Magazine Cultura

Rolling Stones : Sway

Creato il 17 febbraio 2011 da Jagming

Questa volta, vorrei parlare di una canzone dei Rolling Stones, contenuta nel monumentale "Sticky Fingers": "Sway".
Siamo nel 1971, precisamente il 23 aprile quando venne pubblicato l' album, forse uno dei miei preferiti.
All' interno di esso vi sono tanti brani grandiosi, come Brown Sugar, ma vorrei parlarvi della canzone Sway, perchè meno conosciuta, ma non per questo meno bella.
Uscita come lato b del singolo "Wild Horses", la canzone è stata scritta da Jagger e Mick Taylor, ma accreditata a Jagger-Richards, forse per contrastare la coppia Lennon - McCartney, che nonostante lo scioglimento dei Beatles, ha sempre riscosso maggiore fama.
La canzone, che è stata la prima registrata nello studio mobile Stargroves, è un rock blues molto potente e trascinante, dove Taylor esegue due grandi assoli, non per lunghezza, ma per intensità!
Il brano, che tradotto vuol dire Potere, principalmente parla di depressione, ma nasconde altri lati del periodo degli Stones di quell'epoca, ovvero sesso, droga ed una certa convivenza tra il vivere quotidiano e la morte. Se nelle altre canzoni dell' album, si parla liberamente di morfina sesso e morte, qui bisogna leggere alcuni passi, per capire che Jagger e soci stanno parlando e maledicendo tutte quelle cose, così di seguito vi riporto la traduzione in italiano con una piccola riflessione per strofa.
"Ti sei svegliato per scoprire
un giorno che ti ha fatto a pezzi il cervello
ha distrutto la tua nozione di tempo circolare"
In questo caso, parrebbe un riferimento agli abusi di quel periodo, dove il tempo è definito circolare, non tanto perchè in preda a misticismo, ma forse più semplicemente, perchè la droga li stava portando a vivere senza una cognizione precisa della realtà e, forse una presa di coscienza di potere perdere tutto.
"Non ho mai sparso lacrime sulla terra polverosa
per i miei amici finiti sulla terra polverosa
non può durare questa sensazione che mi butta giù"
Ecco qui si legge la depressione, sia per le morti, come per i casi di Brian Jones e del concerto di Altamont, sia per la coscienza di essere molte volte più vicini all'aldilà a causa dei numerosi eccessi della coppia Jagger e Richards (forse più quest' ultimo, che pare non abbia nemmeno partecipato alla registrazione di questo brano).
"Ci deve essere un modo per scoprire
l' amore dicono sia il modo di venire fuori
un giorno mi sono svegliato per scoprire
proprio nel letto vicino al mio
qualcuno che mi ha smontato con un sorriso appena accennato"
L' insoddisfazione, in particolare sessuale, dovuti ai molti incontri casuali con sconosciute, magari avvenuti in preda alle droghe e, al risveglio in momenti di piena lucidità, rimanel' amarezza di avere consumato senza ricordo nemmeno del godimento.
Il ritornello di tutte le strofe dice:
"E' proprio questa vita infernale che ci tiene in suo potere
E' proprio questa vita infernale che ci tiene in suo potere".
Il successo, il potere del denaro e della notorietà, gli Stones sembrano impauriti che tutto possa svanire, forse per il non sapere gestire la loro vita stessa, maledicendola per il non riuscire a venirne fuori.
Entrando nel lato musicale, l' inizio del brano viene dato da Jagger che dà il tempo per l' intro di chitarra di Taylor, che fa seguire batteria e basso all' entrata del canto, che man mano che va avanti si fa meno scanzonato e più urlato, quasi come a gridare la disperazione sviscerandone la depressione.
Il primo solo di slide di Taylor, dalle caratteristiche blues bello e limpido, porta Jagger a rientrare al limite della voce, perchè ammettendo che "questa vita infernale" li tiene in pugno, trasforma il brano in un hard rock, dove il secondo assolo (sempre di Taylor)pare volere distruggere quella depressione, riaprendo le porte alla realtà!
Finalmente,dopo molti anni, gli Stones hanno portato il brano nel tour del 2006, anche se ammorbidito nel canto, a causa degli anni di Jagger.
Video:Rolling Stones-Sway
Video:The Rolling Stones - Sway (Live In Austin 2006)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog