Magazine Cultura

Romana de Roma

Da Zazienews
Romana de Roma
È la città la protagonista del bel racconto illustrato di Marta Baroni, pubblicato da Bao Publishing, la città dove la protagonista è nata e ha vissuto fino all'età di 25 anni. Il racconto apre con il primo "trasferimento", la prima fuoriuscita dal guscio. Ed è poi il racconto dell'esplorazione del guscio il cuore della storia. Una Roma di palazzi, piazze, parchi, tangenziali, che non sono i monumenti che tutto il mondo conosce. Dice l'autrice: "Ai miei occhi Roma era un enorme libro senza fine, pieno di storie affascinanti, che avrei potuto ascoltare senza stancarmi mai". Anche noi lettori sfogliamo le pagine senza accusare la stanchezza. Seguiamo Marta che si fa Cicerone e ci conduce nei luoghi della sua crescita, dall'asilo "La casa dei bimbi", diventata poi la location di Caro Maestro interpretato da Marco Columbro per la TV. Era una villa romana del I secolo dopo Cristo ed è circondata da un immenso giardino. Anche gli spazi verdi sono raccontati con affetto, anche quelli con l'erbetta spelacchiata.  L'occhio della bambina Marta si sposta dalla maestosità della Roma antica e via via scopre gli angoli più dimessi dei quartieri popolari. "Volevo scoprire ogni cosa, la più intima, di quelle vecchie borgate così autentiche, dolenti e incantate". Ecco allora Il Palazzo del giaccio, il grande magazzino, il cinema, il mercato, persino la tangenziale est, scempio urbanistico, si trasfigura per assomigliare a un polipo. Non poteva mancare Piazza Vittorio, segno di una Roma di oggi. È proprio a Piazza Vittorio oggi abitano due registi italiani, Sorrentino e Garrone. Su in alto in vecchi palazzi calati nel presente, un presente autentico, dolente e incantato. 
Romana de Roma
Dopo questo tour in giro per Roma ho letto Adesso scappa, disegnato da Marta, scritto da Patrizia Rinaldi, pubblicato da Sinnos. Una bellissima storia di adolescenza, una storia sentimentale capace anche di farci scoprire un insegnante di quelli bravi che con poche battute sanno sottolineare cose che non tutti gli insegnanti sanno dire.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :