Magazine Cinema

ROBIN HOOD (USA, 2010) di Ridley Scott

Creato il 21 maggio 2010 da Kelvin
ROBIN HOOD (USA, 2010) di Ridley Scott Sarà che sto invecchiando, e sicuramente col passare degli anni si diventa sempre più burberi e insofferenti. Sarà che ormai non ho più il fisico per assistere in seconda serata a un film di 140 minuti, anche se "vorrebbe" essere d'azione. Sarà che, sciaguratamente, il sottoscritto continua ogni volta a dare una chance a Ridley Scott anche se ormai è dai tempi di Thelma e Louise (1991!) che non imbrocca più un film decente... fattostà che, per un infinito debito di riconoscenza nei confronti dell'autore di Blade Runner e Alien e per accontentare un paio di carissimi amici, mi sono dovuto sorbire questo interminabile e fragoroso giocattolone hollywoodiano che riuscirebbe nell'impresa di far annoiare e irritare anche il più adrenalinico degli spettatori.
Intendiamoci: non sono assolutamente quel tipo di cinefilo "snob", con la puzza sotto il naso, d'estrazione radical-chic e che aborrisce tutto ciò che proviene da oltreoceano. Ho sempre diviso i film in belli o brutti, indipendentemente dai budget o dagli incassi, e vado a vedere indifferentemente i grandi kolossal come i piccoli e invisibili film d'essai. Vi giuro che non ho pregiudizi e, tanto per essere chiari, considero Il Signore degli Anelli un titolo epocale di questo inizio di millennio.
Tutta questa lunga premessa per dire che Robin Hood è, semplicemente, un film orrendo. Aldilà di quanto sia costato e di quanto incasserà. Non posso scrivere una recensione circostanziata perchè non ho problemi ad ammettere che l'avrò visto si è no per metà, in quanto per il tempo restante le mie palpebre proprio non volevano saperne di stare aperte, e già questo la dice lunga. Ecco, prima ho citato Peter Jackson non a caso: la sua trilogia tolkeniana è stata così strabiliante che, inevitabilmente, ha sdoganato un genere (il fantasy) che poi ha fatto proseliti in tutte le latidudini, anche se con risultati spesso non così eccelsi. E questo Robin Hood, inutile girarci intorno, scimmiotta in maniera considerevole il già citato Lord of Rings: è impossibile, infatti, catalogare come film "storico" questa insulsa accozzaglia di luoghi comuni e altre amenità di genere... Il Robin Hood di Scott non ha alcunchè di storico, nè si limita a raccontare più o meno decorosamente le gesta dell'arciere di Nottingham, anzi: la Storia la prende beatamente a pesci in faccia, propinandoci una tale sequenza di sciocchezze, incongruenze e strafalcioni da far rabbrividire, adottando come miserabile pretesto il fatto di voler raccontare un Robin "giovane", in una sorta di prequel, ottimo escamotage per poter girare, appunto spudoratamente, un qualcosa che si avvicina molto più alla fantascienza.
Ciò che rende Robin Hood assolutamente insopportabile sono il rumore e l'enfasi che accompagnano ogni scena: mai visto in tanti anni un film più fracassone di questo! Due ore e mezza di urla, strepiti, clamore, grida assordanti e battaglie interminabili, raccontate in maniera inverosimile e in stile-playstation: tutto sopra le righe, caotico, estenuante. Come dicevo all'inizio, vorrebbe essere un film d'azione ma tutto questo chiasso finisce col generare nello spettatore l'effetto diametralmente opposto: stanchi di tanto strepitare, si finisce con l'addormentarsi e assuefarsi alle grida. A tutto ciò contribuiscono in buona misura anche gli effetti speciali, presenti in quantità industriale e debordante: niente infastidisce di più, infatti, che vedere in un film che vorrebbe (e daje) essere storico una serie di sfondi palesemente digitalizzati con la computer-graphics. Lo stesso motivo, in pratica, per cui avevo profondamente odiato un'altra "perla" dell'insulsaggine come Il Gladiatore. Solo che lì, almeno, avevamo un Russel Crowe ben tonico e palestrato, e con una recitazione un po' oltre il minimo sindacale. In Robin Hood invece la pluripremiata star australiana appare imbolsita, invecchiata e inadeguata. Assolutamente inguardabile, proprio come il film.VOTO: *

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Robin e Marian”

    “Robin Marian”

    1976: Robin and Marian di Richard Lester Film anomalo su uno dei più celebri personaggi ricorrenti sul grande schermo. A Richard Lester non interessano le... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • "Robin Hood"

    "Robin Hood"

    Per trovare la primissima versione prodotta per il grande schermo delle avventure di Robin Hood bisogna risalire addirittura al lontanissimo 1908. Leggere il seguito

    Da  Pickpocket83
    CINEMA, CULTURA
  • Life in a day ridley scott

    Life ridley scott

    Sapevo che prima o poi qualcuno l’avrebbe fatto. Il buon Ridley Scott ha deciso di sfruttare al massimo Youtube, il canale di condivisione video più famoso al... Leggere il seguito

    Da  Sushiadv
    CINEMA, CULTURA, DOCUMENTARIO
  • Robin Hood e la furbata di Ridley Scott

    Robin Hood furbata Ridley Scott

    Il personaggio, a metà tra storia e leggenda, di Robin Hood è una tra le più importanti figure immaginifico – letterarie dell’Inghilterra medievale, paragonabil... Leggere il seguito

    Da  Mickpaolino
    CINEMA, CULTURA
  • Ho visto: Robin Hood di Ridley Scott

    visto: Robin Hood Ridley Scott

    Ieri sera, visione di Robin Hood di Ridley Scott... Sì, è vero, sono un pò in ritardo, ma visto che non sono riuscita a vederlo quando era uscito nelle sale,... Leggere il seguito

    Da  Estel
    CINEMA, CULTURA
  • Robin Hood prima della sua nota leggenda

    Robin Hood prima della nota leggenda

    - Robin Hood – 2010 – ♥♥  - di Ridley Scott Ridley Scott, decisamente astuto e ormai ben dentro alle politiche blockbuster americane, sapeva che di film sulla... Leggere il seguito

    Da  Dylandave
    CINEMA, CULTURA
  • Robin Hood by BBC

    Robin Hood

    E la BBC colpisce ancora potremmo dire. Nel 2006 ha infatti creato un period drama incentrato sul ritorno in patria di Robin Hood e sulla sua vita come... Leggere il seguito

    Da  Mrsfrancis
    CINEMA, CULTURA

Magazines