Magazine Tecnologia

Rocket League: l’altro-calcio

Creato il 27 luglio 2015 da Cristian Deraco @christiandher

Se vi piace il calcio ma non abbastanza da andare a comprare un FIFA e adorate le gare di macchine ma non volete impazzire con un Forza Motorsport allora è il caso che proviate Rocket League.

Rocket League fonde le meccaniche di una simulazione calcistica con quelle di un videogioco di corse automobilistiche in un gameplay che è tutto un programma: l'obiettivo è fare gol nella porta avversaria ma non muovendo dei calciatori bensì delle autovetture molto particolari infatti esse sono in grado di accendere il turbo per colpire più forte il pallone (che è considerevolmente più grande della macchina che pilotate) di saltare e di distruggere i giocatori avversari. E non vi preoccupate perchè in Rocket League non esistono ammonizioni o espulsioni.

Partite ai lati opposti dell'arena e dovete ridurre nel più breve tempo possibile la distanza con la sfera per sorprendere l'avversario con un tiro immediato; il turbo si ricarica raccogliendo delle sferette luminose durante la partita e vi servirà sia per dare forza ai tiri sia per schiantarvi a tutta velocità contro un avversario disintegrandolo. Rocket League è caratterizzato da un gameplay tanto veloce quanto divertente, bisogna calcolare bene i movimenti e i salti per effettuare salvataggi in extremis e per evitare che l'avversario faccia più gol di voi nei 5 minuti di partita.

Rocket League è disponibile sugli store on line di PS4 e PC (Steam).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :