stessa autrice del libroL'invenzione delle ali, che è nata e vissuta a Charleston, nella nota finale al libro sottolinea quanto queste due donne straordinarie siano tuttora sconosciute ai più anche nella loro stessa città. Questo dimostra come forse il pregiudizio non sia del tutto eliminato nonostante siano passati secoli.Felice di aver conosciuto la storia di queste due coraggiose sorelle spero di aver lasciato in voi la stessa ammirazione che ho avuto io imbattendomi per caso nella loro storia. Bibliografia:https://www.nwhm.org/online-exhibits/youngandbrave/asgrimke.html http://www.pbs.org/godinamerica/people/angelina-grimke.html   http://www.iep.utm.edu/grimke/ http://biography.yourdictionary.com/sarah-moore-and-angelina-emily-grimke  http://www.historyswomen.com/socialreformer/grimke2.html

Grazie Daniela.Non conoscevo la storia di queste due meravigliose donne ed è un peccato che siano state dimenticate nel tempo, visto tutto quello che hanno fatto. Grazie, perché forse ora con questo articolo molti potranno conoscerle :)Al prossimo mese,

Daniela, 
Fede, Franci, Miki e Monica.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • "Ritratto di Signora - Speciale 8 Marzo"

    "Ritratto Signora Speciale Marzo"

    Buona Festa della donna :)Quest'anno abbiamo scelto una citazione da un libro, che parlasse di un personaggio femminile.Potete leggere le altre citazioni sui... Leggere il seguito

    Da  Franci
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • "Ritratto di signora" (38)

    "Ritratto signora" (38)

    Buon pomeriggio,oggi la parola va a Federica .Potete leggere questo articolo anche sui blog: Miki in the Pinkland, Stasera cucino io, Books Land e Un libro per... Leggere il seguito

    Da  Franci
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • "Ritratto di Signora" (40)

    "Ritratto Signora" (40)

    Buongiorno :)Questo mese il ritratto è stato scritto da me.Potete leggere questo articolo anche sui blog: Miki in the Pinkland, Stasera cucino io, Books Land e... Leggere il seguito

    Da  Franci
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • "Ritratto di Signora" (41)

    "Ritratto Signora" (41)

    Buongiorno,questo mese lasciamo la parola a Monica.Potete leggere questo articolo anche sui blog: Miki in the Pinkland, Stasera cucino io, Books Land e Un... Leggere il seguito

    Da  Franci
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • "Ritratto di Signora" (43)

    "Ritratto Signora" (43)

    Buongiorno,questa volta la parola va a Daniela.Potete leggere questo articolo anche sui blog: Miki in the Pinkland, Stasera cucino io, Books Land e Un libro... Leggere il seguito

    Da  Franci
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • ritratto di Pazienza da pischello...

    ritratto Pazienza pischello...

    (oggi giornata fitta d'impegni, poco tempo per il blog. Mentre a grande richiesta stiliamo una nuova, aggiuntiva lista dei southern-movies, vi proponiamo un... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA, LIBRI
  • Buongiorno signora maschera!

    Buongiorno signora maschera!

    Foto: fonte.«Buongiorno signora maschera!» risuonava, un tempo, per le calli di Venezia nel periodo di Carnevale, perché non era possibile vedere oltre la... Leggere il seguito

    Da  Ramonagranato
    CULTURA, LIBRI